Storie

di Tommaso Ciccotti

Cristiani in Bahrain: la visita del Papa consacra il Regno

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’annunciata visita di Papa Francesco nel Regno del Bahrain, in programma dal 3 al 6 novembre, conferma e rafforza la scelta della famiglia reale degli Al Khalifa, intenzionata ad accreditare il profilo del Regno come luogo di dialogo, accoglienza tollerante e convivenza pacifica tra diverse identità e comunità di fede, in un mondo sempre tormentato da conflitti settari e “scontri di civiltà”. E’ questa la cornice in cui i media nazionali come Al Ayyam Al Bahraini inquadrano l’annuncio della prossima visita papale, raccogliendo intorno a questa chiave di lettura anche i pareri concordi di esponenti noti delle locali comunità cristiane.

Secondo padre Fayad Charbel, sacerdote della chiesa del Sacro Cuore a Manama, la visita papale in Bahrain contribuirà a mostrare a tutti che il Bahrain è una terra “di dialogo e convivenza”, in un mondo “pieno di conflitti e guerre”. Il sacerdote Saba Haidousian, parroco della locale comunità greco-ortodossa, sottolinea l’importanza della visita papale per il Regno e per tutto il Medio Oriente, ricordando che il Re Hamad bin Isa Al Khalifa persegue da tempo l’intento di fare del Bahrain uno spazio di convivenza pacifica e libera tra le diverse comunità di fede.
Il “Forum per il dialogo Est e Ovest per la coesistenza umana” (che rappresenta anche l’occasione per la visita di Papa Francesco) concentrerà sul Bahrain l’attenzione internazionale, consentendo a tutti gli standard di “coesistenza tra diversi” che connotano la vita nel Regno. Anche l’incontro tra Papa Francesco e il Re Hamed – sottolinea Hani Aziz, pastore della Chiesa evangelica a Manama – sarà l’occasione per inviare “un grande messaggio” per un Medio Oriente “libero dalle guerre” che tormentano interi popoli e impediscono anche di immaginare un futuro di prosperità per tutti. Altri commenti sottolineano la piena libertà con cui i cristiani in Bahrain possono celebrare le proprie liturgie e amministrare i sacramenti.

Il logo ufficiale della visita papale (nella foto), secondo la spiegazione esposta nel sito ufficiale baharainpapalvisit.org, unisce le bandiere del Regno del Bahrain e della Santa Sede “sotto forma di mani alzate insieme al Creatore, in un appello per la pace”. Il ramoscello d’ulivo al centro simboleggia il frutto della pace concesso da Dio Onnipotente. Nel logo – riferisce la spiegazione ufficiale, soffermandosi su un dettaglio singolare e eloquente - le parole “Papa Francesco” sono colorate di blu “per indicare che il viaggio papale è affidato all’intercessione della Vergine Maria, ‘Nostra Signora d’Arabia’, patrona della cattedrale, che è dono del Regno del Bahrain alla Chiesa cattolica del Paese”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/10/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una enciclica “francescana” da non leggere su Repubblica

“Laudato si” di Papa Francesco è un testo complesso, davvero superficiale la lettura che ne offre Vito Mancuso sulle pagine del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Il cuore guarisce ascoltando”

All’appuntamento con l’Angelus della prima domenica di settembre il Papa si sofferma sulla guarigione del sordomuto narrata nel Vangelo di Marco. Al termine della preghiera mariana ricorda il popolo afgano, le popolazioni Usa colpite dall’Uragano e il viaggio in Ungheria e Slovacchia ormai in arrivo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

Chiesa

Congo, il dono del Papa ad un orfanotrofio

Al Foyer Nazareth, alla periferia della capitale Brazzaville, giunti tramite l’Elemosineria apostolica e la Nunziatura i medicinali offerti da Francesco per curare la drepanocitosi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano