Politica

di Mario Adinolfi

IL DIRITTO CIVILE PER ECCELLENZA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il terreno su cui vuole caratterizzarsi Stefano Bonaccini come nuovo leader del Pd è quello di rendere agevole abortire: nella “sua” Emilia Romagna RU486 nei consultori e Nipt gratuita significano selezione eugenetica, bambini down che non vedranno la luce, banalizzazione della soppressione dei nascituri. Roba da nazi. Poi si chiedono perché il Pd non vince mai le elezioni politiche.

Questa è la trincea di combattimento degli Anni Venti: c’è chi vuole agevolare l’uccisione dei bimbi nel grembo della madre (specie se diversamente abili) e chi guarda alla tragedia della denatalità e chiama questo alto tradimento, combattendo l’aborto in ogni sua forma. Da una parte le sinistre, dall’altra parte le leggi restrittive di decine di Stati negli USA, di Malta, dell’Ungheria, della Polonia e della stragrande maggioranza degli Stati nel mondo (24 nazioni proibiscono totalmente l’aborto, 42 lo consentono solo se la madre è in pericolo di vita, 51 solo in caso di gravi malformazioni del bambino). Insomma, nella legislazione sull’aborto un altro mondo esiste e un altro mondo è possibile.

Vi vogliono convincere che abortire sia un diritto da rivendicare. Il centrodestra italiano, culturalmente subalterno perché composto nella leadership Meloni-Salvini da ragazzotti manco laureati che hanno scritto più libri di quanti ne abbiano letti, non riesce ad andare oltre il balbettìo che evidenzia colossali lacune sul piano intellettuale e valoriale: “Non intendo toccare la legge 194, l’ultima parola deve essere sempre della donna, l’aborto è un diritto intangibile”, sono frasi di una impressionante pochezza pronunciate mille volte da chi ha vinto le elezioni italiane per tranquillizzare non si sa chi. I leader veri, da Trump a Orban, da Papa Francesco a Duda, non temono di chiamare l’aborto per quel che è: un infanticidio che non ha ragione d’essere, meno che mai nelle società opulente.

Occorre aprire il fronte antiabortista anche in Italia, con parole nette prive di formule di compromesso perché mai come oggi siamo nelle condizioni di battere l’irrazionalità e dunque l’ingiustizia di chi ripercorre le orme dei nazisti proponendo la selezione alla nascita e la soppressione di decine di migliaia di bambini l’anno (200 al giorno, altro che difficoltà ad abortire, altro che mozione ligure sul “diritto all’aborto” che non ha trovato un solo consigliere regionale disposto a votare contro). Non servono motivazioni religiose per spiegare il no all’aborto, anzi sono oggi persino dannose. Basta il laicissimo affidamento al raziocinio, all’osservazione della piramide demografica rovesciata, all’allarme (ipocrita) che tutti lanciano contro il cancro della denatalità salvo poi essere gli stessi che proclamano “l’aborto non si tocca” e privano dunque l’Italia di un bimbo concepito su sei come se fossimo alla roulette russa (e chissà quanti concepiti vengono uccisi dalla pillola dei cinque giorni dopo venduta liberamente in farmacia senza ricetta medica persino alle minorenni, illecitamente perché è una pillola di fatto abortiva e come tale non potrebbe essere venduta in farmacia ma il business è da decine di milioni di euro e in Italia il business farmaceutico viene prima della vita dei bambini).

I sei milioni di bambini soppressi dal 1978 con la legge 194 hanno causato la nostra regressione sociale ed economica. Oggi avremmo una popolazione italiana giovane e produttiva come quella trainata negli Anni Sessanta, Settanta e Ottanta dal sei milioni di nati tra il 1946 e il 1949 subito dopo la tragedia della seconda guerra mondiale. Il triennio che ci lasciamo alle spalle, tra pandemia e crisi geopolitiche, ha lasciato macerie simili da cui dobbiamo rialzarci ma tra il 2018 e il 2021 abbiamo fatto meno figli del solo anno 1946 e trecentomila ne abbiamo abortiti. Una pura follia e folle è chi, nelle attuali condizioni del Paese, vuole incentivare ulteriormente gli aborti anziché limitarli. Se la sinistra sceglie di caratterizzarsi su questi temi e il tema principale dei suoi nuovi aspiranti leader alla Stefano Bonaccini è come riuscire ad impedire più agevolmente la nascita dei bambini (l’analisi prenatale denominata Nipt è una bomba nucleare piazzata contro la natalità), chi si oppone alla sinistra deve cessare ogni forma di subalternità culturale e intellettuale spiegando che la legge sull’aborto è contraria all’interesse nazionale italiano e per questo va superata inserendo in Costituzione il diritto civile per eccellenza che è il diritto universale a nascere.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/10/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Storie

La confessione triste e postuma di George Michael

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Leggi tutto

Società

Francia, quadro instabile: la bioetica slitta a giugno

Dopo i rituali “stati generali”, previsti dalla stessa “Legge bioetica” con cadenza decennale in vista dell’aggiornamento della stessa, il governo Macron aveva dichiarato di poter procedere alla rivisitazione del testo legale entro la fine dell’anno solare. In realtà l’ospite dell’Eliseo sta attraversando una crisi politica cui fa da sfondo l’emorragia dei consensi. Così il Président prende tempo e spinge l’apertura del dibattito parlamentare alla fine della primavera.

Leggi tutto

Storie

LA STORIA E LE STORIELLE

Dov’eri? Che facevi mentre una dozzina di kamikaze immigrati e istruiti in scuole di volo non solo americane ammazzavano qualche migliaio di occidentali? In tutto il mondo islamico quella immane strage fu festeggiata, pubblicamente da alcuni, privatamente da quasi tutti. Se non si studiano quattordici secoli di ansia espansiva dell’Islam non si capisce l’11 settembre, che è solo una marginale tappa di un percorso innescato dalla sura del Corano (2, 190-193) che recita: “Combattete per la causa di Allah coloro che vi combattono, uccideteli ovunque li incontriate, scacciateli. Combatteteli finchè il culto sia reso solo ad Allah”. C’è questo o c’è Ratisbona. O capiamo o moriamo.

Leggi tutto

Società

Il Premio Nobel e fisico italiano Carlo Rubbia “Smentisce” Greta

Ambiente – La questione ambientale diviene sempre più un argomento all’ordine del giorno. Quando i media non parlano di vaccini, green pass e fascismi ecco arrivare la questione ambiente. I media sono soliti narrare di catastrofi imminenti o quasi.

Leggi tutto

Storie

Influenza aviaria a Roma, un caso accertato

Influenza aviaria, un caso accertato a Roma 3, in un allevamento a Ostia Antica. La Regione Lazio ha disposto su ordinanza del presidente Nicola Zingaretti per l’adozione delle misure straordinarie

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano