Politica

di Mario Adinolfi

UN DISCORSO DIFFICILMENTE CONTESTABILE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Al di là del passaggio esplicito sul “gender nelle scuole” che per noi del Popolo della Famiglia evoca una ovvia assonanza visto che il tema campeggia nel nostro simbolo, Putin ha detto ieri che: il frazionamento postsovietico del 1991 non fu votato dai popoli; che il popolo del Donbass-Donetsk è in prevalenza russo e lo ha dimostrato votando nel 2014 e nel 2022; che gli europei hanno ceduto la loro sovranità agli Usa; che gli Usa sono stati i soli a usare l’atomica e agiscono con modalità coloniali; che questo colonialismo statunitense viene perseguito distruggendo i valori tradizionali a partire addirittura dall’idea di madre e padre, di maschio e di femmina fino ad arrivare alla sovranità nazionale dei singoli Paesi alcuni dei quali sono stati già in passato distrutti dagli angloamericani (cita la Germania ma il pensiero non può non andare alle città italiane sistematicamente bombardate) e oggi sono occupati dalle loro basi militari e nucleari, con i loro leader tutti seguiti e intercettati; in questo quadro la distruzione del gasdotto North Stream ha una matrice chiara, basta vedere a chi conviene; la Russia resiste perché non sarà mai ridotta a colonia e lotta affinché a nessuno possa mai venire in mente di cancellare la nazione, la storia e la cultura russe.

In tutta franchezza non trovo in queste parole nulla che non sia vero e dunque nulla di contestabile. Potrei citare invece infiniti passaggi contestabili nei discorsi con cui Joe Biden e la vassalla Ursula von der Leyen giustificano le sanzioni alla Russia e la fornitura di armamenti d’attacco a chi le è ostile. Io non sono un antiamericano, riconosco che abbiamo un debito verso gli Usa per la libertà ottenuta nel 1945 e per averci evitato il giogo sovietico, ma davvero attendo con ansia il 2024 e l’inevitabile ritorno alla Casa Bianca di Donald Trump con cui il mondo godette di un quadriennio di vera pace e di cannoni statunitensi silenti. Trump, Putin, Orban e Duda possono garantire la pace dall’Atlantico agli Urali e oltre fino a Vladivostok, allo stretto di Bering, all’Alaska e giù fino a tutto il continente americano. Con leadership diverse il mondo attraverserà una stagione di pericoloso avvicinamento al disastro bellico finale, quella terza guerra mondiale su cui il Papa ci chiede attenzione in ogni momento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/10/2022
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa - L’Africa non va sfruttata ma promossa

Il Pontefice ha incontrato, per i suoi 70 anni di vita, in Aula Paolo VI, la comunità missionaria di “Medici con l’Africa – Cuamm”, invitando a valorizzare il “capitale intellettuale” dei giovani del continente

Leggi tutto

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

Chiesa

Ecologia integrale, non ambientalismo

La solenne apertura dell’Anno Santo della Misericordia è stata oscurata da una improvvida polemica sullo spettacolo illuminotecnico “Fiat lux”, proiettato sulla facciata della basilica vaticana. Al netto dell’amarezza per l’occasione sfumata nella solita chiacchiera da salotto, alcune considerazioni vanno però fatte

Leggi tutto

Politica

PdF unica alternativa praticabile

Il Pd renziano prova a silurare il governo stesso con la speranza di veder tornare il proprio Napoleone dall’isola d’Elba. Direttamente da Sant’Elena fa capolino la voce di Berlusconi, al contempo
Napoleone del centrodestra disfatto e convitato di pietra che ripropone nei salotti italiani discorsi e slogan da 1992. La vera novità sostanziale si dà solo nel movimento che sorge dai Family Day

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano