Politica

di Mario Adinolfi

UN DISCORSO DIFFICILMENTE CONTESTABILE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Al di là del passaggio esplicito sul “gender nelle scuole” che per noi del Popolo della Famiglia evoca una ovvia assonanza visto che il tema campeggia nel nostro simbolo, Putin ha detto ieri che: il frazionamento postsovietico del 1991 non fu votato dai popoli; che il popolo del Donbass-Donetsk è in prevalenza russo e lo ha dimostrato votando nel 2014 e nel 2022; che gli europei hanno ceduto la loro sovranità agli Usa; che gli Usa sono stati i soli a usare l’atomica e agiscono con modalità coloniali; che questo colonialismo statunitense viene perseguito distruggendo i valori tradizionali a partire addirittura dall’idea di madre e padre, di maschio e di femmina fino ad arrivare alla sovranità nazionale dei singoli Paesi alcuni dei quali sono stati già in passato distrutti dagli angloamericani (cita la Germania ma il pensiero non può non andare alle città italiane sistematicamente bombardate) e oggi sono occupati dalle loro basi militari e nucleari, con i loro leader tutti seguiti e intercettati; in questo quadro la distruzione del gasdotto North Stream ha una matrice chiara, basta vedere a chi conviene; la Russia resiste perché non sarà mai ridotta a colonia e lotta affinché a nessuno possa mai venire in mente di cancellare la nazione, la storia e la cultura russe.

In tutta franchezza non trovo in queste parole nulla che non sia vero e dunque nulla di contestabile. Potrei citare invece infiniti passaggi contestabili nei discorsi con cui Joe Biden e la vassalla Ursula von der Leyen giustificano le sanzioni alla Russia e la fornitura di armamenti d’attacco a chi le è ostile. Io non sono un antiamericano, riconosco che abbiamo un debito verso gli Usa per la libertà ottenuta nel 1945 e per averci evitato il giogo sovietico, ma davvero attendo con ansia il 2024 e l’inevitabile ritorno alla Casa Bianca di Donald Trump con cui il mondo godette di un quadriennio di vera pace e di cannoni statunitensi silenti. Trump, Putin, Orban e Duda possono garantire la pace dall’Atlantico agli Urali e oltre fino a Vladivostok, allo stretto di Bering, all’Alaska e giù fino a tutto il continente americano. Con leadership diverse il mondo attraverserà una stagione di pericoloso avvicinamento al disastro bellico finale, quella terza guerra mondiale su cui il Papa ci chiede attenzione in ogni momento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/10/2022
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Stop al reddito di cittadinanza per i genitori di figli violenti

La cronaca, purtroppo, è piena di aggressioni commesse da giovanissimi nei confronti di coetanei, pubblici ufficiali, negozianti e insegnanti.

Leggi tutto

Chiesa

Segreteria per l’Economia: si cambia

Il gesuita spagnolo rinuncia dopo tre anni per motivi personali legati alla sua salute, come egli stesso ha scritto in una lettera ai collaboratori della Segreteria dell’Economia. Il Papa nomina al suo posto l’attuale Segretario.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Gesù è la via della pace

Il messaggio pronunciato durante la benedizione urbi et orbi: “Vinciamo il torpore delle false immagini che fanno dimenticare il festeggiato e guardando Betlemme fissiamo lo sguardo sui bambini vittime della terza guerra mondiale”

Leggi tutto

Politica

IL GIOCO DELLE PARTI

Il Popolo della Famiglia depositerà in Corte di Cassazione tra due settimane il disegno di legge di iniziativa popolare sul diritto alla vita, che comprende reddito di maternità e sostegno alla disabilità e alla vecchiai

Leggi tutto

Società

SANREMO, 1988

Scorrevo l’elenco dei partecipanti al festival che si apre domani. Più della metà, totalmente sconosciuti. Sfido chiunque di voi senza googlare a citarmi un brano di Colla Zio, Mr Rain, Setu, Shari, Rosa Chemical, Will o Olly. Solo i nomi fanno capire lo stato di confusione mentale. Ospiti d’onore attesissimi sono i Maneskin, mentre Amadeus conduce con la Ferragni e Paola Egonu, quella che non fa una figlia in Italia per non farle avere quel che ha avuto lei, cioè montagne di soldi, fama e la conduzione di Sanremo pure se non capisce una mazza di musica italiana. Anzi, l’Italia non manca mai di insultarla raccontandola come un Paese razzista e ovviamente omofobo.

Leggi tutto

Politica

CON LA SCHLEIN CI SI VEDE IL 3 APRILE IN FVG

Prima prova per Schlein sono le regionali del Friuli Venezia Giulia il 3 aprile, dove oltre a destra e sinistra c’è il Terzo Polo e poi la novità di Insieme Liberi, l’aggregazione di 3V, Italexit, Ancora Italia, Popolo della Famiglia e altri. Hanno rotto il fronte solo Toscano e Marco Rizzo, ma si sono arenati sulle firme, non ce l’hanno fatta a raccoglierle, non ci saranno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano