Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa - Solo il Vangelo tiene accesa la speranza del mondo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lasciatevi evangelizzare dai poveri che evangelizzate”. È il messaggio che papa Francesco ha consegnato in Vaticano ai missionari degli Oblati di Maria Immacolata, riuniti per il loro capitolo che in questi giorni ha eletto come nuovo superiore generale lo spagnolo padre Luis Ignacio Rois.

“Come discepoli di Gesù e seguaci del vostro fondatore sant’Eugenio de Mazenod - ha detto loro papa Francesco - siete chiamati a portare il Vangelo della speranza, della gioia e della pace” in un mondo che “se da un lato sembra aver raggiunto mete che sembravano irraggiungibili, dall’altro è ancora schiavo dell’egoismo e pieno di contraddizioni, di divisioni. Il grido della terra e quello dei poveri, le guerre e i conflitti che versano sangue sulla storia umana, la situazione angosciante di milioni di migranti e rifugiati, un’economia che rende i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri, sono alcuni aspetti di uno scenario dove soltanto il Vangelo può mantenere accesa la luce della speranza”.

Il pontefice ha ricordato come il fondatore de Mazenod, all’origine di questa congregazione religiosa, si fosse fatto egli stesso viandante, “camminando con i suoi primi compagni nei villaggi della nativa Provenza, predicando le missioni popolari e riportando alla fede i poveri che se n’erano allontanati e che anche i ministri della Chiesa avevano abbandonato. È un dramma - ha sottolineato - quando i ministri della Chiesa abbandonano i poveri”. Oggi gli Oblati di Maria Immacolata sono presenti in 70 Paesi del mondo, comprese molte nazioni dell’Asia. “A questa Chiesa, che il Fondatore vi ha insegnato ad amare come una madre – ha detto il papa - offrite il vostro slancio missionario e la vostra vita, partecipando al suo esodo verso le periferie del mondo amato da Dio, e vivendo un carisma che vi porta verso i più lontani, i più poveri, coloro che nessuno raggiunge”.

In questo cammino il papa ha sottolineato l’importanza di due dimensioni: la speranza e la comunione. “Essere missionari della speranza - ha spiegato - significa saper leggere i segni della sua presenza nascosta nella vita quotidiana della gente. Imparare a riconoscere la speranza tra i poveri a cui siete mandati, i quali spesso riescono a trovarla in mezzo alle situazioni più difficili. Lasciarsi evangelizzare dai poveri che evangelizzate: loro vi insegnano la via della speranza, per la Chiesa e per il mondo”. Quanto alla comunione “oggi - ha osservato Francesco - è una sfida da cui può dipendere il futuro del mondo, della Chiesa e della vita consacrata. Per essere missionari di comunione bisogna viverla prima di tutto tra noi, nelle nostre comunità e nei rapporti reciproci, e coltivarla poi con tutti senza eccezioni. Il buon samaritano del Vangelo vi sia esempio e stimolo a farvi prossimi di ogni persona, con l’amore e la tenerezza che l’hanno spinto a prendersi cura dell’uomo derubato e ferito”.

Prendendo spunto dall’attenzione dedicata dal capitolo anche al tema dell’impegno a favore della custodia del creato come casa comune, il pontefice ha incoraggiato gli Oblati di Maria Immacolata a continuare a lavorare in questa direzione. “La nostra madre terra ci nutre senza chiedere niente in cambio; sta a noi capire che non può continuare a farlo se anche noi non ci prendiamo cura di essa. Sono tutti aspetti di quella conversione alla quale il Signore ci chiama continuamente. Tornare al Padre comune – ha concluso papa Francesco -, tornare alle sorgenti, tornare al primo amore che vi ha spinti a lasciare tutto per seguire Gesù: ecco l’anima della consacrazione e della missione”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2022
2402/2024
San Sergio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

In Vaticano l’incontro sui Santuari e la preghiera

Il secondo incontro internazionale per i rettori e gli operatori dei Santuari si terrà sino a sabato prossimo in Aula Paolo VI. Sarà occasione per proseguire un percorso di formazione

Leggi tutto

Chiesa

Catechesi. La passione per l’evangelizzazione: lo zelo apostolico del credente.

L’udienza generale di Papa Francesco

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: nella cura della salute conta la prevenzione

Il Papa riceve in udienza e parla brevemente a braccio con i partecipanti al seminario di “Etica nella gestione della salute”: non basta solo curarla, c’è una fragilità che va tutelata e per questo è molto importante la medicina preventiva

Leggi tutto

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano