Politica

di Roberto Signori

Reddito di cittadinanza verso l’ eliminazione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Uno dei nodi più importanti che il governo Meloni dovrà affrontare non appena sarà stata formata la nuova squadra di governo è il tema spinoso che riguarda il reddito di cittadinanza. Se da un lato il programma di Fratelli d’Italia prevede la sua sostituzione “con misure più efficaci di politiche attive di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro”, dall’altro lato il confronto tra le fila del partito e del centrodestra è serrato per trovare anche una soluzione che potremmo definire intermedia.

Secondo indiscrezioni de La Stampa, verrebbe abolita per sempre la possibilità di poter scegliere la seconda offerta di lavoro se la prima “non piace” o è troppo distante (oltre 100 km) dalla propria abitazione. Il prossimo futuro potrebbe essere ben diverso: non ti va il primo lavoro? Pazienza, addio reddito. Fosse così bisognerebbe capire quanto il gioco valga la candela dal momento che una larga fetta di chi prende lo stipendio statale non è abile al lavoro.

Adesso, infatti, il disoccupato può decidere di rifigurare “due offerte di lavoro congrue” al suo curriculum e in linea con le sue aspettative prima di perdere per sempre il sussidio. Tra poche settimane, però, potrebbe non essere più così. Il sostegno, comunque, non mancherebbe: come ha affermato pochi giorni fa Francesco Lollobrigida, deputato di FdI molto vicino alla Meloni, “il reddito è fallito e va cancellato, ma questo non significa lasciare i deboli senza sostegno. Poi dobbiamo lavorare per politiche attive sull’occupazione”, scrive SkyTg24.

Dal canto loro, i pentastellati promettono una battaglia “dura e intransigente”. Nelle ultime ore, Giuseppe Conte è tornato a parlare del reddito di cittadinanza assicurando che darà battaglia in Parlamento: “Non è pensabile cancellare uno strumento di sostegno alle famiglie che non ce la fanno più mentre aumentano le bollette del 60%”. In ogni caso, una bella “sforbiciata” al sussidio potrebbe ridare fiato al taglio delle tasse intervenendo sul cuneo fiscale dove potrebbero essere dirottati i fondi del RdC e rimpinguare la misura. L’unica certezza è che l’attuale sistema non va: negli anni abbiamo assistito e assistiamo ai furbetti che lo percepiscono indebitamente senza averne il minimo diritto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2022
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia apre la campagna elettorale a Ostia

Il Popolo della Famiglia (PdF) ha aperto ad Ostia la campagna elettorale per le prossime Amministrative a Roma. “Questa campagna elettorale a Roma è una grande sfida per il nostro movimento di ispirazione cristiana, che torna a proporsi agli elettori della capitale con i temi forti che ci caratterizzano: aiuto alle famiglie, difesa della vita dal concepimento fino al suo termine naturale, lotta contro l’ideologia gender nelle scuole, l’aborto e l’eutanasia”, spiega Fabiola Cenciotti. “Abbiamo scelto Ostia perché incarna tutte le esigenze e le problematiche delle periferie della grande città, che non sono state né affrontate né risolte dalla disastrosa gestione del M5S. Con lo slogan ‘Più figli, meno tasse’ ripartiamo da qui per dare alla nostra città e poi a tutta l’Italia una nuova politica aperta alla vita”.

Leggi tutto

Società

Forse la vera laicità potrebbe ancora salvare l’Italia

«La laicità non è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, la laicità è tutela del pluralismo e delle diversità culturali». (Mario Draghi citando una sentenza della Corte costituzionale nel discorso del 26/06/’21).

Leggi tutto

Società

Reddito di cittadinanza, altra truffa a Monza

C’erano quelli che indicavano – inventando — di avere figli a carico. Oppure gli stranieri che dicevano di essere ormai italiani acquisiti da oltre dieci anni, e invece erano immigrati da pochi mesi

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia a Pomezia

Mario Adinolfi: “all’assemblea nazionale di Pomezia sono state dette parole che resteranno. Un altro pezzetto di strada l’abbiamo compiuto, come piace a noi, insieme. Viva il Popolo della Famiglia”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano