Politica

di Roberto Signori

Eutanasia - Corte Europea contro il Belgio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2012 aveva fatto discutere il fatto che in Belgio le autorità avessero permesso di praticare l’eutanasia su Godelieva de Troyer, una donna di 64 anni che soffriva di depressione. L’iniezione letale era inoltre avvenuta senza avvertire i famigliari e per questo il figlio della donna, Tom Mortier, aveva avviato una battaglia legale affermando che i famigliari avrebbero dovuto essere coinvolti in una scelta così drammatica.

Patrocinata da ADF International, nel 2019 la causa è arrivata alla Corte Europea di Strasburgo, che ora ha deciso in favore di Tom Mortier, sentenziando che il Belgio ha violato la Convenzione Europea sui diritti umani per non aver propriamente esaminato le circostanze allarmanti che hanno portato all’eutanasia di De Troyer.

Secondo la Corte, c’è stata una violazione dell’articolo 2 della Convenzione, che sottolinea che il diritto di ciascuno alla vita deve essere protetto dalla legge. La sentenza riguarda in particolare il modo in cui il caso di De Troyer è stato gestito dalla Commissione Federale del Belgio per il Controllo e la Valutazione dell’Eutanasia.

La Corte non ha comunque detto che sia stata violata alcune legge belga per la pratica dell’eutanasia. In Belgio l’eutanasia è legale dal 2002 e da allora oltre 27 mila persone sono morte per eutanasia nel paese.

Tom Mortier ha sottolineato che la sentenza “chiude questo terribile capitolo della mia vita, e mentre nessuno può alleviare il dolore di aver perso mia madre, la mia speranza è che la decisione della Corte che c’è stato una violazione del diritto alla vita avvisa il mondo dell’immenso danno che l’eutanasia infligge non solo sulle persone in situazioni vulnerabili che pensano alla fine della loro vita, ma anche alle loro famiglie, e di conseguenza alla società”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/10/2022
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Storie

Belgio, arriva Kroiroupa

Kroiroupa, gioco in scatola su religioni e laicità è stato ideato dal Centro comunitario laico ebraico David Süsskind ed è nato come strumento educativo sviluppato nell’ambito del programma “Dico no all’odio” per studenti della quinta e sesta classe delle scuole primarie

Leggi tutto

Politica

Eutanasia, vince l’Italia pro-life

Sulla vicenda è intervenuta anche Barbara Figus, Coordinatrice regionale del Popolo della Famiglia, confermando il fatto che l’eutanasia potrà arrivare solo per legge, non per referendum, e sarà una legge che il Popolo della Famiglia contrasterà sempre, fino all’ultimo, e coglie l’occasione per chiedere alla politica maggiore sostegno per chi è solo e ammalato.

Leggi tutto

Storie

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

Ci troviamo ancora una volta davanti ad un sopruso mascherato da legge. Lo Stato vuole uccidere un bambino che i genitori vogliono provare a salvare. A Liverpool si vuole togliere la vita ad un bimbo usando un vero e proprio abuso di potere. Ricordiamoci che ‘sbagliato è sbagliato’ anche se l’errore è mascherato da una legge!

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano