Storie

di Roberto Signori

USA - Boom di cliniche pediatriche gender

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Secondo la “Society for Evidence Based Gender Medicine”, negli ultimi anni sono state aperte fino a 300 nuove cliniche pediatriche di genere negli Stati Uniti, un aumento esponenziale causato soprattutto dall’incremento del numero di adolescenti che s’identificano come transgender.

Le cliniche pediatriche per transgender sono emerse in quasi tutti gli stati offrendo svariati servizi medici ai minori. Infatti i ragazzini che vogliono passare medicalmente al sesso opposto possono decidere di sottoporsi a una serie di procedure pericolose e con effetti spesso irreversibili tra cui l’inoculazione di bloccanti della pubertà e ormoni sessuali incrociati, doppie mastectomie per le femmine e mastoplastica per maschi, interventi chirurgici al viso e numerose altre procedure sui genitali e sul sistema riproduttivo.

Il gruppo “Human Rights Campaign” elenca 60 cliniche di genere pediatriche nel suo progetto di mappatura, che include solo “programmi multidisciplinari completi”, mentre il Gender Mapper ne indica oltre 200 e la Society for Evidence Based Gender Medicine (SEGM) stima appunto che ce ne siano oltre 300. Il numero di cliniche è quindi esploso negli ultimi anni, dato che la prima clinica pediatrica di genere negli Stati Uniti era stata aperta nel 2007.

Si tratta di un “mercato” molto redditizio che si sta quindi espandendo velocemente, nonostante gli scandali e le denunce sulla sicurezza dei trattamenti emerse negli ultimi mesi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/10/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

E la prof è subito “omofoba”

Negli ultimi giorni manganellatura mediatica su una docente di un liceo milanese e su un sacerdote della provincia di Como, colpevoli di aver parlato contro l’ideologia gender e il “matrimonio” gay

Leggi tutto

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Società

Sposatevi e figliate… spieghiamolo bene

Uno scritto privato di una nostra autrice è diventato virale sui social (addirittura venendo spacciato per “omelia di Natale” di un sacerdote). La stessa s’interroga oggi sul contenuto di quel testo che ha innescato la viralità. Non si fanno classifiche tra le madri e le non-madri, o tra le casalinghe e le donne in carriera: però la vita esige un vero impegno per la fecondità.

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e Biden, 75 minuti di colloquio

Lungo dialogo a porte chiuse nella Biblioteca Apostolica: ribadito il comune impegno per la lotta alla pandemia e alla salvaguardia del pianeta, con una speciale attenzione all’attualità internazionale alla luce del G20

Leggi tutto

Società

L’Ema autorizza Novavax

Via libera degli esperti in Europa al vaccino prodotto dalla casa farmaceutica statunitense Novavax. E ‘l’unico vaccino degno di tale appellativo perché il primo
(e l’unico) tra quelli autorizzati a rispondere a requisiti di tipo tradizionale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano