Storie

di Giuseppe Udinov

Russi in pellegrinaggio per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La stagione estiva in Russia ha mostrato un fenomeno significativo: il grande incremento dei lunghi pellegrinaggi verso i santuari del Paese. Lo rivela un’inchiesta di Moskovskij Komsomolets. Era già emerso con la pandemia, e lo stesso accade con l’aggressione all’Ucraina. Molti russi cercano il conforto dei santi e delle sacre icone, insieme alla benedizione dei monaci e degli “starets” (mistici) in luoghi sacri spesso assai lontani.

L’impossibilità di recarsi all’estero per le vacanze ha contribuito a incrementare il turismo interno nelle zone degli storici monumenti civili ed ecclesiastici, e i santuari sono le mete più ricercate. Durante i mesi estivi i grandi pellegrinaggi dei fedeli ortodossi sono almeno una ventina, e attorno a essi si crea una comunità di fedeli e persone alla ricerca di conforto e significato nelle tragiche vicende attuali.

Il più grandioso e solenne dei pellegrinaggi è quello che si svolge da San Pietroburgo a Ekaterinburg, detto il “Romanovskij Khod” (il Sentiero dei Romanov), 3.500 chilometri a piedi nel corso di tre mesi e mezzo, in un flusso ininterrotto tra maggio e luglio fino al luogo del martirio del santo zar Nicola II “strastoterpets” (colui che ha sofferto la passione) e dei membri della famiglia imperiale. I fedeli si radunano in questo bosco degli Urali fino all’inizio delle nevicate autunnali, e proprio nei tempi del Covid qui si concentravano coloro che non volevano sottomettersi alle regole di isolamento e distanziamento.

La conclusione ufficiale della stagione dei cortei religiosi è la festa di San Sergij di Radonež dell’8 di ottobre, nella Lavra di Sergiev-Posad a 70 km da Mosca. È il “Vaticano russo”, in cui si ricorda la rinascita del monachesimo nel XV secolo, con la vittoria sui tartari e la stagione della grande iconografia russa di Andrej Rublev e degli altri discepoli di Sergij. Il vero pellegrinaggio, secondo antiche tradizioni russe, prevede la partecipazione più ampia possibile del popolo, e perfino ai tempi sovietici la gente si radunava nonostante le proibizioni ufficiali, quando i pellegrinaggi erano considerate “manifestazioni illegali”.

Il raduno più numeroso dei “krestokhodtsy” (portatori della croce) è stato quest’anno il cammino del “Velikorektsij” (grande fiume) da Kirov, lungo il fiume Vjatka, grande affluente del Volga, fino al luogo del ritrovamento dell’icona miracolosa di San Nicola nel villaggio di Velikoretskoe. Le celebrazioni solenni dell’8 giugno hanno radunato circa 25mila persone, che hanno camminato una settimana intera, e fino a ottobre i pellegrini si sono avvicendati per chiedere l’intercessione del santo più amato dai russi.

Uno dei pellegrinaggi più “istruttivi”, il cosiddetto Irinarkhovskij Khod nella regione di Jaroslavl, propone come regola aurea il senso di “un cammino necessario per soffrire, sperimentare le ristrettezze e le prove della vita, per il bene della propria anima”. Molti pellegrini hanno raccontato di aver aderito a questo programma spinti dalla compassione per chi soffre a causa della guerra, sia tra gli aggrediti sia tra i patrioti e i mobilitati e le loro famiglie, non sapendo come altro ritrovare la pace a livello interiore.

Il pellegrinaggio unisce i sentimenti del “cristianesimo militante”, raffigurando la parata dell’Armata Celeste, con l’umiliazione del cammino dei penitenti: in entrambi i casi viene ritenuto come l’unica possibile via per la redenzione. Molti pellegrini indossano i “verigi”, gli scomodissimi stivali metallici di Sant’Irinarkh all’inizio del ‘600, che ricordano anche le armature dei soldati nel fango, cercando di astenersi dal fumo e dagli alcolici e ascoltare le monizioni dei santi monaci che invitano a confidare soltanto in Dio, e non nei piani degli uomini: “È Lui che ti conduce alla vera meta del pellegrinaggio della vita”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/10/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Storie

Torna il Rebibbia festival

Il Rebibbia Festival è Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020 – 2021 – 2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE. La manifestazione è sostenuta da MiC e Regione Lazio.

Leggi tutto

Chiesa

Sudan: più sicurezza per la popolazione

In Sudan il presidente della Conferenza episcopale sudanese esorta a lavorare per la pace

Leggi tutto

Storie

Roma concerto di Pasqua - Ucraini e russi insieme in musica contro la guerra

Eva Dorofeeva e Liudmilla Chepurnaia protagoniste del tradizionale evento del Festival di Pasqua quest’anno alla sua XXV edizione

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio del Papa ai partecipanti alla Conferenza europea dei giovani

In un messaggio ai partecipanti alla EU Youth Conference, Conferenza dei giovani dell’UE, che si apre oggi a Praga, Francesco li esorta ad essere generativi nelle idee e nell’amore, a scrutare nell’altro le sue ricchezze, a guardare alla Verità.

Leggi tutto

Società

L’Onu commemora le vittime dell’odio contro la religione

Il 22 agosto si celebra la Giornata internazionale per la commemorazione delle vittime di atti di violenza basati sulla religione o sul credo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano