Media

di Tommaso Ciccotti

Editoria - Libro su Juan Caramuel Lobkowitz

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Chi era Juan Caramuel Lobkowitz? Molti pensano di saperlo, rispondendo: il vescovo (di origini spagnole) di Vigevano dal 1673 al 1682, che fu anche l’architetto che modificò la piazza ducale e il duomo della cittadina lombarda. «In realtà Caramuel fu molto di più — spiega Cesare Bozzano, presidente dell’associazione Astrolabio — un vero protagonista della storia europea, un pensatore, un ricercatore, uno studioso enciclopedico che elaborò teorie innovative in diversi campi, specialmente in ambito teologico e scientifico, e che pagò alcune sue idee venendo quasi cancellato dalla memoria dei secoli passati».

A trecentoquarant’anni anni dalla sua morte, avvenuta il 7 settembre 1682, il volume “Caramuel. Alla scoperta di un vescovo geniale” (Astrolabio, Vigevano, 2022, 83 pagine, 18 euro), lo ricorda in tutta la sua complessa personalità. Voluto dall’associazione Astrolabio, il libro è diretto ai bambini delle scuole primarie di Vigevano e dintorni ed è firmato da Giovanni Paolo Rabai e da Luigi Chiesa, con le illustrazioni del noto artista vigevanese Ale Puro. L’opera si articola in due sezioni, per favorire l’apprendimento dei giovani. La prima è dedicata alla vita del vescovo Caramuel, che parla in prima persona della sua storia, e può essere letta autonomamente dagli scolari a scuola e a casa. La seconda parte si concentra invece sul suo sapere enciclopedico e sull’approfondimento delle opere a stampa e manoscritte del vescovo.

L’intento di questo libro è dunque estendere la conoscenza di questa illustre figura a livello nazionale e internazionale. «Molti architetti all’estero lo conoscono, ma noi qui a Vigevano abbiamo i documenti che ci ha lasciato». Le illustrazioni del libro, inoltre, hanno voluto riprodurre gli ambienti dell’epoca e dare una prima visuale del giardino vescovile, uno spazio che, grazie a questo progetto, verrà aperto al pubblico in alcune particolari occasioni. «I bambini — afferma Giovanni Paolo Rabai — dovrebbero imparare dalla sua inesauribile curiosità nel conoscere le cose, nel mettere insieme saperi di diversa provenienza. Alimentare la propria curiosità permette poi di approfondire le materie».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/10/2022
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano