Storie

di Nathan Algren

Filippine - Marcia per il diritto al cibo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le organizzazioni ambientaliste, dei coltivatori e dei lavoratori delle Filippine hanno organizzato una marcia che ha percorso le strade della capitale per concentrarsi nei pressi del ministero dell’Agricoltura. I partecipanti hanno sollecitato il presidente Ferdinand Marcos Jr, in carica dal 30 giugno scorso e che ha tenuto per sé la delega all’Agricoltura, di considerare prioritario “il diritto delle persone al cibo”.

Le Filippine continuano a essere uno dei Paesi più esposti all’insicurezza alimentare: secondo dati governativi, 20 milioni di persone (su un totale di 110) vivono in condizioni di povertà e in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione è arrivato dalla Fao l’appello a “non lasciare nessuno indietro” nell’attuale contesto globale in cui decine di milioni di individui sono già tornati o rischiano di tornare a una condizione di carenza alimentare a causa di pandemie, conflitti, cambiamenti climatici e prezzi in aumento. In base ai dati Onu rischiano di peggiorare le condizioni di vita di 3,1 miliardi di persone che già non sono in grado di alimentarsi correttamente.

Nelle Filippine l’emergenza riguarda soprattutto l’imprevedibilità climatica e il repentino alternarsi di siccità e alluvioni. Solo il tifone Noru, che a settembre ha devastato vaste aree del Paese, ha portato a una perdita di derrate alimentari per oltre 158mila tonnellate e messo in ginocchio 110mila coltivatori e pescatori in settori da cui dipende direttamente il 40% della popolazione. Prima della fine della stagione delle piogge sono previsti almeno altri nove eventi estremi, che potrebbero minare le possibilità di intervento governativo. Per i coltivatori colpiti dal Noru Manila ha previsto la distribuzione di sementi per circa 3,5 milioni di dollari e un finanziamento pro-capite per un massimo di 500 dollari restituibili senza interessi.

A sollecitare un’azione più incisiva che “rafforzi gli agricoltori e non gli imprenditori” è anche p. Antonio Labiao Jr., segretario esecutivo di Caritas Filippine, per il quale il governo dovrebbe modificare l’attuale piano di intervento indirizzando le risorse allo sviluppo di un programma di sussidi governativi in modo che i premi dell’assicurazione non pesino sugli agricoltori. Per questo, sottolinea il sacerdote, la priorità dovrebbe essere di distinguere con chiarezza coltivatori da possidenti per evitare sprechi di risorse e abusi, e “anziché affidarsi all’importazione” di “rafforzare la produzione locale e acquistare generi alimentari da produttori del luogo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2022
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

‘Food security’: minaccia cibi contaminati

‘Food security’: minacciati da alimenti contaminati i Paesi a basso reddito

Leggi tutto

Storie

A Manila la lotta alla droga si vince con l’istruzione

Analfabetismo e tossicodipendenza nelle Filippine spesso vanno “a braccetto”. Per questo il verbita p. Beltran da 5 anni ha avviato un programma che sta aiutando oltre 1000 ex tossicodipendenti a raggiungere il diploma e a tornare ad essere parte attiva della comunità.

Leggi tutto

Società

Natale: 1 su 5 senza doni

Nessun regalo sotto l’albero per oltre un italiano su 5 (21%) per scelta ma anche a causa delle preoccupazioni e delle difficoltà causate dalla pandemia che hanno ridotto la disponibilità di spesa delle famiglie

Leggi tutto

Storie

FILIPPINE - In un anno la rete della religiose cattoliche ha salvato 26mila donne dalla tratta

Talitha Kum è una rete internazionale di religiose, con sede a Roma, dedicata alla lotta e allo sradicamento della tratta di esseri umani. È stata fondata dall’Unione Internazionale dei Superiori Generali (UISG). Talitha Kum Asia collabora con 65 organizzazioni cattoliche, 56 Ong, 18 Organizzazioni nazionali e 42 agenzie governative internazionali. Nella regione asiatica, Talitha Kum conta 3.521 membri provenienti da 205 congregazioni religiose in 20 paesi. Nel 2021 Talitha Kum Asia ha fornito assistenza e sostegno a 3.972 vittime della tratta di esseri umani.

Leggi tutto

Società

Amnesty; non esiste solo la crisi Ucraina

Presentato il rapporto sui diritti umani 2022-23. Dal ritorno della guerra in Europa alle proteste di piazza represse nel sangue in 30 Paesi, l’ong sottolinea l’inadeguatezza della comunità internazionale

Leggi tutto

Storie

Filippine, Madonna della Pace e del Buon Viaggio è santuario internazionale

È una statua che ha attraversato sei volte il pacifico, che viene dal Messico e che è considerata miracolosa. Il santuario che la ospita è diventato santuario internazionale, il primo delle Filippine

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano