Chiesa

di Roberto Signori

Predicatore islamico condannato a 12 anni per una preghiera

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un tribunale saudita ha condannato in questi giorni un predicatore islamico a 12 anni di galera per aver guidato una preghiera nella ex basilica, oggi moschea di Santa Sofia a Istanbul nel lontano 2014. Una sentenza che conferma, una volta di più, la stretta imposta dalla leadership del regno wahhabita contro attivisti, dissidenti e persino religiosi non allineati alle direttive istituzionali o, più semplicemente, invisi al regime al potere.

Secondo quanto riferisce l’ong attivista Prisoners of Conscience, la corte ha processato e condannato il 12 ottobre scorso - ma la notizia è emersa solo in questi giorni - l’imam e predicatore Abdullah Basfar. La sua colpa è di “aver accolto l’invito a guidare la preghiera dei fedeli nel cortile [all’epoca ancora un museo] della moschea di Santa Sofia, in Turchia”. “Stigmatizziamo la sentenza - afferma in una nota il movimento - e ne chiediamo il rilascio immediato e senza condizioni”.

Fra le più autorevoli figure religiose del regno, Abdullah Basfar ha ricoperto in passato il ruolo di docente con una cattedra in studi islamici e sulla Sharia presso l’università King Abdulaziz di Jeddah. Da personalità rispettata, nel 2020 è diventato uno dei molti obiettivi della politica repressiva di Mohammad bin Salman (Mbs) e del suo circolo di potere, dopo la diffusione online di una preghiera recitata a Santa Sofia nel 2014, diventata in breve tempo virale. Lo sceicco è rimasto in custodia cautelare per due anni, in attesa di processo; durante gli interrogatori in regime di carcerazione preventiva egli avrebbe subito molestie e abusi.

Le ragioni esatte del suo arresto e delle accuse non sono mai state chiarite dalle autorità saudite, ma il sospetto è che Riyadh abbia voluto punire l’iniziativa di guidare una preghiera in terra turca, in una fase in cui i rapporti fra i due Paesi erano segnati da tensione. Una frattura che si è ampliata negli anni successivi, in particolare dal 2018 in seguito all’uccisione del giornalista dissidente Jamal Khashoggi per ordine di bin Salman e rientrata di recente con una nuova fase di rapporti fra i due Paesi leader del mondo musulmano sunnita.

Nell’aprile scorso si è tenuta la prima preghiera per il Ramadan a Santa Sofia, patrimonio Unesco. Una antica basilica cristiana (come Chora) poi museo a inizio ‘900 sotto Ataturk, trasformata nel 2020 in moschea secondo la politica nazionalista e islamica impressa dal presidente Recep Tayyip Erdogan per nascondere la crisi economica e mantenere il potere. A seguito del decreto che ne ha sancito la riconversione, le autorità musulmane hanno coperto con una tenda bianca le immagini di Gesù, affreschi e icone che testimoniano la radice cristiana, scatenando una controversia politico-religiosa che ha varcato i confini nazionali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/10/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

Società

Ancora attacchi alle chiese in Niger

In Niger aumentano le minacce verso le comunità cristiane nell’indifferenza generale della comunità internazionale

Leggi tutto

Chiesa

ORTODOSSI CATTOLICI EVANGELICI A OSTIA PER PREGARE INSIEME

Venerdì si aprirà una “porta”. La neo Commissione Cultura della Prefettura di Ostia, la XXVI della diocesi di Roma, riunisce per la prima volta i cristiani cattolici ortodossi e le chiese riformate, gli evangelici, del Territorio lidense. Lo scorso anno il primo annuncio pubblico del Vescovo mons. Dario Gervasi aveva dato il via all’iniziativa in maniera ufficiale, attività che era già praticata negli anni precedenti in ordine sparso.

Leggi tutto

Media

Don Stimamiglio nuovo direttore di Famiglia Cristiana

Il giornalista, già condirettore della rivista, succede a don Antonio Rizzolo,

Leggi tutto

Politica

Erdogan vuole rimpatriare un milione di siriani

Il presidente turco ha annunciato la costruzione di 200mila case nel nord della Siria per chi sceglierà il ritorno volontario. Verrebbe alterato l’equilibrio demografico in una zona a maggioranza curda.

Leggi tutto

Storie

Delhi, arrestato un giornalista per un tweet di 4 anni fa

I giornalisti in Asia non se la passano bene: dopo l’ordinanza delle autorità filippine che chiede la chiusura del sito di informazione Rappler, fondato dalla premio Nobel per la pace Maria Ressa, e il divieto ad alcune agenzie di stampa internazionali di assistere all’anniversario del ritorno di Hong Kong sotto sovranità della Cina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano