Politica

di Mario Adinolfi

AUTODETERMINAZIONE O RESPONSABILITÀ

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La società contemporanea può essere organizzata o sul principio di autodeterminazione (libertà di uccidere il bimbo nel grembo, di sballarsi, di utilizzare ogni droga, di sprecarsi vendendo il proprio corpo, di uccidere alla fine anche se stessi: libertà false che conducono a essere dominati) o sul principio di responsabilità, cioè con la libertà orientata al bene proprio e della comunità: non si uccidono i bambini nascituri, si proteggono gli indifesi, si curano i sofferenti, si sostengono gli addolorati, si combattono le colonie del male che inducono a dipendenze velenose per l’esistenza propria e altrui (droghe, prostituzione, alcool, ludopatie, psicofarmaci).

Il conflitto tra le forze che propagandano il principio di autodeterminazione e quelle che sostengono il principio di responsabilità (che porta con sé una rivalutazione del principio di autorità) è il vero conflitto politico-culturale del XXI secolo. Il denaro e i poteri più consistenti (tra cui quello mediatico) tendono a orientarsi verso i sostenitori del principio di autodeterminazione, che costituisce una società di individui il cui ambito di affermazione o negazione è privo di una dimensione relazionale, in cui in sostanza la solidarietà stessa non esiste sul piano comunitario ma è mera iniziativa personale. Il motto è: si nasce soli, si muore soli, nel mezzo non mi sia impedito di fare qualsiasi cosa io intendo fare di me stesso, della mia vita, del mio corpo. I popoli comprendono però che il principio di autodeterminazione è un principio di falsa libertà che ci riduce a monadi. Chi è solo è debole, controllabile, manipolabile. Per questo i popoli realmente liberi tendono a difendersi chiedendo l’attivazione del principio di responsabilità, che altro non è se non il principio della libertà nella verità, della libertà che tende al bene, personale e collettivo, che dunque non teme un principio di autorità radicato in valori profondi di carattere storico, giuridico, culturale, religioso vissuti a partire dal nodo originario e naturale di una società siffatta che è la famiglia fondata sull’istituto matrimoniale.

Si tratta di agire nella logica e con le modalità del kulturkampf se si ritiene di voler far prevalere il principio di responsabilità sul principio di autodeterminazione, che è la moda del momento, ma che nel lungo periodo potrà affermarsi solo a prezzo della devastazione della vera libertà dei popoli. Che se apriranno gli occhi, il kulturkampf a questo deve servire, si libereranno anche agevolmente delle moderne lucenti e accecanti catene che stanno provando a renderli schiavi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/10/2022
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Macché rischio fascismo

Macché rischio fascismo: il 57% degli italiani non crede alle balle della sinistra

Leggi tutto

Politica

UE: 120 milioni di euro per progetti di innovazione urbana

L’Iniziativa urbana europea (EUI) ha pubblicato questa settimana un secondo invito a presentare proposte dell’importo di 120 milioni di euro per progetti innovativi volti ad elaborare e verificare nuove soluzioni alle sfide attuali nelle aree urbane.

Leggi tutto

Storie

SIERRA LEONE - Il Presidente Bio inizia il secondo mandato

Tra 13 candidati, 12 uomini e una donna, che si sono presentati per le elezioni presidenziali tenutesi lo scorso 24 giugno è stato riconfermato Julius Maada Bio, del Partito Popolare (Slpp). Bio, Presidente uscente entrato in carica nel 2018, è al suo secondo e ultimo mandato.

“Abbiamo dimostrato ancora una volta che se anche le nostre lingue, tribù e convinzioni politiche posson

Leggi tutto

Storie

CINA - Nei seminari cattolici inizia un nuovo Anno accademico

Far crescere nuovi “operai appassionati” per l’annuncio del Vangelo, al servizio del futuro della Chiesa, che in Cina continua a camminare nella fede degli Apostoli. E’ questa la missione e la ragion d’essere dei Seminari della Cina continentale che in questi giorni stanno celebrando in vari modi l’inizio del nuovo Anno accademico 2023/2024.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: una chiesa di Santi non mondani

Francesco consegna ai membri del Sinodo un volume che esce oggi per la Libreria Editrice Vaticana e raccoglie due suoi interventi, un articolo del ‘91 “Corruzione e peccato” ripubblicato nel 2005 quando era arcivescovo a Buenos Aires, e uno di quest’anno, la “Lettera ai sacerdoti della diocesi di Roma”: l’invito “a restare vigilanti e lottare, con la forza della preghiera, contro ogni cedimento alla mondanità spirituale”. Il testo integrale della prefazione firmata dal Papa

Leggi tutto

Storie

INDIA - In cammino per praticare “l’arte dell’ascolto”

Ricerca dell’unità nella variegata e vasta comunità cattolica indiana; unità e piena comunione con la Chiesa universale, come sperimentato nell’esperienza sinodale appena conclusa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano