Storie

di Roberto Signori

Abuso sessuale sui minori: in Gran Bretagna è “una epidemia”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È stato pubblicato dopo sette anni di indagini in Inghilterra e Galles durante i quali sono state raccolte le testimonianze di 6.200 vittime, il rapporto dell’Independent Inquiry into Child Sexual Abuse (IICSA). Il documento rileva che l’abuso sessuale sui minori è un’epidemia in Gran Bretagna, che colpisce milioni di vittime, con “atti vili e orribili nascosti per decenni, poiché le istituzioni e i politici hanno dato priorità alla reputazione piuttosto che al benessere dei giovani”.

n quella che è una delle più grandi e costose indagini di questo genere mai intraprese in Gran Bretagna, si parla di “crisi globale, in cui i bambini sono a rischio se non si prendono provvedimenti urgenti”. Si insiste sul fatto che la protezione dei bambini deve diventare una priorità. “La natura e la portata degli abusi che abbiamo riscontrato sono state scioccanti e profondamente inquietanti”, ha dichiarato ai giornalisti Alexis Jay, un’esperta di assistenza sociale che ha condotto l’inchiesta. “Non si tratta solo di un’aberrazione storica accaduta decenni fa, ma di un problema in costante aumento”. Nel corso dell’inchiesta la coordinatrice precisa di aver notato ripetutamente come le accuse di abuso siano state ignorate, le vittime siano state incolpate e le istituzioni abbiano anteposto la propria reputazione alla protezione dei bambini. Da qui, l’invito ai governi ad agire “immediatamente”. Da parte sua, il neo-segretario agli Interni, Grant Shapps, si è impegnato a “usare ogni leva disponibile per proteggere i nostri bambini, migliorare la risposta delle forze dell’ordine e della giustizia penale, dare alle vittime il sostegno che meritano e garantire che tutte le istituzioni e i loro leader siano veramente responsabili”.

L’inchiesta è consistita nell’ascolto di 725 testimoni con un esame di quasi 2,5 milioni di pagine di prove. Più di 6.000 vittime e sopravvissuti hanno raccontato le loro esperienze. Jay ha dichiarato che gli abusi coinvolgevano bambini e neonati ed erano spesso accompagnati da violenza estrema e atti di sadismo. L’età delle vittime sta diventando sempre più giovane, con un aumento del 45% dei reati contro i minori di quattro anni negli ultimi anni. L’indagine ha formulato 20 raccomandazioni, con tre misure chiave: una nuova legge che renda obbligatorio per alcune persone che lavorano con i bambini di denunciare gli abusi o incorrere in azioni penali; la creazione di un’Autorità per la protezione dell’infanzia e un programma di risarcimento per fornire aiuto finanziario ai sopravvissuti agli abusi. Il governo ha dichiarato che risponderà al rapporto dell’inchiesta entro sei mesi e si è impegnato a “tradurre il suo lavoro in azione”.

L’IICSA è stata istituita nel 2015 dopo una serie di scandali di abusi sessuali su minori che hanno coinvolto figure di alto profilo. Ha condotto 15 indagini e ha messo in luce, per esempio, il calvario dei bambini affidati ai servizi sociali di un quartiere londinese negli anni Sessanta. Ha inoltre portato alla luce anche abusi nella Chiesa cattolica, la Chiesa d’Inghilterra e il centro politico britannico di Westminster. La Chiesa anglicana è stata condotta a scusarsi per “non aver protetto” le vittime dei preti pedofili. Secondo il rapporto, politici, leader ecclesiastici ed enti locali di assistenza sociale hanno ignorato e coperto attivamente le accuse per proteggere i colpevoli e la reputazione, mentre la polizia ha mostrato un’indebita deferenza nei confronti di coloro che fanno parte della vita pubblica.

Il Consiglio Cattolico per l’inchiesta indipendente sugli abusi sessuali su minori, creato all’inizio dei lavori dell’inchiesta, accoglie con favore questa relazione, promettendo che ne studierà attentamente i contenuti e le raccomandazioni. Sul sito della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles si legge che non si fermerà l’impegno nel “rendere la vita e il lavoro della Chiesa sicuri in tutto”. Si ricorda anche che nel novembre 2020 la Chiesa ha commissionato una revisione indipendente del suo lavoro e delle sue strutture di salvaguardia che è in fase di attuazione. Il nuovo organismo nazionale di salvaguardia, la Catholic Safeguarding Standards Agency (CSSA), che ha cominciato a operare nell’aprile 2021, fornisce una funzione di regolamentazione alle organizzazioni ecclesiali, assicurando il rispetto di tutti gli standard. Ciò che è ritenuto prioritario è dare voce alle vittime e ai sopravvissuti. “È importante per noi offrire nuovamente scuse senza riserve a tutti coloro che sono stati feriti dagli abusi nella Chiesa cattolica romana in Inghilterra e Galles – viene rimarcato - e riaffermare il nostro impegno per il continuo perfezionamento e miglioramento del nostro lavoro di salvaguardia per proteggere tutti i bambini e i vulnerabili”.

.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/10/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Rallenta la campagna vaccinale

Questa settimana, secondo gli ultimi dati del Governo, si sono registrati poco meno di 2 milioni di somministrazioni in più rispetto ai sette giorni precedenti. Molte meno di quelle segnalate nelle 3 settimane precedenti.

Leggi tutto

Storie

Sri Lanka - Colombo contro il bullismo nelle università

Il governo e le autorità scolastiche decise a imprimere un giro di vite contro la pratica del “ragging”, diffusa negli atenei del Paese. Un fenomeno che causa migliaia di abbandoni scolastici ogni anno, ma i più fragili faticano a superare le violenze, fisiche e psichiche

Leggi tutto

Chiesa

Tornando alla questione degli abusi….

Suor Anna Deodato ha correttamente spiegato che: «l’abuso sessuale accade come ultimo, tragico atto di una serie di abusi di potere e di coscienza».

Leggi tutto

Società

Influencer ‘cattivi maestri’

Cioccolato, dolci, bevande zuccherine e junk food. Tre quarti dei post a tema alimentare pubblicati dagli influencer sui social media hanno come protagonista prodotti non salutari. E’ quanto emerge da uno studio di due ricercatrici della Medical University di Vienna, che hanno passato in rassegna l’attività social di influencer tedeschi su TikTok, Instagram e YouTube e hanno scoperto che i cibi e le bevande postati sono “così malsani da non rispettare gli standard della pubblicità per bambini indicati dall’Organizzazione mondiale della sanità”.

Leggi tutto

Storie

Thailandia: pericolo bullismo

Sotto accusa un sistema formativo ancora troppo connivente con pratiche di sottomissione arbitraria o abuso.

Leggi tutto

Politica

Giù le mani da Babbo Natale

Inquietante e fazioso spot che vede protagonista Babbo Natale spacciato come gay da una campagna pubblicitaria scandinava. Non hanno rispetto neppure per i bambini

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano