Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Benedetto XVI e l’importanza del Concilio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dubbi, stupore e soprattutto la paura che il Concilio potesse “turbare e scuotere” la Chiesa dalle sue fondamenta. Il Vaticano II si è rivelato invece non solo “significativo”, ma anche “necessario”. Il Papa emerito Benedetto XVI torna indietro a 60 anni fa, all’annuncio di Giovanni XXIII che lasciò sbalorditi i cardinali riuniti nella Basilica di San Paolo fuori le Mura. Lo fa in una lettera in inglese indirizzata a padre Dave Pivonka, presidente della Università francescana di Steubenville, in Ohio (Usa), dove si è svolto il X Simposio Internazionale sul tema L’ecclesiologia di Joseph Ratzinger. Un’occasione di “grande onore e gioia” per il Pontefice emerito che, dal Monastero Mater Ecclesiae dove risiede dalla rinuncia di circa dieci anni fa, prende carta e penna e ringrazia per questo evento che inserisce “il mio pensiero e il mio sforzo nella grande corrente in cui si è mosso”. Quindi il Concilio.

“Quando ho iniziato a studiare teologia, nel gennaio del 1946, nessuno pensava a un Concilio Ecumenico”, sottolinea Benedetto nella lettera, diffusa integralmente dalla Fondazione vaticana Joseph Ratzinger e letta all’inizio dei lavori del Simposio dal presidente padre Federico Lombardi. “Quando Papa Giovanni XXIII lo annunciò, con grande sorpresa di tutti, c’erano molti dubbi sul fatto che sarebbe stato significativo, anzi se sarebbe stato possibile, organizzare le intuizioni e le domande nell’insieme di una dichiarazione conciliare e di una dichiarazione di un’altra persona e quindi di dare alla Chiesa una direzione per il suo ulteriore cammino. In realtà, un nuovo Concilio si è rivelato non solo significativo, ma necessario”.

“Per la prima volta – scrive ancora il Papa emerito -, la questione di una teologia delle religioni si era mostrata nella sua radicalità. Lo stesso vale per il rapporto tra la fede e il mondo della semplice ragione”. Temi, entrambi, che “non erano mai stati previsti in questo modo”: ciò spiega, rileva Ratzinger, “perché il Concilio Vaticano II all’inizio minacciava di turbare e scuotere la Chiesa più che di darle una nuova chiarezza per la sua missione. Nel frattempo – aggiunge nella lettera -, la necessità di riformulare la questione della natura e della missione della Chiesa è diventata gradualmente evidente. In questo modo, anche il potere positivo del Concilio sta lentamente emergendo”

Nella lettera Ratzinger ricorda pure come il suo lavoro ecclesiologico sia stato segnato dalla “nuova situazione” creatasi nella Chiesa in Germania dopo la fine della Prima Guerra mondiale. “Se fino a quel momento l’ecclesiologia era stata trattata essenzialmente in termini istituzionali, ora si percepiva con gioia la più ampia dimensione spirituale del concetto di Chiesa”. Tornano le parole di Romano Guardini, autore di riferimento per il Pontefice bavarese: “È iniziato un processo di immensa importanza. La Chiesa si sta risvegliando nelle anime”.

Benedetto rammenta l’evoluzione del concetto del “Corpo di Cristo”, cristallizzato nell’enciclica Mystici Corporis di Pio XII. Cita inoltre la sua dissertazione su Popolo e Casa di Dio nella dottrina agostiniana della Chiesa, approfondita nell’ambito del Congresso agostiniano di Parigi nel ‘54. Quindi rammenta la disputa sul significato di Civitas Dei che “sembrava definitivamente risolta” e la dissertazione di Heinrich Scholz,che aveva ricevuto l’approvazione dell’opinione pubblica “che assegnava alla Chiesa e alla sua fede un posto bello, ma anche innocuo”. “Chi avesse osato distruggere questo bel consenso non poteva che essere considerato un ostinato”, scrive. E sottolinea nel testo che “l’augustinismo medievale fu davvero un errore fatale, che oggi, fortunatamente, è stato definitivamente superato”.

“Nel Vaticano II la questione della Chiesa nel mondo è diventata finalmente il vero problema centrale”, afferma il Papa emerito nelle ultime righe. Da qui l’augurio che il Simposio dell’Università di Steubenville possa essere “utile nella lotta per una giusta comprensione della Chiesa e del mondo nel nostro tempo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/10/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Eutanasia, in Vaticano la Nuova Carta: giro di vite

Hanno scritto che “Francesco apre al fine-vita”, mentre tutta la notizia consiste nell’annuncio (!) di una revisione della Carta degli Operatori Sanitari, la quale sarà resa pubblica nella giornata mondiale del malato (11 febbraio, a Lourdes). Si tratta di un aggiornamento che chiarisce punti controversi

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Chiesa

INDIA - I Vescovi si oppongono alla legge anti-conversione

I dieci Vescovi cattolici dello stato del Karnataka, nel Sud dell’India, hanno espresso al Primo ministro dello stato, Basavaraj Bommi, profonda preoccupazione per una proposta di legge che intende vietare le conversioni religiose nello stato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: a Gesù che tutto può, la preghiera chieda tutto

All’Angelus, Papa Francesco si sofferma sulla figura di Bartimeo, il mendicante cieco narrato nel Vangelo di Marco, e lo indica come esempio di fede “concreta e coraggiosa”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “chi si consacra a Dio non teme”

Papa Francesco ha ricevuto in Vaticano trenta Cooperatrici Oblate Missionarie dell’Immacolata in occasione di un duplice anniversario: il 70.mo dalla nascita dell’Istituto e il 20.mo dall’approvazione pontificia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano