Politica

di Raffaele Dicembrino

L’Europa corre ai ripari per le vittime della strada

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Secondo i dati definitivi sul numero di vittime della strada per il 2021, pubblicati questa settimana dalla Commissione europea, lo scorso anno sulle strade dell’UE hanno perso la vita 19.900 persone.

Le cifre di quest’anno rappresentano un aumento del 6 % rispetto al 2020. L’aumento ha fatto seguito a un calo annuale senza precedenti del 17% tra il 2019 e il 2020, fortemente influenzato dai minori livelli di traffico dovuti alle misure di confinamento dovute alla pandemia. In tutta l’UE nel 2021 si sono registrate 45 vittime della strada per milione di abitanti (da 20 per milione in Svezia e 22 per milione in Danimarca a 81 per milione in Bulgaria e 92 per milione in Romania).
Per i primi sette mesi del 2022, i dati preliminari mostrano un aumento medio di oltre il 10% delle vittime della strada rispetto allo stesso periodo del 2021. Tuttavia, la tendenza attuale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemia.
Nell’ambito della sua strategia “Vision Zero”, la Commissione sta lavorando - a stretto contatto con gli Stati membri - a un approccio olistico basato su un sistema di sicurezza che comprenda veicoli sicuri, infrastrutture sicure, un uso sicuro delle strade e una migliore assistenza post-incidente.
Questo approccio moderno è ampiamente riconosciuto come il mezzo migliore per affrontare il problema della sicurezza stradale. La Commissione ha inoltre pubblicato una serie di relazioni nell’ambito dell’Osservatorio europeo della sicurezza stradale, che forniscono dati e analisi dettagliati su una serie di temi relativi alla sicurezza stradale, quali l’importanza dell’uso della cintura di sicurezza, la vulnerabilità dei bambini, dei ciclisti e degli anziani come utenti della strada o le distrazioni dei conducenti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/10/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Società

La famiglia come società naturale

Oggi si richiede all’Italia una classe di governo che non brancoli nel buio nella propria indeterminatezza, che non viva alla giornata cambiando opinione ogni mattina, fiutando l’aria che tira dall’ultimo tweet. Serve una visione politica integrale che metta al centro la famiglia, ma non a chiacchiere o con altisonanti convegni buoni esclusivamente a versare inchiostro sui giornali.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia apre la campagna elettorale a Ostia

Il Popolo della Famiglia (PdF) ha aperto ad Ostia la campagna elettorale per le prossime Amministrative a Roma. “Questa campagna elettorale a Roma è una grande sfida per il nostro movimento di ispirazione cristiana, che torna a proporsi agli elettori della capitale con i temi forti che ci caratterizzano: aiuto alle famiglie, difesa della vita dal concepimento fino al suo termine naturale, lotta contro l’ideologia gender nelle scuole, l’aborto e l’eutanasia”, spiega Fabiola Cenciotti. “Abbiamo scelto Ostia perché incarna tutte le esigenze e le problematiche delle periferie della grande città, che non sono state né affrontate né risolte dalla disastrosa gestione del M5S. Con lo slogan ‘Più figli, meno tasse’ ripartiamo da qui per dare alla nostra città e poi a tutta l’Italia una nuova politica aperta alla vita”.

Leggi tutto

Politica

L’UNICA STRADA

L’unica strada per uscire dalla crisi italiana è la rilegittimazione della politica e la riconsegna dei tecnici al ruolo di tecnici. Ma per far questo i politici devono tornare ad essere del livello di questi tredici uomini la cui impressionante biografia dovreste studiare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano