Società

di Giuseppe Udinov

Stop ad armi e tecnologie fuori controllo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Rispetto della vita e traffico di armi. O “uso malevolo” delle tecnologie. L’alfa e l’omega di una battaglia che il Papa ha ingaggiato in prima persona in nome del primo e contro i secondi. E la voce di Francesco arriva al Palazzo di vetro delle Nazioni Unite, amplificata dall’arcivescovo Gabriele Caccia che ieri è intervenuto due volte durante la discussione in seno al primo Comitato della 77.ma Sessione dell’Assemblea generale Onu. Due discorsi distinti e strettamente legati dal denominatore comune degli armamenti, che siano le diffusissime armi di piccolo calibro che alimentano la delinquenza comune, oppure i sofisticatissimi sistemi di quella guerra silenziosa ma non meno letale che si combatte nel cyberspazio.

Nel primo caso, parlando delle TIC, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, il rappresentante vaticano esordisce con una affermazione netta tratta dalla Laudato si’: il “nostro immenso sviluppo tecnologico non è stato accompagnato da uno sviluppo della responsabilità, dei valori e della coscienza umana”. Un aspetto che si coglie in modo nitido quando si affronta il tema della rete di sistemi interconnessi che costituisce il cyberspazio, il cui utilizzo - rileva monsignor Caccia - “richiede a tutti di passare da un paradigma di competizione a uno di cooperazione”. Anche il lavoro in questo ambito, afferma il presule, “deve rispettare la dignità intrinseca di ogni persona umana”, che si traduce nel diritto alla privacy e dunque alla protezione dei cittadini “da una sorveglianza intrusiva” salvaguardando i propri dati personali “da accessi non autorizzati”.

Gli Stati - è l’invito dell’osservatore della Santa Sede - devono garantire la tutela delle “proprie infrastrutture critiche” (ospedali, reti idriche, centrali elettriche) ma al contempo “astenersi da qualsiasi attività che danneggi intenzionalmente le infrastrutture critiche di un altro Stato”. E ancora, deve essere un criterio di giustizia a guidare “le loro azioni nel cyberspazio” e “ciò richiede che gli Stati in grado di farlo contribuiscano efficacemente agli sforzi per colmare il divario digitale” verso quelle nazioni “che non hanno un’uguale partecipazione ai frutti della rivoluzione digitale”
Per quando riguarda il combattere e sradicare il commercio illegale di armi leggere e di piccolo calibro dette “SALW” - tema dell’altro intervento di monsignor Caccia all’Onu - l’indicazione della Santa Sede è per un rafforzamento e una piena attuazione multilaterale del “Programma d’azione” creato ad hoc per contrastarne l’utilizzo, assieme allo “Strumento internazionale per il rintracciamento” (ITI), che sono mezzi importanti, sottolinea, “per ostacolare seriamente gli effetti nefasti della diffusione incontrollata di armi illegali”. Le armi leggere possono anche essere ritenute “di distruzione limitata”, ma “ogni anno - evidenzia il presule - mietono centinaia di migliaia di vittime in tutto il mondo e il loro terribile impatto è diffuso e devastante per l’umanità”, in mano come sono a “terroristi, criminalità organizzata, bande e gruppi che trafficano in esseri umani e droga”.

Anche se gli sforzi in questo senso “sono stati frammentari e limitati”, la Sanata Sede - conclude monsignor Caccia - “accoglie con favore” l’impegno internazionale sottoscritto l’estate scorsa a New York che prevede un maggiore “coordinamento dei meccanismi di controllo nazionali” in vista della Conferenza di revisione del programma d’azione e dell’ITI in programma nel 2024.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Politica

Vittorie e proposte

Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale.

Leggi tutto

Chiesa

Fao, Papa Francesco ai giovani: rigenerate il mondo scosso dalla pandemia

In un messaggio, letto dal segretario di Stato Pietro Parolin, Francesco si rivolge al direttore generale Qu Dongyu per l’apertura del Forum mondiale sull’Alimentazione al via a Roma da oggi.

Leggi tutto

Chiesa

Pandemia: prorogate le indulgenze per i defunti

A causa del perdurare della pandemia e delle misure di contenimento, la Penitenzieria Apostolica viene incontro alle richieste avanzate da numerosi vescovi emanando un Decreto in cui si annuncia l’estensione delle indulgenze per tutto il mese di Novembre

Leggi tutto

Chiesa

Allarme della Chiesa per gli effetti delle sanzioni in Siria

Il vescovo di Aleppo Georges Abou Khazen non ha dubbi: le sanzioni occidentali sono una “condanna a morte” per il popolo siriano

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano