Storie

di Nathan Algren

BRASILE - Donne e bambini vittime della violenza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nella prima metà del 2022 sono stati registrati in Brasile 759 episodi di conflitti “no campo”, che hanno coinvolto 113.654 famiglie. Questi episodi corrispondono a 601 casi di conflitti per la terra, 105 casi di conflitti per l’acqua, 42 casi di conflitti per motivi di lavoro (41 casi di lavoro in schiavitù e 1 caso di sfruttamento), 10 casi di conflitti in periodo di siccità e 1 conflitto nell’area mineraria. I dati raccolti e diffusi come di consueto dalla Commissione Pastorale della Terra (CPT) attraverso il Centro di Documentazione Dom Tomás Balduino, rilevano inoltre che più della metà dei conflitti totali registrati nel periodo è avvenuta in Amazzonia.

Un altro dato particolarmente preoccupante è quello degli omicidi: nel 2022, finora, il CPT ha registrato 33 omicidi, 25 dei quali solo nella prima metà dell’anno. Rispetto alla prima metà del 2021, l’aumento totale del numero di omicidi è del 150%, con il tasso del 30,30% di omicidi registrati quest’anno legati alle armi da fuoco, la percentuale più alta dal 2018. Dopo il picco del 2020, quando il 60% degli omicidi era legato all’invasione dei territori, nel 2022 questa percentuale è del 16%. Dei 158 territori in cui ci sono stati omicidi tra il 2016 e il 2022, in almeno il 46% dei casi si è verificato qualche conflitto a fuoco nello stesso periodo. Inoltre, quasi un quarto degli omicidi registrati si è verificato in territori minacciati di sfratto giudiziario.

La CPT richiama l’attenzione sul fatto che negli ultimi anni anche bambini e adolescenti sono finiti nel mirino di questo tipo di violenza: dal 2019 al 2022 sono stati uccisi 7 tra bambini e adolescenti, di questi 4 erano indigeni. Il rapporto sottolinea che oltre alla gravità dell’omicidio di bambini e giovani, occorre anche riflettere sul tentativo di assassinare il futuro del paese e il futuro della permanenza dei popoli originari e dei contadini nei loro territori.

La violenza contro le persone è stata registrata in tutti gli ambiti dei conflitti considerati dal CPT, per la maggior parte riguarda i conflitti per la terra. I principali tipi di violenza, nella prima metà del 2022, sono stati registrati nelle carceri (16,82% del totale), seguiti dal tentato omicidio (10,28%), dall’intimidazione (9,35%) e dalla minaccia di morte (9,35%). Nella prima metà del 2022, il CPT ha registrato 74 donne vittime di violenza. Sono state uccise 5 donne, il numero più alto registrato dal 2016. I principali tipi di violenza sono stati la minaccia di morte (21,62% del totale), seguita dall’intimidazione (18,92%) e dal tentato omicidio (10,81%).

I dati della prima metà del 2022 indicano una tendenza crescente di persone liberate dalla condizione lavorativa analoga alla schiavitù e il maggior numero di donne liberate negli ultimi 10 anni (743). Per quanto riguarda il numero di casi di lavoro in condizioni di schiavitù, durante la prima metà del 2022 (sono stati 41) è stata registrata una diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2021.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Matrimonio, 30 casi di discriminazioni

Se difendi la famiglia naturale e l’istituto delle nozze uomo-donna vieni discriminato, un rapporto raccoglie trenta clamorosi casi

Leggi tutto

Società

Una carta femminista contro la GPA

Le donne di “Se non ora quando? - Libere”, insieme a tante figure partitiche, culturali, dell’informazione e attivisti per i diritti civili (anche provenienti dal mondo omosessualista) hanno chiesto all’Onu di aprire una procedura per raccomandare finalmente il divieto della maternità surrogata. L’incontro si è svolto il 23 marzo nella Sala della Regina della Camera dei Deputati, a Roma.

Leggi tutto

Storie

L’allenatore e il produttore tra la gogna e il banco

Guai in vista per i due abusatori, ma c’è chi si chiede se l’ipocrisia non grondi anche da altre parti. Si continuano a tutelare insufficientemente i minori

Leggi tutto

Società

La famiglia, sola barriera contro la mercificazione dell’uomo

Non solo la natalità biologica, ma pure la genitorialità adottiva è in caduta libera. Vediamo perché...........................

Leggi tutto

Politica

Don Minzoni e il tema del metodo

La questione del “concordare in sostanza ma non condividere il metodo” ha infiammato la diatriba infra-cattolica, nei giorni scorsi, a partire dalla presa di distanza del cardinale Parolin rispetto al WCF di Verona. Un vero e proprio “magistero di metodo”, per l’azione politica, si trova nella grande e lunga vicenda popolare italiana, che ha costruito uno stile umile e moderato, ma insieme radicale

Leggi tutto

Politica

Perché bisogna votare Il Popolo della Famiglia

Questo appello non è evidentemente rivolto a chi ha già deciso il suo voto: se ha scelto di non sostenere il Popolo della Famiglia, auguri a lui e al partito prescelto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano