Storie

di Nathan Algren

Il contributo delle chiese asiatiche

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È venuto il tempo per le nostre Chiese dell’Asia di donare il proprio contributo alla Chiesa universale, soprattutto su temi come il dialogo interreligioso che per noi è vita quotidiana”.

A Bangkok - dove dal 12 ottobre è in corso la Conferenza generale promossa dalla Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia (Fabc) - i vescovi, sacerdoti e laici delegati da 29 Paesi hanno iniziato l’ultima settimana di lavori, che porterà alla conclusione di domenica 30 ottobre. Si è cominciato a riflettere su alcune nuove strade per rispondere come Chiesa alle grandi realtà emergenti dell’Asia di oggi. Linee d’azione che verranno riassunte in un messaggio finale al popolo di Dio - che verrà diffuso già nel fine settimana - e in un piano pastorale che invece verrà redatto nei mesi successivi.

Non sarà, però, una parola rivolta solo alle Chiese dell’Asia. Lo hanno chiarito questa sera in una conferenza stampa i tre presidenti di questa Conferenza generale: il card. di Yangon Charles Bo, presidente della Fabc, il card. Oswald Gracias, responsabile dell’organizzazione di questo evento e il card. di Bangkok Francis Xavier Kriengsak Kovitvanit. Ci sono infatti parole che stanno emergendo dalla discussione e che sono significative per le Chiese di tutto il mondo. “Molte nostre Chiese - ha osservato il card. Gracias - sono giovani, ma hanno lo stesso esperienze significative da offrire. Per noi - per esempio - il dialogo con le altre religioni è una sfida che viviamo da sempre e forse possiamo essere d’aiuto anche alle Chiese dell’Europa o degli Stati Uniti che oggi si interrogano sulle sue forme. Ma penso anche alla riflessione su pace e riconciliazione che hanno portato avanti le Chiese della Corea e del Giappone”.

Un altro tema di cui si sta parlando molto alla Conferenza generale di Bangkok è quello dei giovani. “Sono parte e protagonisti della nostra missione evangelizzatrice - ha commentato il card. Bo -. Se vogliamo cambiare l’Asia di oggi non possiamo che partire da loro, andando là dove sono. In questo senso ci sentiamo interpellati dalle sfide dei nuovi linguaggi e della comunicazione digitale”. In questo senso è molto significativo un nuovo strumento per avvicinare i giovani alla Bibbia che è stato presentato a margine dei lavori della conferenza: un volume che contiene dei QRcode attraverso cui il lettore arriva a video clip in cui alcune persone parlano di brani della Bibbia in relazione alla propria vita. Il progetto è stato reso possibile grazie alla collaborazione del card. John Dew di Wellington, Nuova Zelanda, di John Bergin, consulente delle United Bible Societies e dell’Ufficio per l’evangelizzazione della Fabc.

“Un’altra esperienza in questo senso - ha aggiungo durante la conferenza stampa il card. Kovitvanit - l’abbiamo vissuta ieri nella Giornata missionaria mondiale: grazie agli strumenti digitali i delegati presenti a Bangkok hanno potuto ‘incontrare virtualmente’ 20 diverse parrocchie sparse per tutta l’Asia”. A piccoli gruppi hanno visitato in questo modo – tra le altre - parrocchie di Mumbai, Dhaka, Seoul, Lahore, Yogyakarta, Pathein, Sabah, ma anche Darkhan in Mongolia, e altre a Taiwan, Brunei, Laos, Sri Lanka, Kazakistan e Filippine. La visita è iniziata con un’introduzione e un video della parrocchia, seguita da una conversazione con i delegati riuniti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

51 anni di Dei Verbum

Sono passati 51 anni ma questo documento ha ancora molto da dirci. Curiosamente non è nemmeno tra i più commentati: eppure, anche per la difficoltà che costò ai Padri Conciliari, sarebbe importante riprenderlo in mano e poterlo meditare. Convincendosi, una volta per tutte, che il Concilio, quello vero, non ha responsabilità alcuna nelle crisi ecclesiali odierne, vere e presunte.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ad Ariccia medita sull’ultima cena

Padre Giulio Michelini ha esposto al Santo Padre Francesco la terza meditazione del suo corso di esercizî quaresimali: il tema erano il pane e il vino consacrati da Cristo nell’ultima cena (e dalla Chiesa nell’Eucaristia). «Il sangue di Cristo viene versato per molti per la remissione dei peccati. Così chi legge il Vangelo scopre cosa significa il nome di Gesù – il Signore salva»

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: i cristiani piccole lampade del Vangelo

All’appuntamento domenicale con l’Angelus in Piazza San Pietro, Papa Francesco spiega la trasfigurazione di Gesù sul monte davanti a Pietro, Giacomo e Giovanni. Francesco, nella seconda domenica di Quaresima, ci guida nel cuore dei discepoli, nell’angoscia della rivelazione del maestro che anticipa la sua morte, nel sogno di un “Messia forte e trionfante” che invece viene infranto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano