Storie

di Nathan Algren

ETIOPIA - Mettere a tacere le armi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo due anni di conflitto tra il governo etiope e le forze del Tigray, che ha portato alla perdita di migliaia di civili e molte persone sfollate, i rappresentanti delle due parti si sono incontrati per la prima volta a Pretoria, in Sud Africa, per colloqui di pace, un gesto che ha dato speranza ai cittadini etiopi. Iniziati martedì 25 ottobre 2022 si concluderanno domenica 30 ottobre 2022. L’intento è quello di mediare sulle sfide del secondo Paese più popoloso dell’Africa e trovare una soluzione sostenibile al conflitto.

“Gli ultimi due anni sono stati teatro di situazioni strazianti. Molta gente hanno perso la vita e proprietà e molti sono stati sfollati. Ci auguriamo che questo colloquio di pace porti un respiro di pace” ha dichiarato il vicario Apostolico di Jima Bonga, Markos Ghebremedhin. “Preghiamo e speriamo che il risultato di questi colloqui portino a ripristinare la pace nel paese in modo da poter costruire la nostra nazione”.

Papa Francesco, nel suo messaggio di domenica 23 ottobre durante l’Angelus, ha esortato le parti interessate in Etiopia a “porre fine alle sofferenze della popolazione indifesa e a trovare soluzioni eque per una pace duratura in tutto il Paese”

I colloqui in corso sono mediati da un team dell’Unione africana, guidato dall’ex presidente della Nigeria Olusegun Obasanjo, supportato dall’ex leader del Kenya Uhuru Kenyatta e dall’ex vicepresidente sudafricano Phumzile Mlambo-Ngcuka. Secondo organismi locali, se le trattative sudafricane dovessero fallire, “persisterà un conflitto pieno di atrocità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/10/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Allah akbar”. Poi le coltellate ai passanti

A Piacenza un egiziano (clandestino) di 32 anni, Hissam Habdul Mahmud, ha seminato il panico in città brandendo un coltello al grido di “Allah akbar”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ricorda padre Richard

All’udienza generale Francesco ha ricordato il sacerdote congolese dell’Ordine dei Chierici Regolari Minori, “vittima di una violenza ingiustificabile e deprecabile”, ucciso lo scorso 2 febbraio nel Nord Kivu

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Cristiana sequestrata per matrimonio forzato

Aleeza Naeem manca da casa dal 13 marzo scorso. Figlia unica, sarebbe stata rapita da tre musulmani mentre andava a lezione. I familiari hanno presentato denuncia, invano. Come in molti casi di appartenenti alle minoranze è stata rapita per essere convertita a forza all’islam e data in sposa.

Leggi tutto

Storie

NIGERIA - Presi ad Auchi gli assassini di uno dei due sacerdoti uccisi

Sono stati arrestati gli assassini di padre Cristopher Odia Ogedegbe, di Auchi. A darne notizia il Vescovo Ausiliare della Diocesi di Minna, monsignor Luka Sylvester Gopep.

Leggi tutto

Storie

La ricerca del successo è diventata una maledizione

Come tradotto da soompi.com, la nota di Yoo recita: “Mi dispiace di avervi lasciato prima. Sono particolarmente dispiaciuto per mamma, papà, nonna e fratello. Il mio cuore urla che non voglio vivere. La vita senza di me può essere vuota, ma per favore vivivete coraggiosamente. Vi terrò d’occhio. Non piangete. Non sono triste in questo momento. Mi sento risoluta e calma. Penso che sia perché ci ho pensato a lungo. Ho vissuto una vita così felice che era più di quello che meritavo. Ecco perché mi basta. È abbastanza. Quindi, per favore, vivi senza dare la colpa a nessuno”

Leggi tutto

Storie

Cambogia e traffico di esseri umani

Phnom Penh, complicità di alto livello nella tratta degli esseri umani

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano