Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa: la vita consacrata non si scoraggi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Papa incontra in Vaticano la comunità dell’Istituto di Teologia della Vita Religiosa Claretianum in occasione dei cinquant’anni di fondazione, ispirato dalla missione di Sant’Antonio Maria Claret. In un tempo in cui la Chiesa riscopre la vocazione sinodale, Francesco incoraggia a compiere l’opzione per i poveri e la solidarietà, a realizzare una fraternità senza frontiere e la missione in costante uscita.

Il Pontefice elogia la vicinanza e l’aiuto offerto dai Clarettiani alle comunità di vita consacrata, attraverso l’accompagnamento spirituale, l’illuminazione dottrinale e soprattutto la consulenza giuridica. In particolare ricorda alcune figure come i Cardinali Arcadio María Larraona e Arturo Tabera, padre Jesús Torresquello che hanno dato un’impronta significativa a quello che oggi è il Dicastero per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica. Cita l’istituto di Madrid, dei Centri Superiori di Manila, Bangalore, Bogotá e Abuja: realtà che rendono, osserva, “un fruttuoso servizio alla comprensione e allo sviluppo della teologia della vita consacrata”. Il suo ringraziamento va alle numerose iniziative promosse in diverse regioni nel mondo: dal Messico alla Polonia, dal Regno Unito all’Indonesia.

Quindi Papa Francesco si lascia andare a ricordi personali, quando era alla mia sua esperienza come vescovo nel Sinodo del 1994: “Quanto avete aiutato in quel Sinodo sulla vita consacrata! L’influsso vostro è stato positivo, sempre aperto, sempre togliendo dei timori che non avevano fondamento”, dice.

In questo tempo in cui la Chiesa vuole vivere più intensamente la sua vocazione sinodale, mi piace notare che il vostro servizio alla vita consacrata è stato segnato dal desiderio di attuare ciò a cui Sant’Antonio Maria Claret dava tanto valore. Infatti, non solo avete mantenuto la comunione con la Sede Apostolica, con i Pastori delle Chiese particolari e con le Federazioni e Confederazioni dei Superiori maggiori, ma vi siete anche adoperati per condividere il vostro servizio di animazione e di rinnovamento con altre vocazioni e ministeri ecclesiali: religiosi con altri carismi, sacerdoti secolari e l aici.

L’invito del Papa è l’attenzione per la vita comunitaria - in un tempo, sottolinea, di marcato individualismo - l’interculturalità come cammino di fraternità e di missione, la promozione dell’incontro tra le diverse generazioni nella vita consacrata, nella Chiesa e nella società.

Rimandando alla Costituzione Apostolica Veritatis gaudium, Papa Francesco esorta a cercare sempre nuove strade per servire il Signore, senza paura, a coltivate sempre di più lo stile di Dio – la vicinanza, la compassione e la tenerezza –, mai stanchi di andare audaci alle frontiere, anche alle frontiere del pensiero. Poi sottolinea l’importanza dello studio:

Trascurare la teologia, la riflessione, lo studio, le scienze impoverisce l’apostolato e favorisce la superficialità e la leggerezza nella missione (cfr Vita consecrata, 98). Vi ringrazio perché continuate ad aiutare tanti a rimanere attenti; perché continuate a curare la qualità dello studio e della ricerca. I problemi del tempo attuale richiedono nuove analisi e nuove sintesi (cfr ibid.).
“Il Vangelo - precisa infine - insegna che c’è una povertà che umilia e uccide e un’altra povertà, quella di Gesù, che libera e rende felici”. E invita a non dimenticare, né nella vita né nel lavoro all’università, “coloro che vivono le altre povertà”. E qui cita un passaggio del Messaggio per la VI Giornata Mondiale dei Poveri, di un anno fa e del 2017:

Possiate far sì che la vita vinca sulla morte e la dignità sull’ingiustizia. Per incontrare veramente Cristo, bisogna toccare il suo corpo nel corpo ferito dei poveri, a conferma della comunione sacramentale ricevuta nell’Eucaristia. Quanti fondatori, fondatrici e persone consacrate hanno vissuto e vivono così!

Il Papa conclude il suo discorso ricorrendo alla preghiera che concludeva l’omelia per il 60° anniversario dell’apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II e invita, parafrasandola, a pregare insieme a lui: “Ti ringraziamo, Signore, per il dono del Concilio e per la benedizione che questi istituti di teologia della vita consacrata sono stati e sono per la Chiesa. Tu che ci ami, liberaci dalla presunzione di autosufficienza e dallo spirito di critica mondana. Tu che ci pasci con tenerezza, liberaci dall’autoreferenzialità, dall’inganno diabolico delle polarizzazioni, dagli “ismi”. E noi, tua Chiesa, con Pietro e come Pietro, ti diciamo: «Signore, tu sai tutto; tu sai che ti amiamo».

Aggiungi foto/video
o trascina e rilascia

Aggiungi foto e video dal tuo dispositivo mobile.
Aggiungi

Aggiungi al tuo post

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/11/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: Avvento tempo di grazia

Austero, radicale, a prima vista persino duro e capace di incutere timore: Giovanni Battista si presenta così nel Vangelo di questa seconda domenica di Avvento

Leggi tutto

Chiesa

Papa: i martiri rivelano che Natale è la venuta del Salvatore

Nell’Angelus della festa di santo Stefano la preghiera per i cristiani perseguitati “oggi più numerosi che nei primi secoli”. “Dai martiri impariamo il perdono alle persone con cui non andiamo d’accordo”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: ricostruire con i poveri rispettando il creato

Delegazione in udienza in Vaticano insieme al vicariato apostolico di Phnom Penh e al dicastero per il Dialogo interreligioso. L’invito a una “conversione ecologica” che salvaguardi insieme l’ambiente e i fratelli.

Leggi tutto

Chiesa

CONGO - Papa Francesco incontra il clero

Preghiera personale, sobrietà e libertà interiore, formazione costante: queste le raccomandazioni del Papa a sacerdoti, diaconi, consacrate, consacrati e seminaristi nell’incontro di preghiera svoltosi nella cattedrale di Kinshasa:

Leggi tutto

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano