Storie

di Roberto Signori

282 milioni il numero di persone malnutrite nel mondo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Fondazione Cesvi ha presentato il rapporto del Global Hunger Index (GHI), l’indice globale della fame. Secondo il GHI 2022, i progressi per la fame hanno subito un brusco arresto, sono infatti 828 milioni le persone malnutrite nel mondo, 46 milioni in più rispetto all’anno precedente. Con questa tendenza, non sarà possibile raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile sulla sicurezza alimentare, previsto dall’agenda 2030 delle Nazioni Unite. Dal 2019 sono aumentati di 150 milioni i soggetti che soffrono la fame. Le conseguenze della pandemia da Covid-19 hanno prodotto conseguenze ancora più gravi ed effetti irreversibili, facendo salire il numero a 282 milioni. Nel 2023 senza interventi radicali, si prevede che 45 milioni di persone rischieranno la morte per l’emergenza alimentare. Secondo il GHI in 9 Paesi la fame è di categoria allarmante e in 35 grave. In particolare nella Repubblica Centrafricana, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Madagascar e Yemen. Dalla ricerca del GHI non emergono invece dati sufficienti per classificare l’indice alimentare di altri 4 Paesi: Burundi, Somalia, Sud Sudan e Siria. Ciò dipende dall’impossibilità di ricevere questi dati, all’interno di Stati dove manca la presenza di un governo democratico e dove la fame viene utilizzata troppe volte come uno come strumento di guerra.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

Storie

“C’era una volta”

La rassegna di letture per i più piccoli nei nosocomi pediatrici italiani, a cura della Fondazione De Sanctis, è stata inaugurata all’Ospedale Bambino Gesù

Leggi tutto

Politica

Camera, slitta l’esame del testo sulla perseguibilità dell’utero in affitto

La discussione slitta “al prossimo calendario”, cioè almeno al prossimo mese

Leggi tutto

Storie

Pennsylvania: non esiste diritto all’aborto

Decisione storica del Senato della Pennsylvania, che lunedì scorso ha prima presentato e poi votato - con 29 voti favorevoli e 20 contrari - un emendamento costituzionale statale per impedire agli attivisti abortisti di avanzare proposte di legalizzazione dell’aborto fino alla nascita e dunque, di conseguenza, eviterebbe ai contribuenti di dover pagare per questo.

Leggi tutto

Società

Yemen è allarme carestia

Yemen, World Food Programme: milioni di persone a rischio carestia per mancanza di fondi

Leggi tutto

Storie

REP.DOMINICANA - La Vergine di Altagracia, “fonte di unità in momenti difficili”

La Vergine di Altagracia è stata per il popolo dominicano fonte di unità nei momenti difficili, mano sicura che sostiene nelle contrarietà che si presentano nel cammino quotidiano

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano