Storie

di Roberto Signori

Un “gioco” per diventare migranti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un “gioco esperienziale” per diventare migranti, per vivere da profughi anche solo per un’ora. Per vedere l’effetto che fa. Su e giù dai barconi, via dalle violenze o dalla fame: vuoi sentire il brivido di chi cerca rifugio in Italia? All’Università ora è possibile. A Milano si potranno sperimentare in prima persona le emozioni dei richiedenti asilo che arrivano nel nostro Paese senza nulla da perdere, spesso traghettati da uomini senza scrupoli. Ma sarà per l’appunto un gioco, anche se di ludico ci vediamo ben poco. Un modo per “sensibilizzare sul tema dell’inclusione”: così dicono gli organizzatori. L’iniziativa, ideata da Fondazione Empatia Milano e aperta a tutti, si chiamerà “Corridoi” e sarà installata dalla prossima settimana in due importanti atenei ambrosiani.

A ospitare il “gioco esperienziale” sarà prima l’Università Bicocca (dal 15 al 17 novembre negli Edifici U3 Bios - U4 Tellus) e poi la Statale (dal 22 al 24 novembre, entrata da via Festa del Perdono). Quella proposta - si legge in un comunicato - sarà “un’occasione per ripetere fisicamente” i passi dei migranti e “immaginare i loro pensieri”. Così, i partecipanti saranno chiamati a vivere una vera e propria full immersion: si entrerà fisicamente in un sistema di “corridoi”, che - anticipano gli organizzatori - rappresenterà il percorso migratorio vissuto da un rifugiato o richiedente asilo che adesso frequenta l’Università. “I partecipanti affronteranno un percorso creativo di profumi, musiche, immagini e ambientazioni. Un tuffo in ricordi e storie che stimolano empatia, nel quale ci si potrà letteralmente mettere nei panni della persona di cui si ripercorre la storia. Per imparare a conoscerla condividendone gioie e frustrazioni”, spiegala nota stampa che descrive l’iniziativa.

Per rendere il tutto ancor più realistico, gli immaginari “migranti” pro tempore interagiranno con alcuni attori professionisti che prenderanno parte alla performance. Il tutto per amplificare l’immedisimazione alla quale ciascun partecipante sarà invitato. Lo scopo del gioco - spiegano infatti gli organizzatori - sarà quello di raccontare e di far vivere l’avventura di chi arriva a Milano, in un luogo con una lingua e una cultura differente e a volte sconosciuta, esposto alla solitudine e a ogni tipo di fragilità. L’idea è nata da alcuni studenti universitari italiani e stranieri all’interno del progetto europeo Empathy di cui è partner Fem, in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e l’Università degli Studi di Milano e l’Associazione Lato B. Il progetto peraltro è stato avviato sotto l’egida dell’Unhcr, Agenzia Onu per i Rifugiati di cui LCerto, l’idea di trasformare in un gioco il complesso tema delle migrazioni non è piaciuta a tutti. E le polemiche infatti sono già iniziate. “Si parte da un’idea fuorviante, vale a dire che l’Africa sia un posto da cui scappare senza se e senza ma perché non si offre una dignità ai singoli paesi”, ha lamentato Riccardo Truppo, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio comunale. E ancora, l’esponente meloniano ha attaccato: “Presentare così il migrante a una platea di studenti, in un luogo di formazione è sbagliato: servirebbe un messaggio più ragionato. Chi conosce le migrazioni sa che l’80% di queste sono migrazioni regionali intrafricane. Nessuno mette in discussione la necessità di salvare chi scappa dalle guerre ma sono scandalizzato da questa discriminazione dell’Africa”.aura Boldrini fu portavoce, che consente a giovani rifugiati di arrivare in Italia con una borsa di studio per proseguire il loro percorso accademico .

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/11/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Società

Torino: ai transgender la possibilità di cambiare nome sugli abbonamenti bus

Dopo Bologna anche Torino vuole infatti introdurre, per le persone transgender, la possibilità di avere il nome di elezione sugli abbonamenti dei mezzi pubblici. Ad annunciarlo, in Commissione consiliare, l’assessore alle Pari Opportunità Jacopo Rosatelli

Leggi tutto

Società

Amnesty: più conflitti e meno diritti nel mondo

Il Rapporto 2021-2022 di Amnesty International, pubblicato in Italia da Infinito Edizioni, contiene un’introduzione della segretaria generale Agnès Callamard, cinque panoramiche regionali e schede su 154 Stati e territori. Tra i temi principali la pandemia di Covid-19, il razzismo, la lotta alle disuguaglianze e la cura del Creato.

Leggi tutto

Chiesa

Giardini Vaticani; ecco l’immagine della Vergine dei Trentatrè

Inaugurata nel Bastione del Maestro l’immagine della Patrona dell’Uruguay

Leggi tutto

Politica

Sako: i cristiani iracheni sono veri patrioti

Nel suo contributo, tra le altre cose, il Patriarca ribadisce che “dalla caduta del precedente regime, nell’aprile 2003, in Iraq non ha ancora visto la luce una vita politica normale, visti i continui fallimenti dei governi nel realizzare ciò di cui il popolo ha bisogno”. Il Primate della Chiesa caldea critica anche il fatto che la Costituzione citi solo l’islam come fonte della legislazione, offrendo la base giuridica per pratiche politiche e sociali che finiscono inevitabilmente per discriminare i cristiani e gli appartenenti a altre comunità di fede come “cittadini di serie B”.

Leggi tutto

Chiesa

Un’attenzione chiave

Suscita domande la circostanza che non sia così diffusa la vissuta, partecipata, ricerca sul discernere concreto, divino e umano, del Gesù dei vangeli. Ossia della chiave di ogni cosa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano