Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Il Papa agli insegnanti cattolici: attenti alle colonizzazioni ideologiche

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

State attenti a far comprendere agli insegnanti cosa è una novità che fa crescere e cosa è una ideologizzazione, una colonizzazione ideologica”. “Oggi le colonizzazioni ideologiche distruggono la personalità umana e quando entrano nell’educazione fanno delle stragi”. È quanto sottolinea Papa Francesco incontrando i partecipanti all’Assemblea generale dell’Unione mondiale degli insegnanti cattolici (Umec-Wuct), “una rete di colleghi nella professione e di fratelli e sorelle nella fede che - spiega il Pontefice - in spirito e stile di amicizia, di accoglienza, di conoscenza reciproca e di comune crescita spirituale, si mettono al servizio di tutti gli insegnanti cattolici perché conservino la loro identità e portino avanti la loro missione”. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Direi che in questo compito siete “collaboratori del Papa”: infatti, la missione del Successore di Pietro è proprio quella di confermare e sostenere i fratelli nella fede (cfr Lc 22,32). E così voi, nel mondo della scuola, fate presente il servizio della Chiesa di sostenere nella fede gli insegnanti cattolici, perché possano svolgere al meglio il loro lavoro e la loro testimonianza, in situazioni spesso complesse sul piano relazionale e sul piano istituzionale.

“La presenza di educatori cristiani nel mondo della scuola è di vitale importanza. E decisivo è lo stile che egli o ella assume. L’educatore cristiano infatti è chiamato ad essere nello stesso tempo pienamente umano e pienamente cristiano”. “Non deve essere spiritualista e fuori dal mondo”. “Non c’è umanesimo senza cristianesimo. E non c’è cristianesimo senza umanesimo”. L’educatore cristiano deve essere, quindi, “radicato nel presente, nel suo tempo, nella sua cultura. È importante che la sua personalità sia ricca, aperta, capace di stabilire relazioni sincere con gli studenti, di capire le loro esigenze più profonde, le loro domande, le loro paure, i loro sogni”.

E che sia anche capace di testimoniare – anzitutto con la vita e anche con le parole – che la fede cristiana abbraccia tutto l’umano, che porta luce e verità in ogni ambito dell’esistenza, senza escludere niente, senza tagliare le ali ai sogni dei giovani, senza impoverire le loro aspirazioni.

L’Unione mondiale degli insegnanti cattolici, ricorda Francesco, ha vissuto tempi non facili nella sua storia recente, “anche con momenti di dubbio e di scoraggiamento”. Ma anche “in questi tempi di burrasca”, non è mancato l’impegno “in uno spirito di fede e di speranza cristiana”. L’Umec è oggi chiamata “a sostenere insegnanti di ogni età e in ogni condizione lavorativa: sia quelli con una lunga esperienza - ricchi di soddisfazioni ma anche di fatiche -, sia le nuove generazioni, docenti animati da entusiasmo e voglia di fare, ma con le fragilità e le incertezze che spesso segnano i primi anni di insegnamento”.

Tutti questi insegnanti - se li guardiamo con ottica cristiana, di cui a volte loro stessi non sono pienamente consapevoli - sono in condizione di lasciare un segno, nel bene e nel male, nella vita di bambini, adolescenti e giovani, che sono loro affidati per lungo tempo. Quale responsabilità! E quale opportunità, per introdurli, con sapienza e rispetto, nei sentieri del mondo e della vita, accompagnando la loro mente ad aprirsi al vero, al bello, al bene. Sappiamo, per esperienza personale, come sia importante avere bravi insegnanti e saggi educatori negli anni della formazione!

Agli appartenenti all’’Unione mondiale degli insegnanti cattolici il Papa rivolge infine un invito. “Un invito - afferma il Pontefice - che mi sta molto cuore” e legato al Patto globale dell’educazione, una iniziativa che si propone di unire gli sforzi “in un’ampia alleanza educativa per formare persone mature, capaci di superare frammentazioni e contrapposizioni e ricostruire il tessuto di relazioni per un’umanità più fraterna”. “Confido nel vostro impegno per coinvolgere gli insegnanti aderenti all’Umec in questo progetto, che vuole mettere al centro la persona nella sua dignità e bellezza, e le famiglie quali soggetti educativi primari”.


Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/11/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La tentazione di dividerci

Noi de La Croce dichiariamo un disarmo unilaterale: sono tutti liberi di sparare contro di noi, noi non risponderemo. Subiremo anche il fuoco amico senza reagire

Leggi tutto

Società

Esiste il gender? A Bologna sì

Istituto comprensivo Salvo d’Acquisto, Gaggio Montano, provincia di Bologna: ecco cosa succede da giugno a proposito di un “progetto didattico” che sembra voler erotizzare fortemente i ragazzi in età prepuberale. In un clima surreale in cui da un lato si nega che esista un nugolo di “gender studies” assimilabili sotto l’etichetta di “pensiero gender” e dall’altra si cerca ossessivamente di farli entrare in ogni interstizio della società, partiamo dai fatti per capire come stanno le cose

Leggi tutto

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Chiesa

Ecco-i-nuovi-otto candidati agli altari

Tre decreti su altrettanti miracoli, due sul martirio, tre sulle virtù eroiche, per otto candidati agli altari. È quanto emerge dal Bollettino della Sala Stampa vaticana,

Leggi tutto

Chiesa

Laos: misure del governo a protezione dei cristiani vessati e maltrattati nel Paese

In Laos il governo di Vientiane ha adottato provvedimenti per proteggere i cristiani dalle continue discriminazioni subite

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano