Politica

di Mirko De Carli

LA ” BENEDIZIONE” PIDIEFFINA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non c’è confronto in cui non ci venga chiesto quale sia la missione attuale del Popolo della Famiglia: sembra (ripeto, sembra) che la nascita del Governo Meloni abbia decretato la fine del movimentismo nato dalle ultime due grandi piazze “per la vita e per la famiglia”. La frase tipo che ti rifilano come risposta preconfenzionata è sempre la stessa: ci pensa Giorgia. Povero Presidente del Consiglio: una croce così grande e nemmeno un Simone di Cirene? Sì ve lo ricordate, almeno per sbaglio per averne sentito passare il nome in una domenica d’infanzia? Colui che aiutò Gesù a portare la croce durante il cammino prima di salire sul Golgotha.

“Noi non facciamo i politici, i deputati, i leader. Lottiamo, per quel che dobbiamo e per quel che crediamo. E questa è la differenza che prima o poi, speriamo non troppo tardi, si dovrà comprendere” ripeteva Marco Pannella che con questa robusta consapevolezza ha disintegrato l’architettura del diritto di famiglia italiano e dei diritti civili nella seconda metà del Novecento. Pensare che lo stesso leader radicale fu sistematicamente osteggiato dal partito comunista che per primo faceva sue le battaglie che lui lanciava dalla strada e della piazza d’Italia: “ci pensiamo noi” ripetevano i comunisti, niente seggio parlamentare e niente spazi televisivi per questi eversivi radicali. Poi Pannella, con pochi dei suoi, entrò in Parlamento e il PCI non portò all’oblio il Partito Radicale Italiano ma si trasformò gradualmente nel contemporaneo “partito radicale di massa”.

Chi ha vinto dunque? Pannella o Berlinguer? Giacinto per ko. Fu lui il cosiddetto Simone di Cirene che, dopo la fine tragica della stagione della solidarietà nazionale con la morte di Aldo Moro, accompagnò la sinistra a ritrovare un ruolo storico che sembrava ormai perduto. Oggi, con la nascita del primo governo di destra (altro che destra-centro) italiano le tante donne e uomini con cui abbiamo calpestato insieme il Circo Massimo e Piazza San Giovanni per gridare il nostro no alla deriva dei falsi miti di progresso e un sì convinto al diritto universale alla vita hanno deposto gli striscioni, gli scarponcini e gli zainetti. Perché? Perché “ci pensa Giorgia”.

Il vizietto, tutto italico peraltro, di rifugiarsi nella personalizzazione (talvolta estrema) della politica ha solo creato mostri dai danni incalcolabili: solo i movimenti che vivono e si nutrono come comunità costituiti da manipoli di donne e uomini e non le masse indiscriminate sono la “spina dorsale” in grado di reggere quelle rivoluzioni all’insegna del “tornare indietro (sui diritti civili) per andare avanti” che il paese da troppo tempo attende.

Se Giorgia avrà il coraggio di bandire il gender nelle scuole, di riconoscere il diritto universale a nascere in Costituzione e di legiferare a favore delle mamme d’Italia che non vedono ancora confermato il valore pubblico del loro ruolo eroico svolto nella società italiana non sarà di certo per via del crescere esponenziale dei nuovi adepti di partito (magari figlie o figli di “cambi di casacca” che odorano di bieco opportunismo) ma per la forza del nostro pensare ed agire da dissidenti del cosidetto “pensiero unico”. La “benedizione” pidieffina sono dunque gli zero virgola elettorali, i dirigenti e militanti che ci lasciano per saltare sul carro dei vincitori e i limiti organizzativi figli di una militanza spontanea e non ideoligizzata: ciò che per gli altri appare come un fallimento per noi è una vera e propria benedizione.

D’altronde siamo maledettamente cristiani e il paradigma della croce, sconfitta per il mondo e vittoria per i seguaci del Nazareno, ci avvolge ancora oggi: a noi la scelta, viverlo o subirlo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/11/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Addio a suor Cristina

La vittoria a The Voice nel team J-Ax, 15 anni da suora ma adesso dice basta. Suor Cristina ora è solo Cristina Scuccia, vive in Spagna e fa la cameriera, vuole dedicarsi al canto. Dopo l’intervista a Verissimo abbiamo chiesto a Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia e fervente cattolico, la sua opinione sulle facili seduzioni della “terra degli infedeli”, dove regna anche Onlyfans, che l’avrebbe usata per creare scandalo
Intervista tratat da Mowmag

Leggi tutto

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Società

Scozia e matrimoni gay

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza

Leggi tutto

Politica

La piccola Banda

Il Pd è ora una banda senza popolo, che gestisce ancora interessi enormi ma senza ormai passione

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano