Chiesa

di Giuseppe Udinov

I vescovi cattolici russi in preghiera per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si è tenuta nei giorni scorsi, nel Seminario “Maria regina degli apostoli” di San Pietroburgo, la 56ma assemblea plenaria della Conferenza dei vescovi cattolici della Russia (Kker), sotto la presidenza dell’arcivescovo della Madre di Dio a Mosca, mons. Paolo Pezzi. Erano presenti il vescovo della Trasfigurazione a Novosibirsk, mons. Josif Werth, quello di s. Giuseppe a Irkutsk, mons. Kirill Klimovič, di s. Clemente a Saratov, mons. Klemens Pikkel, insieme al vescovo ausiliario di Mosca e San Pietroburgo, mons. Nikolaj Dubinin (Ofm Conv), al nunzio apostolico mons. Giovanni D’Aniello e al segretario della Kker, p. Stefan Lipke (Sj).

Ai lavori della conferenza hanno preso parte anche il consigliere della nunziatura, mons. Petr Tarnavsky, il direttore della fondazione di beneficenza “Renovabis”, p. Tomas Schwartz, i direttori dell’Unione delle comunità religiose di Russia (Corsum), suor Oksana Britik (Usjk) e p. Darij Kharasimovič (Ofm Conv), insieme al rettore del seminario mons. Sergej Timašov.

I vescovi hanno rinnovato l’appello ai cattolici e ai credenti di tutte le confessioni per la preghiera in favore della pace per tutta l’umanità, e in particolare per le persone di Ucraina e Russia, accompagnando la preghiera con digiuni e atti di misericordia. È stato espresso un sentito ringraziamento ai collaboratori della “Caritas Russia meridionale” e a tutti coloro che hanno aiutato i profughi “di ogni provenienza e orientamento”, auspicando un coinvolgimento sempre più ampio con tutte le persone di buona volontà, sia in questo campo che in tutte le forme di cura per i bisognosi.

Nell’attuale “atmosfera di tensione”, la Kker invita i sacerdoti a prestare ogni sforzo alla difesa dei diritti della Chiesa, e in primo luogo al diritto dei credenti alla libertà di professare la propria fede, soprattutto negli ospedali, nei luoghi di detenzione e in tutte le altre istituzioni sociali. Sono state tolte tutte le restrizioni legate alla pandemia di Covid-19, richiamando tutti i sacerdoti e i fedeli a mantenere misure ragionevoli di attenzione e prevenzione. È stata richiamata l’importanza del servizio delle comunità religiose e delle persone consacrate, esprimendo il desiderio di rafforzare sempre più la collaborazione fruttuosa con esse.

Un’attenzione particolare è stata rivolta alla formazione dei candidati al sacerdozio, osservando la dinamica positiva del Seminario, e sostenendo l’importanza di uno sviluppo ulteriore del pre-seminario. I laici hanno ora la possibilità di ricevere una formazione teologica all’Istituto “S. Giovanni Crisostomo” presso il Seminario pietroburghese, attualmente solo in presenza, ma si sta preparando anche la partecipazione a distanza.

Un grande ringraziamento è stato espresso per i frutti del processo sinodale, che deve proseguire nella discussione di questioni importanti, nello spirito di apertura e dialogo all’interno delle Chiese locali, e anche partecipando alle dimensioni continentali di Europa e Asia, e al livello universale, fino all’autunno del 2024. Un desiderio dei vescovi russi è lo sviluppo ulteriore dei contatti con le Chiese locali degli altri Paesi, rinnovando la tradizione degli incontri con i vescovi cattolici dell’Asia centrale.

I vescovi intendono fare tutto il possibile, affinché la Chiesa cattolica in Russia sia sempre più un ambito libero da ogni forma di costrizione e violenza, sia per i bambini e i ragazzi, che per gli adulti. Si propongono in questo senso appositi corsi di formazione a tutti i livelli, in particolare per coloro che si occupano dell’accompagnamento delle vittime della violenza in vari contesti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Che cosa si perde sguarnendo l’IRC

La “Buona scuola” impone agli istituti di offrire ricchi potenziamenti agli allievi. Tagliando fuori chi fa l’ora di religione

Leggi tutto

Politica

Perchè tanti non vanno a Verona

Lo schiacciamento delle istanze pro-life e pro-family operato dagli organizzatori del WCF2019 – quell’insieme di “modalità” cui diplomaticamente alludeva Parolin, prendendone le distanze –ha reso le stesse impresentabili in un dibattito civile. Non andare alla manifestazione significa per molti semplicemente tenere aperte le strade di un dialogo possibile sui temi di vita e famiglia.

Leggi tutto

Politica

Cop26:a Glasgow regna l’incertezza

La 26 a conferenza delle Nazione Unite sul clima, la Cop26 si sta svolgendo dal 31 ottobre scorso al 12 novembre a Glasgow. I paesi presenti alla Cop 26 hanno certo ribadito la loro intenzione di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Tuttavia c’è una spaccatura innegabile tra, da una parte i paesi favorevoli all’eliminazione progressiva delle fonti fossili e dall’altra parte chi vorrebbe limitare il taglio dei gas serra.

Leggi tutto

Politica

Putin: il gender è come il coronavirus

Il presidente russo non teme nessuno e non frena il suo pensiero sull’ideologia gender definita “come il coronavirus”

Leggi tutto

Società

Niger: allarme cibo per la popolazione

“Rimarremo finché avremo da mangiare”. “Dicevano appunto così, i due contadini della zona di Bomoanga alla frontiera col Burkina Faso” riferisce p. Mauro Armanino, missionario SMA (Società per le Missioni Africane) che opera a Niamey, in Niger,

Leggi tutto

Politica

Il gigante ubriaco

Il pessimo gioco di Biden e la Nato: la lucidità di Putin si può ostacolare solo con altrettanta lucidità e invece l’Occidente è un gigante ubriaco che s’è accasciato schiacciando col suo peso le sorti della piccola e povera Ucraina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano