Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Il Papa ai giocatori della Partita della Pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Piccoli semi di pace” in un mondo di guerre, distruzione e in cui gli investimenti più grandi sono per l’industria delle armi. Così il Papa definisce la Partita della Pace, l’evento, promosso dalla fondazione pontificia Scholas Occurrentes, giunto alla sua terza edizione - quest’anno più che mai simbolica - che si svolge questa sera allo stadio Olimpico di Roma. Prima del match, al motto di “We Play For Peace”, calciatori, organizzatori e le loro famiglie e i loro amici sono stati ricevuti alle 16 da Francesco in Aula Paolo VI, dove campeggiava un murales in omaggio a Diego Armando Maradona, alla cui memoria è dedicata la partita. A tutti il Papa ha dato la sua ‘benedizione’ per questa iniziativa che dimostra “la gratuità della pace”. “Pensate voi che le spese più grandi oggi nel mondo sono per l’industria delle armi. Perché si pensa sempre a fare guerre per distruggere”, ha esordito il Pontefice nel suo breve saluto in italiano, durante il quale ha ringraziato i giocatori venuti da “posti diversi, posti lontani” per fare una partita in nome della pace. “Voi avete preso il vostro tempo per venire a fare la gratuità della pace”. Una pace, ha detto il Papa, “che va avanti così, con gesti come questi: gesti di vicinanza, gesti di amicizia, gesti della mano tesa, sempre, non con la pietra in mano per buttarla”.

“Sono piccoli gesti, ma sono dei semi di pace, capaci di cambiare il mondo”, ha sottolineato Papa Francesco, ringraziando per questa partita – dove giocheranno anche calciatori russi e ucraini - che lancia il messaggio “Vogliamo la pace, in un mondo che sempre cerca delle guerre e delle distruzioni. Grazie!”.
E “grazie”, ha aggiunto il Pontefice, “per dirci che è più importante un pallone di stracci, con la gratuità del gioco, che la conquista di un territorio con le guerre, quello non va”. Il riferimento è a un pallone di pezza rilegato con una corda grezza, regalato al Pontefice dal giocatore della Lazio Ciro Immobile, in segno della semplicità di uno sport come il calcio, veicolo da sempre di amicizia e fraternità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la Bibbia da usare come il cellulare

Qualcuno ha detto: cosa succederebbe se trattassimo la Bibbia come trattiamo il nostro telefono cellulare? Se la portassimo sempre con noi, o almeno il piccolo Vangelo tascabile, cosa succederebbe?; se tornassimo indietro quando la dimentichiamo: tu ti dimentichi il telefono cellulare - oh!, non ce l’ho, torno indietro a cercarlo; se la aprissimo diverse volte al giorno; se leggessimo i messaggi di Dio contenuti nella Bibbia come leggiamo i messaggi del telefonino, cosa succederebbe? Chiaramente il paragone è paradossale, ma fa riflettere. In effetti, se avessimo la Parola di Dio sempre nel cuore, nessuna tentazione potrebbe allontanarci da Dio e nessun ostacolo ci potrebbe far deviare dalla strada del bene; sapremmo vincere le quotidiane suggestioni del male che è in noi e fuori di noi; ci troveremmo più capaci di vivere una vita risuscitata secondo lo Spirito, accogliendo e amando i nostri fratelli, specialmente quelli più deboli e bisognosi, e anche i nostri nemici.
La Vergine Maria, icona perfetta dell’obbedienza a Dio e della fiducia incondizionata al suo volere, ci sostenga nel cammino quaresimale, affinché ci poniamo in docile ascolto della Parola di Dio per realizzare una vera conversione del cuore.

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Chiesa

Vescovo invita Papa,lui scherza:nel 2025 verrà Giovanni XXIV

“Ho invitato il Papa a visitare la città di Ragusa in occasione del settantacinquesimo anniversario della fondazione della Diocesi nel 2025. Il Santo Padre ha fatto un sorriso e un cenno di assenso e con una battuta mi ha risposto dicendo che nel 2025 sarà Giovanni XXIV a fare quella visita”.

Leggi tutto

Società

Comece è necessario cambiare la finanza

“Servire il bene comune in tempi di cambiamento sistemico” è il documento sull’etica nel settore finanziario pubblicato dalla Comece, la Commissione delle Conferenze Episcopali dell’Unione Europea

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano