Media

di Mario Adinolfi

EFFETTO NOTTE SULLA VERITÀ DELLE BR

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Raiuno dopo la vergogna del caso XMas ci propina il solito delirio di Bellocchio con le BR che sembrano ferrovieri gucciniani (“gli eroi son tutti giovani e belli”) e la DC un covo che voleva la morte di Moro. Tre serate di retorica sostanzialmente filobrigatista rese sotto la forma della “serie televisiva” intitolata Esterno Notte. Ma la verità non è quella che spaccia Bellocchio. Le BR erano criminali, la DC il miglior partito di governo della storia d’Italia, che assicurò al Paese libertà, piena occupazione, welfare, pace e prosperità. Dal 1948 al 1982 la DC detenne la presidenza del Consiglio portando l’Italia dalle macerie della seconda guerra mondiale a diventare la quarta potenza industriale al mondo. Nei restanti 12 anni della sua esistenza conobbe un declino anche morale che portò alla sua dissoluzione. I protagonisti della sua storia sono giganti della storia politica italiana, più che mai se paragonati ai buffoni inadeguati che ne furono i successori. I brigatisti rossi furono pazzi criminali eterodiretti che assassinarono politici, imprenditori, giornalisti, magistrati, avvocati, sindacalisti, docenti universitari, servitori dello Stato per un delirio ideologico insensato come ho avuto modo di dimostrare nel mio Storia del Terrorismo in Italia. Non avevano ragione, non erano mossi da nobili ideali, erano cinici e crudeli malfattori resi ottusi da un’ideologia completamente cretina e senza senso. Quando riusciremo ad avere in Rai una trasmissione che ricordi il terrorismo secondo questi canoni e non con la rappresentazione di uno slancio giovanilista che colpiva (sottinteso del regista: giustamente) una classe politica grigia, mediocre, corrotta? Lo fece Sergio Zavoli ormai più di trent’anni fa con La notte della Repubblica. Da allora, solo rappresentazioni sostanzialmente antidemocristiane di quella stagione. Rappresentazioni che capovolgono la verità della storia. La Raiuno di Stefano Coletta si congeda con questo ennesimo capolavoro di mistificazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/11/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Preparatevi si vota a Giugno

Il voto a Giugno sembra essere sempre più vicino

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Politica

Verso un’epoca nuova

L’intellettualismo imperante privilegia una parte dell’umanità della persona finendo per astrattizzarla e dunque distorcerla: la sua ragione. Si viviseziona così l’uomo, spegnendolo, in ragione astratta; anima, moralità, disincarnata; e resto emozionale, pratico, del soggetto.

Leggi tutto

Politica

SULLA DOTTRINA MENTANA-MONTI

Mario Adinolfi: i giornalisti liberi dovrebbero aggregarsi per contrastare in campo aperto l’opzione Monti-Mentana, che appare davvero una fotografia da Ancien Régime.

Leggi tutto

Politica

PDF Firenze, ordine dei medici e il caso Gerardo Torre

PDF Firenze - Lettera aperta al Presidente dell’Ordine dei Medici di Salerno, dopo la censura al dottor Gerardo Torre:  “Signor Presidente, chiediamo le sue dimissioni immediate”

Leggi tutto

Media

“LA SPERANZA SOTTO ASSEDIO”

L’Intervista di Papa Francesco per la trasmissione Rai “A sua immagine” condotta da Lorena Bianchetti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano