Politica

di Giuseppe Udinov

Stop al reddito di cittadinanza per i genitori di figli violenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono sempre più numerosi i fenomeni di violenza che vedono come protagonisti ragazzi molto giovani e vere e proprie baby gang. Da qui l’intenzione di prendere seri provvedimenti per scoraggiare simili comportamenti, coinvolgendo direttamente anche i genitori dei ragazzi: si fa strada infatti l’idea di togliere il reddito di cittadinanza, così come l’assegno unico, alle famiglie di tali soggetti.

A parlare è il sottosegretario alla Giustizia Andrea Ostellari (Lega), che nel corso della trasmissione Dire Donna Oggi ha commentato alcuni degli episodi legati al bullismo e al fenomeno delle baby gang registrati in questi ultimi giorni. La Lega sta seriamente pensando di togliere assegno unico e reddito di cittadinanza ai genitori dei baby bulli. La proposta di legge, ha fatto sapere Ostellari, sarà effettivamente depositata nelle prossime settimane.

“L’intervento legislativo per i 14enni che commettono un’azione violenta di questo genere prevede un provvedimento di ammonizione alla presenza dei genitori, dai 14 ai 18 anni invece lavori socialmente utili subito oppure processo ordinario subito con pena senza sconti”, ha spiegato il sottosegretario alla Giustizia. Ma non finisce qui. Come abbiamo anticipato, potrebbero esserci serie conseguenze anche per le famiglie dei giovani che hanno commesso atti violenti. “Per i genitori una serie di provvedimenti che vanno a sospendere l’eventuale assegno unico o reddito di cittadinanza percepito dalla famiglia”, ha affermato Ostellari. “La giustizia nel nostro Paese è ancora considerata un costo e non una risorsa, dobbiamo cambiare paradigma, visione e investire in personale e magistrati, solo così avremo la possibilità di cambiare il nostro sistema”, ha aggiunto.

Nelle prossime settimane, dunque, verrà depositato un nuovo disegno di legge mirato a scoraggiare i giovani dal mantenere certi comportamenti e, al contempo, spingere i genitori a controllare i figli. Un segnale forte da inviare alle famiglie.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/11/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

MALI - Scomparso un Padre Bianco di nazionalità tedesca

“Sappiamo che la polizia si è attivata alla ricerca di p. Hans-Joachim ma al momento non si sa ancora se e quale gruppo potrebbe averlo rapito” affermano i Missionari d’Africa (Padri Bianchi) dalla loro Curia Generalizia a Roma

Leggi tutto

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Storie

La storia di Joan bimbo da tutelare

Era stato brandito come la “mascotte” dell’Umbria Pride, il bambino a cui Chiara e Laura hanno deliberatamente negato la possibilità di avere una vita normale a contatto con l’uomo da cui discende, e in più gli hanno scientemente parcellizzato la figura materna, poiché una ha dato l’utero, l’altra l’ovulo con cui il bambino è stato fabbricato. Ora la trascrizione dell’atto di nascita.

Leggi tutto

Politica

Alcune puntualizzazioni sulla liceità della lettera di sostegno al Popolo della Famiglia

Dati i nervosismi tra non pochi detrattori del movimento politico sorto dalle ceneri dei Family Day, occorre ribadire alcune direttrici fondamentali

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano