Società

di Raffaele Dicembrino

Scuola - Rinnovo del contratto ed arretrati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scuola - Firmato il rinnovo del contratto Scuola, grazie alla firma dell’accordo tra il Ministero dell’Istruzione e del Merito e le organizzazioni sindacali del comparto istruzione e ricerca.

L’Ipotesi di CCNL Istruzione e Ricerca 2019-2021 sottoscritta all’ARAN l’11 novembre 2022 sui principali aspetti del trattamento economico del personale coinvolge complessivamente 1.232.248 dipendenti, compresi i settori Scuola e AFAM ma anche i comparti Università (con esclusione dei docenti) ed Enti di ricerca.

CCNL Scuola: aumenti tabellari e arretrati

Per quanto riguarda l’incremento medio lordo mensile per 13 mensilità, il rinnovo prevede 98 euro sebbene per il personale docente gli aumenti medi lordi ammontino a 101 euro al mese, corrispondendi a un incremento percentuale superiore al 4,2%.L’incremento riguarda le componenti dello stipendio, tabellare e accessorio, con alcune novità: la perequazione una tantum 2018 diventa voce retributiva che confluisce nello stipendio tabellare; l’indennità di vacanza 2019 viene assorbita negli incrementi.

Il Contratto consentirà la corresponsione di arretrati per 2.362,49 euro medi per tutto il personale della scuola (per i docenti l’ammontare è di 2.450 euro medi). Gli arretrati e i benefici saranno erogati entro fine anno, come da impegno del Governo.

Il Contratto prevede il versamento di arretrati per 2.362,49 euro medi per tutto il personale della scuola (per i docenti l’ammontare è di 2.450 euro medi).
Le decorrenze degli incrementi sono previste da gennaio 2021 per gli incrementi stipendiali, da gennaio 2022 per le indennità accessorie (RPD personale docente, CIA personale ATA, Indennità di direzione DSGA).
In aggiunta a queste cifre, il Governo ha deliberato il Consiglio dei Ministri altri 100 milioni di euro (da stanziare con decreto entro fine dicembre) e sono impegnati altri 300 milioni per la valorizzazione professionale docenti nel 2023, che si aggiungono ai 36,9 milioni già previsti nella Manovra dello scorso anno per la revisione dei profili professionali del personale ATA. Le ulteriori integrazioni per la parte economica sono previste da un accordo politico di Governo, firmato dal Ministro per l’Istruzione e Merito Giuseppe Valditara.
Tutti i dettagli nel testo del contratto rinnovato.

Le decorrenze

Per il periodo da gennaio 2019 a dicembre 2022 saranno corrisposti nel mese di dicembre 2022 gli arretrati degli incrementi delle indennità maturate nel periodo, riconosciuti automaticamente in busta paga NoiPA a tutti i lavoratori della Scuola in servizio nel periodo di riferimento (anche ai precari).

Le nuove risorse

Con questo accordo otteniamo lo sblocco di risorse per Natale e, grazie anche alle risorse aggiuntive di 100 milioni deliberate nel decreto-legge, l’implementazione di un aumento medio dello stipendio dei docenti pari immediatamente a 100 euro mensili, e a regime a quasi 120 euro mensili, incremento più consistente degli ultimi contratti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/11/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Lo scrittore, la politica ed i quattrini

Questo progetto si chiama “Rapsodia – scrittori nelle scuole” e per il 2016/2017 prevede l’incontro con Giacomo Mazzariol, giovanissimo autore di Castelfranco Veneto, che ha scritto un libro commovente sul fratello down. Il progetto, come accordo tra la scuola e le case editrici, prevede che gli autori vengano a titolo gratuito, ma in cambio almeno l’80% degli studenti presenti deve aver acquistato il libro.

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Chiesa

Il crocifisso a scuola si può esporre regolarmente

La Cassazione ei è pronunciata nell’ambito del ricorso presentato da un docente che era stato sanzionato in via disciplinare perché invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa si era opposto alla circolare di un dirigente scolastico di Terni che ordinava di esporre il crocifisso in aula.

Leggi tutto

Politica

Covid: nuove regole nelle scuole

Al via in tutta Italia le nuove regole la gestione dei positivi al Covid-19 a scuola, con l’obiettivo di mantenere il più possibile le lezioni in presenza.

Leggi tutto

Politica

Campisi (PdF): “Da rivedere le prescrizioni del Ministero dell’Istruzione”

Campisi: “Bambini delle elementari ridotti a reclusi a causa di direttive a dir poco confusionarie, scritte, come si suol dire, con i piedi “

Leggi tutto

Politica

Covid: ecco il calendario della “pseudo” normalità

Covid - La road map per il ritorno alla “normalità”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano