Storie

di Roberto Signori

Francia, caos migranti. L’inchiesta choc

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo il caso internazionale scoppiato tra Italia e Francia, in merito ai migranti, spunta un’inchiesta choc. Secondo quanto riferito dal quotidiano francese Le Monde, l’ultima tragedia nel Canale della Manica celerebbe dei retroscena davvero incredibili. Le autorità francesci avrebbe detto ai migranti che stavano annegando che in quel momento erano in acque britanniche e, dunque, dovevano rivolgersi agli inglesi e non a loro.

Un dossier di prove compilato dagli avvocati che agiscono per le famiglie delle 32 vittime, morti quando il loro gommone è affondato, che rivelerebbe le tante richieste d’aiuto giunte alle autorità francesi. I registri pubblicati dal quotidiano Le Monde indicano che hanno cercato di contattare i servizi di soccorso sia francesi che inglesi, ma non sono stati soccorsi. Poi a distanza di qualche ora, un capitano di un’imbarcazione privata ha lanciato l’allarme segnalando la presenza di molti corpi che galleggiavano nelle acque della Manica, più precisamente nello stretto di Calais.

L’episodio risale a un anno fa, il 24 novembre 2021 e i retroscena spuntano nel periodo in cui la Francia e l’Italia discutono per l’apertura dei porti. Il dossier indaga solo sulle risposte delle autorità francesi, in quanto i registri e le prove relative alla guardia costiera britannica sono oggetto di un’indagine separata che non ha ancora pubblicato i risultati.

Nel dossier vengono riportate le conversazioni telefoniche intercorse in un lasso di tempo di due ore tra i migranti in preda al panico e le autorità transalpine. La prima chiamata alla guardia costiera francese è stata registrata all’01:51, quando un passeggero è rimasto al telefono per 14 minuti chiedendo aiuto a più di 30 persone a bordo del gommone. «Abbiamo bisogno di aiuto, per favore, aiutateci», si sente nella registrazione. Pochi minuti dopo, una conversazione telefonica tra le autorità britanniche e quelle francesi avrebbe indicato che l’imbarcazione si trovava nelle acque francesi a circa mezzo miglio dal confine nautico.

I migranti hanno continuato a chiedere aiuto, ma alle 2:33 i registri mostrano che le autorità francesi hanno ordinato loro di chiamare il 999 perché a quel punto si trovavano nelle acque britanniche. Una scena che si è ripetuta più volte, fino a che le conversazioni si sono interrotte, probabilmente perché il gommone si è ribaltato. Il tutto intorno alle 3:00 del mattino, un’ora e dieci minuto la prima richiesta di aiuto. I registri compilati dagli avvocati delle vittime mostrano che un sopravvissuto, al telefono con le autorità, ha dichiarato che le persone si trovavano in mare e la risposta è stata: «Sì ma siete in acque inglesi, chiamate loro». Poco dopo le 4:00 di mattina, poi, le autorità britanniche hanno detto alle loro controparti francesi di aver ricevuto una richiesta di soccorso ma di non aver trovato nulla nel luogo segnalato della barca. E le operazioni di «soccorso» sono state formalmente chiuse attorno alle 4:30 del mattino. Fino alla segnalazione del giorno successivo di un pescatore che ha avvistato i cadaver

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/11/2022
2302/2024
San Policarpo di Smime

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “L’Amore rimane per sempre”

Rimarrà invece solo l’amore “perché il bene non va mai perduto”. Papa Francesco all’Angelus ricorda che le cose terrene, come il denaro, il successo, l’apparenza e il benessere fisico, non sono destinate a durare

Leggi tutto

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

Politica

Francia, sarà ballottaggio tra Macron e Le Pen.

Exit poll: il presidente avanti di 5 punti. Terzo Mélenchon (sinistra radicale) al 21,2%

Leggi tutto

Storie

NIGER - “Non mi sono mai pentito di essermi convertito al cristianesimo”

Non è facile essere cristiani in Niger oggi, e ancor più dopo il jihadismo alimentato da movimenti come Al Qaeda o Boko Haram, presenti nel Paese” scrive padre Rafael Casamayor, sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA), dalla missione presente a Dosso.

Leggi tutto

Chiesa

Cambogia - Una chiesa per la città di Kampot

Intitolata a Sant’Agostino viene consacrata il 4 giugno dal vicario apostolico mons. Schmitthaeusler.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano