Storie

di Nathan Algren

Cuba ricorda Giovanni Paolo II

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il 25° anniversario della visita del Santo Padre Giovanni Paolo II a Cuba, dal 21 al 25 gennaio 1998, può essere l’occasione provvidenziale per ringraziare Dio e “per rinnovare la vita e la missione del Popolo di Dio, nel quadro del cammino sinodale già intrapreso in tutte le diocesi”. La Conferenza Episcopale Cubana ha iniziato da tempo a organizzare il programma pastorale delle celebrazioni e i dettagli sono in fase di ultimazione, in modo da renderli noti nei prossimi giorni. Questo è uno dei temi discussi dai Vescovi cubani nella loro 160ª Assemblea Plenaria della Conferenza Episcopale, svoltasi dal 7 all’11 novembre, che ha visto la partecipazione di tutti i Vescovi membri e del Nunzio Apostolico, Monsignor Giampiero Gloder.

I Vescovi del Comitato permanente della Conferenza Episcopale hanno informato sulla visita effettuata lo scorso ottobre alla Santa Sede, dove hanno avuto incontri con il Santo Padre e con vari Capi Dicastero, evidenziando il clima di dialogo fraterno, di accoglienza e di ascolto reciproco su tutti i temi affrontati. Hanno anche sottolineato lo speciale affetto riscontrato da parte di Papa Francesco per il popolo e la Chiesa a Cuba. Il Presidente e il Segretario Generale del Comitato Permanente hanno anche informato sui loro incontri in Germania con i responsabili delle Organizzazioni che aiutano il lavoro pastorale della Chiesa cubana.
Altro tema discusso, secondo la Nota pubblicata dalla Conferenza Episcopale, è stata la proposta di adottare l’icona biblica del Buon Samaritano per motivare spiritualmente il nuovo Piano Pastorale Nazionale, che conterrà le priorità o linee di azione che la Chiesa Cubana ha identificato durante la fase diocesana del processo sinodale. I membri dell’Equipe nazionale di riferimento per il processo sinodale hanno potuto informare i Vescovi sul lavoro dei Coordinatori pastorali diocesani e delle équipe sinodali diocesane, che si sono incontrati lo scorso settembre a L’Avana.
Oltre ad eleggere i Presidenti delle varie Commissioni Pastorali nazionali, i Vescovi hanno anche discusso sulle Linee guida per la prevenzione degli abusi di minori e adulti vulnerabili, sul lavoro nell’ambito della Pastorale familiare, sul piano formativo del Seminario di San Carlos e San Ambrosio a L’Avana, sul documento per la Tappa continentale del processo sinodale, sulla Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani e sulla Giornata Mondiale della Gioventù, ad agosto 2023 a Lisbona, dove è prevista la partecipazione di una rappresentanza di giovani cattolici cubani.
Il Vescovo di Pinar del Rio, Mons. Juan de Dios Hernández, ha potuto condividere ciò che ha vissuto nella sua diocesi in occasione del passaggio dell’uragano Ian, e tutto ciò che è stato fatto, con la collaborazione di fedeli provenienti da varie parti del paese, diverse realtà della Caritas, le autorità locali e alcuni aiuti ricevuti dall’estero, per alleviare le innumerevoli difficoltà verificatesi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/11/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Politica

L’InaugurationDay visto da laggiù

Girato l’angolo, ci si para davanti una testuggine della polizia in assetto anti-sommossa, alzo lo sguardo e vedo salire in lontananza una colonna di fumo nero. “Hanno dato fuoco a una limousine”, ci dice una ragazza. Mentre passo accanto allo schieramento, incrocio lo sguardo inquieto di un poliziotto di colore, non avrà più di venti anni. Già nelle ore precedenti erano circolate notizie di vetrate spaccate, quelle di un McDonald e di una filiale di Bank of America. Anche io, nel 2012, la prima volta in cui ho votato in un’elezione presidenziale, ho provato la cocente delusione di non vedere il mio candidato eletto, ma mi sono limitata a sfogare la mia frustrazione con un post su Facebook. Quella devastazione, quegli occhi impauriti, quegli americani che attaccano altri americani per affermare la propria idea sono la conferma che Trump è stata la scelta giusta.

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Chiesa

La preghiera e la Trinità nella catechesi di Papa Francesco

Papa Francesco all’udienza generale, dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico, completa la catechesi sulla preghiera come relazione con la Santissima Trinità, in particolare con lo Spirito Santo. “È Lui – sottolinea il Pontefice – che ci trasforma nel profondo”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus invita ad essere Chiesa che accoglie e non dei “primi della classe”

Una calda domenica ha celebrato l’appuntamento di fine settembre con Papa Francesco e l’Angelus. All’Angelus, il Papa ricorda che l’atteggiamento della chiusura è la radice di “tanti mali della storia”. Chiudersi, dividersi, escludere e giudicare. Papa Francesco, spiegando all’Angelus il Vangelo del giorno, mette in guardia dalla tentazione presente nel mondo e nella Chiesa di creare gruppi che credono di detenere la verità. Guardando agli apostoli che impedirono ad un uomo di scacciare i demoni, pur avendone le capacità, Gesù li invita a non ostacolare chi si adopera per il bene.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano