Storie

di Roberto Signori

All’asilo vagine di stoffa e giochi in scatola

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A Bologna è arrivata la “Tabooteca”, uno spazio pubblico aperto a tutti che propone una serie di giochi in scatola e strumenti didattici sull’educazione alla sessualità, in tutte le sue forme. Senza tralasciare l’identità di genere e la teoria gender, per un progetto (finanziato dalla Regione Emilia Romagna) rivolto a quanto pare anche ai bambini dell’asilo. E tanto è bastato per far scoppiare la polemica, con l’Associazione Pro Vita & Famiglia che ha definito l’iniziativa “inaccettabile”. Un piano varato dall’Associazione Orlando nei locali del Centro di Documentazione delle Donne, che in base a quanto spiegato sul sito dei promotori, mira a consentire anche ai più piccoli di “scoprire, conoscere, condividere sono alla base delle intenzioni del prestito, perché con l’educazione e il gioco si possa arrivare a sfatare i tabù”. E fra i vari oggetti, appaiono anche appaiono peluche e giochi che riproducono i genitali femminili.

“Contraccezione, anatomia umana con vagine, clitoride e vulva, orientamenti sessuali e l’immancabile identità di genere. Sono veramente questi i temi assurdi proposti ai bambini, addirittura in età da scuola materna, nella prima “Tabooteca” d’Italia presentata in pompa magna dall’Associazione Orlando all’interno del Centro di Documentazione delle Donne, una realtà femminista e promotrice di istanze transgender e gender fluid e con il supporto di Non una di meno, Mujeres Libres e Cassero - si legge nella nota pubblicata sul sito dell’associazione firmata da Francesco Perboni e Simone Ortolani, rispettivamente referente di Bologna e dell’Emilia-Romagna di Pro Vita & Famiglia Onlus - non c’è più alcun timore da parte di queste associazioni nel mostrare apertamente la loro volontà ideologica di sessualizzare sempre di più l’innocenza dei bambini. Alla luce del sole vogliono indottrinare i più piccoli ai temi Lgbtqia+ con contenuti sessualmente espliciti e con argomenti assolutamente inadatti alla loro età. I bambini devono essere educati e formati in modo consono alla loro età, rispettando la loro innocenza, non messi in pericolo, per giunta con modalità a luci rosse e con teorie antiscientifiche come la fluidità di genere.

A cosa arriveremo di questo passo? A spiegare ai bambini delle elementari o della materna come compiere pratiche sessuali? Tutto ciò è inaccettabile e gli amministratori della città, in modo trasversale, dovrebbero schierarsi contro iniziative del genere, per tutelare i più piccoli e le famiglie bolognesi”. E nemmeno la Lega ha apprezzato l’idea, non reputandola idonea per bimbi di 3 anni e puntando il dito contro la Regione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il gender a Sanremo? Noi cambiamo canale

Conchita Wurst a Sanremo, senza mai aver pubblicato un album, fa “l’ospite d’onore” con cachet a sei cifre per propagandare le teorie gender. Ci prendono per cretini?

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Politica

QUANDO I DEMOCRATICI DI ZAN NON SI RASSEGNANO

“Il Ddl Zan, respinto dal Senato una settimana fa, torna attraverso tre commi infilati in modo piratesco alla Camera in articolo del decreto-legge recante ‘disposizioni urgenti in materia di investimenti e sicurezza delle infrastrutture, dei trasporti e della circolazione stradale’”

Leggi tutto

Chiesa

La Madonna che viene dal mare

L’Osservatore Romano racconta la vicenda dell’antica immagine della Vergine esposta nella Basilica vaticana

Leggi tutto

Chiesa

POLONIA - In arrivo “Il Sinodo missionario dei bambini 2022”

Rappresentano 33 diocesi della Polonia i bambini che si daranno appuntamento a Varsavia sabato prossimo, 17 settembre, per il “Sinodo missionario” a loro dedicato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano