Chiesa

di Raffaele Dicembrino

L’Angelus dalla cattedrale di Asti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il nostro tempo sta vivendo una carestia di pace: così il Papa all’Angelus, recitato nella Cattedrale di Asti al termine della Messa, ha invitato tutti a farsi costruttori di fraternità, con un pensiero in particolare ai giovani che nella Solennità odierna di Cristo Re celebrano, dal 2021, la Giornata Mondiale della Gioventù (Gmg), ed erano presenti alla celebrazione in più di un centinaio, dalle diverse zone della Diocesi

Al termine di questa Celebrazione desidero esprimere la mia riconoscenza alla Diocesi, alla Provincia e alla Città di Asti: grazie per l’accoglienza calorosa che mi avete riservato! Sono tanto grato alle Autorità civili e religiose anche per i preparativi che hanno reso possibile questa desiderata visita. A tutti voi vorrei dire che a la fame propri piasi’ encuntreve! [mi ha fatto piacere incontrarvi]; e augurarvi: ch’a staga bin! [state bene!]

Un pensiero e un abbraccio speciale vorrei rivolgere ai giovani – grazie di essere venuti così numerosi –. Dallo scorso anno, proprio nella Solennità di Cristo Re si celebra nelle Chiese particolari la Giornata Mondiale della Gioventù. Il tema, lo stesso della prossima GMG di Lisbona, a cui rinnovo l’invito a partecipare, è «Maria si alzò e andò in fretta» (Lc 1,39). La Madonna fece questo quand’era giovane, e ci dice che il segreto per rimanere giovani sta proprio in quei due verbi, alzarsi e andare. A me piace pensare alla Madonna che andò in fretta, andò proprio di fretta, andò in fretta e tante volte io la prego, la Madonna: “Ma, affrettati a risolvere questo problema!”. Alzarsi e andare: non restare fermi a pensare a sé stessi, sprecando la vita a inseguire le comodità o l’ultima moda, ma puntare verso l’Alto, mettersi in cammino, uscire dalle proprie paure per tendere la mano a chi ha bisogno. E oggi ci vogliono giovani veramente “trasgressivi”, non conformisti, che non siano schiavi di un cellulare, ma cambino il mondo come Maria, portando Gesù agli altri, prendendosi cura degli altri, costruendo comunità fraterne con gli altri, realizzando sogni di pace!

Il nostro tempo sta vivendo una carestia di pace: stiamo vivendo una carestia di pace. Pensiamo a tanti luoghi del mondo flagellati dalla guerra, in particolare alla martoriata Ucraina. Diamoci da fare e continuiamo a pregare per la pace! Preghiamo anche per le famiglie delle vittime del grave incendio avvenuto nei giorni scorsi in un campo di rifugiati a Gaza, in Palestina, dove sono morti anche diversi bambini. Il Signore accolga in cielo quanti hanno perso la vita e consoli quella popolazione così provata da anni di conflitto. E invochiamo ora la Regina della pace, la Madonna, a cui è dedicata questa bella Cattedrale. A lei affido le nostre famiglie, i malati e ciascuno di voi, con le preoccupazioni e le buone intenzioni che portate nel cuore.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/11/2022
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Predicatore islamico condannato a 12 anni per una preghiera

Un tribunale saudita ha condannato in questi giorni un predicatore islamico a 12 anni di galera per aver guidato una preghiera nella ex basilica, oggi moschea di Santa Sofia a Istanbul nel lontano 2014. Una sentenza che conferma, una volta di più, la stretta imposta dalla leadership del regno wahhabita contro attivisti, dissidenti e persino religiosi non allineati alle direttive istituzionali o, più semplicemente, invisi al regime al potere.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa incontra i Membri del “Muslim Council of Elders”

Papa Francesco parla di pace ai Membri del Muslim Council of Elders,

Leggi tutto

Storie

Addio a suor Cristina

La vittoria a The Voice nel team J-Ax, 15 anni da suora ma adesso dice basta. Suor Cristina ora è solo Cristina Scuccia, vive in Spagna e fa la cameriera, vuole dedicarsi al canto. Dopo l’intervista a Verissimo abbiamo chiesto a Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia e fervente cattolico, la sua opinione sulle facili seduzioni della “terra degli infedeli”, dove regna anche Onlyfans, che l’avrebbe usata per creare scandalo
Intervista tratat da Mowmag

Leggi tutto

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

Società

Nasce la rete CLC, un circolo “La Croce” in ogni parrocchia

Dal territorio emerge una necessità di informazione costante, rispondiamo con uno “sportello” sempre aperto chiesa per chiesa

Leggi tutto

Chiesa

Eutanasia, in Vaticano la Nuova Carta: giro di vite

Hanno scritto che “Francesco apre al fine-vita”, mentre tutta la notizia consiste nell’annuncio (!) di una revisione della Carta degli Operatori Sanitari, la quale sarà resa pubblica nella giornata mondiale del malato (11 febbraio, a Lourdes). Si tratta di un aggiornamento che chiarisce punti controversi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano