Storie

di Raffaele Dicembrino

IULIA MADALINA GRECU: quando la musica è amore ed emozione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi vi propongo l’intervista con un’artista ricca di talento, grinta ed amore per la musica, una ragazza che merita il successo nel mondo bellissimo ma troppo spesso “esclusivo” della musica dove troppo spesso la fazione viene prima dei diritti e dell’amore per la vita ed il prossimo. Iulia Madalina Grecu ci presenta, in questa interessantissima intervista tutta da leggere, se stessa ed il suo nuovo brano “Na na na” con il quale intende “portare energie positive e un po’ di speranza nel cuore delle persone”.

Iulia Madalina Grecu è una cantautrice nata il 3 settembre 1993 a Galati (Romania). All’età di 11 anni, insieme alla sua famiglia, si trasferisce in Italia. I primi anni trascorrono con le difficoltà di chi, arrivando da un altro paese viene discriminato, sia a scuola che nella vita quotidiana, per la lingua e per le differenze culturali tra i due paesi.
Grazie all’appoggio della madre Gina, comincia i suoi primi passi verso la musica inscrivendosi a una scuola di canto del paese. Inizia quindi a cantare dal vivo in vari contest e spettacoli in giro per il Lazio avendo le sue prime soddisfazioni. Vince vari concorsi e canta in spettacoli importanti come “Dedicato” con la regia di Franco Miseria. Per un annetto si esibisce nei più importanti palazzetti sportivi italiani con i campioni del mondo di pattinaggio artistico, cantando anche al Mandela Forum di Firenze difronte a 12 mila persone.
Nel 2019 vince il contest della Honiro e pubblica il suo primo singolo “Umanamente” con il nome d’arte “Madalina”, suscitando molta curiosità anche nel suo paese nativo dove appare su importanti testate giornalistiche. Dopo un anno di fermo dovuto alla pandemia, Iulia rivoluziona la sua filosofia di vita ritornando ad esibirsi nei locali e nelle feste private fino ad incontrare Alessandro Saiani, che diventa il suo produttore. Nel 2022 firma un contratto discografico con Visory RECORDS SUISSE ed incide i singoli “Air of freedom “e “Na na na” ritornando sul panorama musicale come “IULIA”.
I primi due singoli presentati, sono stati definiti da Iulia e da Alessandro come i “singoli della conoscenza” due canzoni che hanno fatto capire bene ad Alessandro su quale mood portare il progetto Iulia, progetto che si sposta su ritmi più incalzanti, su testi più immediati e melodie più fresche con influenze decisamente più rock.

Ecco la sua intervista a Raffaele Dicembrino

Raccontaci da dove nasce la tua passione per la musica

Non ricordo un momento in particolare penso che sia una cosa che mi porto dentro da sempre. Già da piccola quando abitavo ancora in Romania volevo cantare e mia madre mi ha sempre sostenuta in questa mia passione.

Parlaci del tuo nuovo singolo

“Na na na “ è il jingle che mi mancava e che cercavo!
Questo brano mi descrive anche leggera e spensierata. L’idea di “Na na na”nasce circa un anno fa. Allla fine di un mio concerto,ho avuto un incontro artisticamente costruttivo! Durante una lunga chiacchierata mi viene consigliato di trovare un ritmo leggero, sarebbero bastate tre note che ti restavano in testa e poi niente, fare “musica e magia”!
Così, tornata a casa ho buttato giù una bozza del brano che oggi, insieme al mio produttore Alessandro Saiani, presentiamo a voi!
La canzone è prevalentemente Pop con sonorità orientali, soprattutto sul bridge dove volevamo ricordare un mantra.
Lasciare energie e sensazioni positive è l’obbiettivo della mia musica e della magia che gira nell’universo.

Come hai scelto il titolo?

Inizialmente pensavo di chiamarlo “Musica e magia “ però mi è sembrato un po’ scontato e ho preferito esagerare con “Na na na” !

Il messaggio delle tue canzoni?

Nelle mie canzoni cerco sempre di portare energie positive e un po’ di speranza nel cuore delle persone.

Cosa pensi del mondo della musica? E’ alla portata di tutti?

La musica è alla portata di tutti , è medicina per l’anima ma purtroppo vivere di quest’ultima è molto complicato. Come spiego nel mio prossimo singolo il talento e la passione non bastano. Ci sarebbero molti meccanismi da eliminare dal mondo dell’arte ma ciò dipende anche dalla situazione sociale e culturale in cui ci troviamo.

Sogni da realizzare?

Il mio sogno più grande è riuscire a far arrivare la mia musica a più persone possibili e vivere solo di lei.

Cantante preferito e canzone preferita

Non ho una canzone preferita in quanto ce ne sarebbero tantissime ma posso dire che fra i miei artisti preferiti ci sono Mina e Lana del rey che spesso ascolto.

Un aneddoto curioso da raccontare ai nostri lettori

Un aneddoto curioso riguarda il mio nome di battesimo “Madalina” . Quando mia madre era incinta di me ascoltava sempre le canzoni della sua cantante preferita Madalina Manole e sognava che io diventassi come lei. Mia madre mi ha che quando ero bambina rimanevo per ore a guardare i videoclip su MTV e ciò permetteva a lei di sbrigare le faccende di casa. Non mi ha mai spinta a fare questo mestiere ma la sorte ha voluto che il suo desiderio venisse esaudito.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/11/2022
0106/2023
San Giustino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Storie

Ania e quella volta che si salvò dall’inferno

«La vita non mi ha risparmiata, fin da piccola», sono le parole di Ania Goledzinowska che si racconta. «La storia parte da una scena violenta, racconto della Polonia comunista, arrivo in Italia ingannando sulla mia vera età. Incontro polizia corrotta, aguzzini, finti amici… e se dapprima rubavo per mangiare sono arrivata ad avere un aereo privato. Ma la felicità era altro…»

Leggi tutto

Società

Francia, quadro instabile: la bioetica slitta a giugno

Dopo i rituali “stati generali”, previsti dalla stessa “Legge bioetica” con cadenza decennale in vista dell’aggiornamento della stessa, il governo Macron aveva dichiarato di poter procedere alla rivisitazione del testo legale entro la fine dell’anno solare. In realtà l’ospite dell’Eliseo sta attraversando una crisi politica cui fa da sfondo l’emorragia dei consensi. Così il Président prende tempo e spinge l’apertura del dibattito parlamentare alla fine della primavera.

Leggi tutto

Società

La famiglia come società naturale

Oggi si richiede all’Italia una classe di governo che non brancoli nel buio nella propria indeterminatezza, che non viva alla giornata cambiando opinione ogni mattina, fiutando l’aria che tira dall’ultimo tweet. Serve una visione politica integrale che metta al centro la famiglia, ma non a chiacchiere o con altisonanti convegni buoni esclusivamente a versare inchiostro sui giornali.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano