Storie

di la redazione

Addio a suor Cristina

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano


Addio a suor Cristina. Benvenuta Cristina Scuccia. La star di The Voice sveste gli abiti delle suore orsoline e si trasferisce in Spagna, dove lavora come cameriera in attesa del successo come cantante. Si racconta a Verissimo, truccata, in rosso, capelli mossi e senza occhiali. Abbiamo chiesto a Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia e fervente cattolico, cosa ne pensa, se la Chiesa è anacronistica e se vi sia di mezzo il Diavolo. «È stata usata dal mondo degli infedeli», lo stesso in cui prospera Onlyfans, pieno di «ragazzine che si vendono al miglior offerente». Lui, il bulldog della Chiesa cattolica e della tradizione, dà un consiglio a Cristina e le spiega perché ha avuto successo: «Continua a pregare».

Suor Cristina rinuncia al suo percorso religioso. È colpa del mondo mediatico in cui è entrata?

È chiaro che chi passa da una vita che è prevalentemente di preghiera e di raccoglimento, a una vita che è tutt’altro, crea i presupposti per cui la preghiera e il raccoglimento vengano turbati. Sono due realtà radicalmente incompatibili. Uno dei due comportamenti è di concentrazione verso il trascendente, è regolato da obblighi, in un contesto in cui le giornate sono scandite in modo rigido, mentre l’altro è caratterizzato dalla dedizione alla dimensione mondana. È evidente che le due cose facciano fatica a coesistere. Noi cristiani diciamo sempre che siamo nel mondo ma non del mondo. Quando entri in una dimensione mondana inevitabilmente diventi del mondo e questo è faticosamente compatibile con una realtà di preghiera.

Data questa incompatibile come vede la presenza dei religiosi in TV?

La presenza è sempre utile, perché è una testimonianza. Altra cosa è cercare una carriera dentro i meccanismi dello star system che stritolano quell’amore per Dio e per il prossimo, sostituendogli l’amore per se stessi, molto egoistico, a cui tende chi vuole avere successo nel mondo dello spettacolo.

Avvicina al Diavolo entrare nel mondo dello spettacolo?

Non è necessariamente opera del maligno. È frutto delle nostre debolezze, delle problematiche del nostro tempo, come la vera e drammatica conseguenza della contemporaneità, la crisi di fede. Proprio ieri era da Giletti ed ero incredibilmente sorpreso nello scoprire che le donne, spesso ragazzine, di Onlyfans, dove ci si vende al miglior offerente, si chiamano tra loro creators, creatori e creatrici.

Perché cosa c’è che non va?

Di creatore ce n’è uno solo. Quando abbiamo fatto scattare questo meccanismo e sostanzialmente ci siamo sostituiti a Dio, tutto il resto è una conseguenza ovvia. Lo spiega Doestoevskij ne I fratelli Karamazov. Quello che si tende a fare è disarticolare la fede in Dio.

Si stupirebbe se suor Cristina si avvicinasse proprio a Onlyfans?

Voglio sperare che non vi siano ribaltamenti così repentini. Io stesso attraverso il mondo della televisione ma ho un rapporto radicato con la mia fede. Consiglio a Cristina di pregare molto, di non dimenticare la radice spirituale che l’ha portata dov’è.

Non è stato il canto a renderla famosa?

Ma lei è stata chiaramente usata da quel mondo perché suora. Ora verrà dimenticata. Il paradosso è che una volta che si abbandona l’abito, si perde ciò che ti ha portato dove sei, ciò che ti ha reso nota nel mondo degli infedeli, per usare un’espressione biblica. È la sindrome di Padre Cionfoli. Quando Padre Cionfoli non è più Padre Cionfoli, è chiaro che non è più interessante. Questo spiega molto di come il mondo dello spettacolo tenda a sbranare i puri di cuore. É questo che mi dispiace della vicenda.

Gli Adinolfi, i Padri Cionfoli, le suor Cristina, passano, la Chiesa no e durerà fino alla fine dei tempi. Prescinde dagli uomini e dalle donne di fede. Tutti noi siamo transitori e non necessari. La tristezza è quando qualcuno pensa di diventare centrale o sfruttando l’abito o pensando che senza di esso si sia più liberi.

La Chiesa sarà longeva ma non molto in salute. L’eccesso di protezione delle sue sorelle di fronte al successo l’hanno bloccata. Si sentiva limitata. Non sarebbe ora di cambiare qualcosa?

È evidente che le regole sono strette e sono incompatibili con una vita dedita al mondo. Se vuoi fare vita mondana la chiave migliore non è il monastero delle orsoline, l’ordine a cui apparteneva. Non si può cantare Like a Virgin senza pensare di venir usata per creare scandalo. Le mie figlie vanno dalle orsoline perché cerco un’educazione un po’ diversa da quella di far cantare Like a Virgin al saggio di fine anno.

Suor Cristina ha sentito la chiamata dietro le quinte di un musical dedicato a suor Rosa, nel 2008. Dopo 15 anni non è più un’orsolina. La chiamata è un abbonamento che può scadere?

Ovviamente no, ma il mercato e le logiche del mondo attaccato e mettono in crisi costantemente le donne e gli uomini di fede. Io credo che prevarrà in futuro la nostalgia per quella chiamata rispetto al facile applauso del mondo dello spettacolo. Fuori dalla fede si vive una terribile inquietudine che porta all’infelicità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/11/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Mons. Gervasi: “La parrocchia sia il luogo dove tutti si sentono accolti”

A Nostra Signora di Bonaria, parrocchia di Ostia Lido, la messa d’insediamento del nuovo parroco. Il vescovo Gervasi: “Non siete solo figli, ma anche fratelli. Per questo è bellissima la vita di parrocchia”

Leggi tutto

Chiesa

“Una sconfitta per l’umanità”

Il cardinale Parolin commenta il referendum irlandese con parole nette. I giornali tentano di raccontare una Chiesa “aperturista” che non esiste, per far approvare il vergognoso ddl Cirinnà

Leggi tutto

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è quarto polo

Genova, Crema e gli altri comuni: sondaggi indipendenti attestano le liste del PdF a livelli impensabili fino a pochi mesi or sono

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Società

I brigatisti di via Fani, 40 anni dopo

Barbara Balzerani scrive garrula sui social: “Chi mi ospita oltreconfine per i fasti del quarantennale?”. Scrive proprio così, testuale. Ha 69 anni, non si è mai pentita né dissociata ed è libera da dodici anni. Era la compagna del capo delle Brigate Rosse, Mario Moretti, colui che prendeva ordini dai servizi segreti di mezzo mondo presso la finta scuola di lingue Hyperion di Parigi: Moretti è l’ideatore della strage e il principale responsabile dell’uccisione di Moro. Arrestato nel 1981, è in semilibertà dal 1997, ha avuto una figlia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano