Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa - Ebrei e cristiani insieme per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ebrei e cattolici hanno “in comune inestimabili tesori spirituali”, professano “la fede nel Creatore del cielo e della terra” e credono che “l’Onnipotente non è rimasto distante dalla sua creazione, ma si è rivelato”. È quanto ha sottolineato Papa Francesco incontrando in Vaticano i rappresentanti del World Jewish Congress che rappresenta le comunità ebraiche in oltre 100 Paesi

Posando lo sguardo sulle ferite della nostra casa comune, il Pontefice ha ricordato che “iniziative comuni e concrete volte a promuovere la giustizia richiedono coraggio, collaborazione e creatività”. “Le nostre iniziative politiche, culturali e sociali per migliorare il mondo - ha aggiunto - non potranno avere il buon esito sperato senza la preghiera e senza l’apertura fraterna alle altre creature in nome dell’unico Creatore, il quale ama la vita e benedice gli operatori di pace”:

Oggi, fratelli e sorelle, in tante regioni del mondo, la pace è minacciata. Riconosciamo insieme che la guerra, ogni guerra, è sempre, comunque e dovunque una sconfitta per tutta l’umanità! Penso a quella in Ucraina, una guerra grande e sacrilega che minaccia ebrei e cristiani allo stesso modo, privandoli dei loro affetti, delle loro case, dei loro beni, della loro stessa vita! Solo nella volontà seria di avvicinarsi gli uni agli altri e nel dialogo fraterno è possibile preparare il terreno della pace. Come ebrei e cristiani, cerchiamo di fare tutto ciò che è umanamente possibile per arrestare la guerra e aprire vie di pace. Tramite la fede e la lettura delle Scritture, ha affermato il Papa, ebrei e cattolici entrano in relazione con il Signore e diventano “collaboratori della sua provvidente volontà”:

Abbiamo anche uno sguardo simile sulla fine, abitati dalla fiducia che, nel cammino della vita, non procediamo verso il nulla, ma incontro all’Altissimo che ha cura di noi, incontro a Colui che ci ha promesso, alla conclusione dei giorni, un regno eterno di pace, dove terminerà tutto ciò che minaccia la vita e la convivenza umana. Il nostro mondo è segnato dalla violenza dall’oppressione e dallo sfruttamento, ma tutto ciò non ha l’ultima parola: la promessa fedele dell’Eterno ci parla di un futuro di salvezza, di un nuovo cielo e di una nuova terra (cfr Is 65,17-18; Ap 21,1) dove pace e gioia avranno stabile dimora, dove la morte sarà eliminata per sempre, dove Egli asciugherà le lacrime su ogni volto (cfr Is 25,7-8), dove non vi saranno più lutto, lamento a affanno (cfr Ap 21,4). Il Signore realizzerà questo futuro, anzi Lui stesso sarà il nostro futuro. Alla luce dell’eredità religiosa condivisa, ebrei e cattolici “guardano al presente come a una sfida” che accomuna, “come a un’esortazione ad agire insieme”. Il compito per queste due comunità di fede è quello “di lavorare per rendere il mondo più fraterno, lottando contro le disuguaglianze e promuovendo una maggiore giustizia, affinché la pace non rimanga una promessa dell’altro mondo, ma sia già realtà in questo”:

Sì, la strada della pacifica convivenza comincia dalla giustizia che, insieme alla verità, all’amore e alla libertà, è una delle condizioni fondamentali per una pace duratura nel mondo (cfr Giovanni XXIII, Lett. enc. Pacem in terris, 18.20.25). Quanti esseri umani, creati a immagine e somiglianza di Dio, sono sfigurati nella loro dignità, a causa di un’ingiustizia che lacera il pianeta e rappresenta la causa soggiacente a tanti conflitti, la palude in cui ristagnano guerre e violenze! Colui che tutto ha creato secondo ordine e armonia ci invita a bonificare questa palude di ingiustizia che affossa la convivenza fraterna nel mondo, tanto quanto le devastazioni ambientali compromettono la salute della terra.
Il Signore – ha detto infine Francesco – “vi accompagni nel cammino e ci guidi insieme sulla via della pace. Shalom”.

Le origini del Congresso ebraico mondiale si intrecciano con pagine buie della storia del Novecento. Quando 230 delegati in rappresentanza delle comunità ebraiche di 32 Paesi si riunirono a Ginevra, in Svizzera, nell’agosto del 1936 per fondare questa organizzazione, il pericolo era chiaro: gli ebrei, nella Germania nazista, erano perseguitati e privati dei loro diritti. Un’ondata crescente di antisemitismo stava inoltre colpendo le comunità ebraiche in tutta Europa. Subito dopo la fondazione, gli obiettivi principali di questo organismo erano quelli della mobilitazione del popolo ebraico e delle forze democratiche contro la deriva nazista, la lotta per l’uguaglianza dei diritti politici ed economici. Oggi la missione del Congresso Ebraico Mondiale è quella di promuovere l’unità e rappresentare gli interessi del popolo ebraico e di assicurare la continuità e lo sviluppo del suo patrimonio religioso, spirituale, culturale e sociale. Il Congresso Ebraico Mondiale, come ha ricordato Papa Francesco, “dialoga con la Commissione per i rapporti religiosi con l’ebraismo e da anni organizza convegni di grande interesse”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa e libri gender: l’imbroglio del Corsera

E’ vergognoso che i media più autorevoli del paese si prestino a questo gioco infame di burattinai avidi che propagandano il falso spacciandolo per vero

Leggi tutto

Società

O sei per l’aborto o sei cristiano

Io credo davvero che invece non ci sia alternativa: o si è contro l’aborto o non si è cristiani. Molto semplice. Non solo perché il Catechismo della Chiesa Cattolica e tutto il Magistero anche recente e recentissimo è contro l’aborto, quindi chi lo considera accettabile e integrabile negli ordinamenti normativi contemporanei è palesemente in contrasto con l’insegnamento della Chiesa. Vorrei dire che anche se non ci fosse una riga scritta contro l’aborto, il cristiano dovrebbe essere istintivamente contro uno strumento di morte e schierato a difesa del soggetto più debole privato persino del diritto di parola, privato di qualsiasi strumento per difendere il proprio diritto a non essere ucciso.

Leggi tutto

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: libertà e diversità fanno paura

È un clima cordiale e familiare a caratterizzare gli incontri di Papa Francesco con i gesuiti durante i suoi viaggi apostolici. Così è stato anche in Slovacchia quando il 12 settembre, nella Nunziatura apostolica di Bratislava, si è ritagliato circa un’ora e mezza con i confratelli del Paese visitato. Questo l’incontro di cui La Civiltà Cattolica riporta la conversazione

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco alle suore: siete presenza viva nella Chiesa

Papa Francesco ha ricevuto le religiose di Santa Giovanna Antida Thouret riunite per il Capitolo generale, la cui apertura coincide con l’avvio del percorso sinodale

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: il Signore cerca cuori che sanno ascoltare

Papa Francesco ritorna sul tema dell’ascolto e commentando le letture del giorno, afferma che la Parola del Signore “non può essere ricevuta come una qualsiasi notizia di cronaca: ma va ripetuta, fatta propria e custodita”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano