Storie

di Roberto Signori

Migrazioni ed Europa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il mio lavoro? Trovare persone da portare in Italia”. A “Quarta Repubblica” parla un t rafficante di migranti che organizza i viaggi in mare verso l’Europa. “Siamo in quattro, ognuno di noi ha un compito - spiega -, lavoro solo con i tunisini perché gli africani si fanno arrestare più facilmente e raccontano quello che facciamo”. L’uomo, intervistato dal programma di Rete 4, spiega che non ci sono differenze tra le persone che si rivolgono a lui sperando di arrivare illegalmente in Europa: “Tutti hanno un motivo per andare via - dice -, i ricchi, i ricercati, chi vende oro e i propri ulivi per procurarsi il denaro”. Per l’uomo, le migrazioni non finiranno anche se, qualora dovessero diminuire, anche il suo business potrebbe avere delle perdite: “La Tunisia prende soldi per contenere i migranti e l’Europa dà soldi alla Tunisia, anche per farli tornare”.

Molte delle persone che decidono di rivolgersi a lui, sono ricercati o espulsi più volte: “Conosco una persona che è stata espulsa sette volte da diversi Stati europei - dice -, se con i soldi spesi per viaggiare avesse avviato un’attività nel suo paese sarebbe ricco. Sinceramente non mi interessa, io mi occupo solo della sicurezza dei viaggi”. L’uomo, poi, racconta come vengono elusi i controlli: “Molti si fingono pescatori del porto. Se vengono fermati dicendo di essersi riuniti senza nominarci vengono rilasciati dopo qualche giorno e noi riorganizziamo gratuitamente il viaggio. Invece, se parlano, possono dimenticarsi quei soldi perché mi serviranno per pagare gli avvocati”. E sulle strategie del governo italiano per arginare il fenomeno, aggiunge: “Possono chiudere i confini se verranno usate armi o esercito - dice -, ma le persone comunque vorranno andare lo stesso”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Chiesa

Papa Pio XII e l’olocausto

Papa Pacelli salvò personalmente almeno 15 mila persone di religione giudaica e seppe dettagliatamente quanto stava accadendo nel cuore dell’Europa. Lo afferma lo storico tedesco Michael Feldkamp con le prove raccolte negli archivi vaticani

Leggi tutto

Politica

Piantedosi: “Reazione Francia incomprensibile”

Sui migranti “la solidarietà europea viene sbandierata, ma l’Italia ha affrontato finora questo problema da sola e il nostro sistema di accoglienza è in gravissima difficoltà”. Lo afferma il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, a seguito delle dichiarazioni del ministro dell’Interno francese, Gerald Darmanin.

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Storie

Copasir: pericolo radicalizzazione islamica

Copasir - Il rischio di fenomeni di radicalizzazione jihadista c’è ed è tangibile anche in Italia. Lo ricorda, nero su bianco, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica chiedendo al più presto un intervento legislativo non più rimandabile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano