Chiesa

di Tommaso Ciccotti

La CEI e l’Avvento di preghiera

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Vivere con maggiore profondità la ricchezza della liturgia dell’Avvento e del Natale, grazie ad alcuni suggerimenti: questo l’obiettivo del sussidio pubblicato dalla Conferenza episcopale italiana, che per la prima volta contiene anche le indicazioni per favorire la partecipazione delle persone con disabilità. Ricollegandosi alle prospettive indicate dai vescovi italiani per il secondo anno del cammino sinodale, il sussidio si articola in “cantieri” per aiutare le comunità parrocchiali a scoprire la ricchezza dei libri liturgici, a mettersi in ascolto delle narrazioni esistenziali, a valorizzare i servizi e i ministeri ecclesiali, a facilitare la partecipazione di quanti vivono la disabilità. La preghiera, infatti, coinvolge interamente i sensi e il corpo dell’uomo, eppure non tutti pregano ugualmente. In supporto di chi ha bisogni comunicativi speciali, diversi codici di linguaggio o disabilità cognitive, lavora ogni giorno il Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità della Cei, che ha elaborato anche le indicazioni contenute nel sussidio di preparazione all’Avvento e al Natale. L’obiettivo dell’integrazione in un unico supporto delle diverse indicazioni è sviluppare la consapevolezza di appartenere alla stessa comunità, senza considerare le persone con disabilità come “casi a parte”. L’idea è nata da oltre due anni di collaborazione con l’ufficio liturgico della Cei, che ha contribuito a realizzare il sussidio, per permettere di pregare all’interno della famiglia e con tutta la comunità cristiana.

«Più che mai durante il tempo del Covid, è nata l’esigenza che anche nelle famiglie si potesse pregare insieme. Abbiamo tradotto così le principali preghiere e i salmi», spiega suor Veronica Donatello, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità nonché consultore del Dicastero per la Comunicazione. «Ripeto spesso l’espressione “oltre lo scivolo” — sostiene suor Veronica —, nel senso che lo scivolo è importante per permettere di entrare nella chiesa, ma poi non basta quello. C’è l’aspetto della partecipazione ed è corretto che si lavori sulla diversità dei linguaggi, riconoscendo a tutti la medesima dignità». Bisogna infatti considerare la ricchezza del genere umano: ci sono persone con bisogni comunicativi complessi, persone non verbali, che comunicano per immagini, persone che usano un altro tipo di canale comunicativo. «Questo non vuol dire che abbiano un ritardo cognitivo — spiega suor Veronica — . Chiedono soltanto che si faccia una traduzione nella loro lingua. A prescindere dalla difficoltà momentanea o permanente, l’obiettivo è che tutti possano partecipare attivamente e appartenere a una comunità cristiana».

Nella preparazione dei sussidi e nella traduzione delle preghiere, il rischio che si corre è di traslitterare le parole esatte, senza fare lo sforzo di veicolare invece il messaggio e il senso del testo di partenza. Quando si ha a che fare con persone che hanno un altro codice linguistico, infatti, si è chiamati a fare un passaggio da una “cultura” all’altra. «Non è un lavoro di traslitterazione, ma di traduzione, realizzato con biblisti e liturgisti — continua suor Veronica —. È una sfida molto grande anche per noi, ma è bellissimo».

Nel sussidio vengono proposti testi in comunicazione aumentativa e alternativa (Caa), della collezione Arasaac, molto utili per le persone con bisogni comunicativi complessi, con sindrome dello spettro autistico e non verbali. Tra i suggerimenti per le persone con disabilità comunicative, con sindrome di charge, per le persone cieche e con analfabetismo di ritorno, quello di seguire la liturgia domenicale su un video disponibile online in lingua dei segni (Lis), con sottotitolazione e audio.

«Lavoriamo poco sulla dimensione spirituale di queste persone con disabilità — afferma suor Veronica —. Spesso pensiamo solo ai loro bisogni primari, ma poi c’è una spiritualità di cui tutti abbiano sete, alla quale aneliamo tutti. Allora è molto bello che questo sussidio sia pensato per tutti, per pregare in comunità».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Politica

INSEGNAMO AI GIOVANI CHE LA POLITICA E’ LA PIU’ ALTA FORMA DI CARITA’.

La politica non deve essere una caccia al poteree d alle poltrone, ma una forma di carità.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus invita ad essere Chiesa che accoglie e non dei “primi della classe”

Una calda domenica ha celebrato l’appuntamento di fine settembre con Papa Francesco e l’Angelus. All’Angelus, il Papa ricorda che l’atteggiamento della chiusura è la radice di “tanti mali della storia”. Chiudersi, dividersi, escludere e giudicare. Papa Francesco, spiegando all’Angelus il Vangelo del giorno, mette in guardia dalla tentazione presente nel mondo e nella Chiesa di creare gruppi che credono di detenere la verità. Guardando agli apostoli che impedirono ad un uomo di scacciare i demoni, pur avendone le capacità, Gesù li invita a non ostacolare chi si adopera per il bene.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: rafforzare la logica della solidarietà”

Nel messaggio inviato al direttore generale della Fao, Qu Dongyu, in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione di domani, Papa Francesco afferma che “sconfiggere la fame una volta per tutte” è “una delle sfide più grandi dell’umanità” ed è “una meta ambiziosa”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano