Storie

di Nathan Algren

Esecuzioni capitali in Qatar

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Riyadh ha giustiziato negli ultimi 10 giorni almeno 12 persone, condannate in precedenza per reati di droga e in larga maggioranza immigrati stranieri.

A dare notizia delle ultime esecuzioni è l’ong Reprieve, che accusa in modo esplicito Riyadh di sfruttare la vetrina offerta dal calcio per coprire l’ennesima violazione dei diritti e la “follia omicida” che si cela dietro al ricorso estensivo al boia mediante decapitazione. Il tutto mentre lo stesso principe ereditario e da qualche settimana primo ministro Mohammed bin Salman (Mbs) aveva promesso di limitare questa forma di punizione escludendo i reati non violenti.

Le persone giustiziate, prosegue l’ong, erano state condannate tutte per reati legati alla droga - traffico o consumo - e nessuno di loro aveva commesso violenze contro la persona. La direttrice di Reprieve, Maya Foa, avverte anche che il numero delle esecuzioni potrebbe presto salire a 13 perché un detenuto nel braccio della morte attende a giorni di finire fra le mani del boia.

Il gruppo attivista racconta la storia del tassista Hussein Abo al-Kheir: “Mentre Mohammed bin Salman si metteva al centro della scena alla cerimonia di apertura della Coppa del Mondo, seduto accanto al presidente Fifa Gianni Infantino, Hussein Abo al-Kheir - sottolinea - stava rannicchiato in una cella, terrorizzato dal fatto che il boia lo avrebbe prelevato di lì a poco”. Foa attacca l’Arabia Saudita che “sta portando avanti una serie orribile di esecuzioni, mentre gli occhi sono puntati sul calcio” uccidendo “persone come Hussein, un uomo innocente che è stato torturato dalla polizia saudita per ‘confessare’”. Riyadh, conclude, “ha giustiziato più persone come mai prima d’ora nei primi sei mesi di quest’anno, e ora ha iniziato a giustiziare i tossicodipendenti, in gran numero e in segreto, mentre il mondo si concentra sul suo vicino”.

Secondo le stime di Reprieve, che ha raccolto dati sulle esecuzioni di questa settimana, la maggior parte degli imputati è stata decapitata con una spada. Tre degli uomini giustiziati erano pakistani, quattro siriani, due giordani e tre sauditi. Fonti locali riferiscono infine di un altro uomo, di nazionalità giordana, trasferito in un’altra ala del carcere in cui è detenuto e in attesa della sentenza di morte, che dovrebbe avvenire il 25 novembre prossimo.

A marzo Riyadh aveva giustiziato in un solo giorno 81 persone. Le ultime esecuzioni portano il totale delle persone uccise in Arabia Saudita nel 2022 ad almeno 132, che è già oltre il numero di quanti sono finiti fra le mani del boia nel 2020 e nel 2021, sommando le due annate. Vale ricordare che, nel primo anno della pandemia, l’emergenza sanitaria globale aveva rallentato le esecuzioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Così muore un bimbo italiano

La vicenda di Alfie spiega ancora una volta che la cultura della vita può organizzarsi e persino vincere, per ora solo qualche battaglia. Quando l’Italia ha concesso la cittadinanza ad Alfie è stato davvero un bel momento. Orgogliosamente ne rivendichiamo la nazionalità: la sua è stata resistenza per la vita.

Leggi tutto

Società

Rapporto 2021 Caritas - In Italia meno stranieri e meno vaccinati

Presentato a Roma il 30.mo Rapporto Immigrazione di Caritas italiana e Fondazione Migrantes, dal titolo “Verso un noi sempre più grande”. Gli stranieri regolari nella Penisola sono oggi poco più di 5 milioni, quasi 300mila in meno rispetto ad un anno fa.

Leggi tutto

Storie

Violentata con il figlio da due rapinatori

Roma: una città nella quale la sicurezza è sempre più una vera illusione

Leggi tutto

Storie

Si filmano nell’auto della polizia

Ecco l’ultima bravata della baby gang di stranieri

Leggi tutto

Storie

Mondiali 2022: Israele, Qatar e l‘ufficio temporaneo’

La rappresentanza diplomatica a Doha avrebbe una durata limitata per assistere i 10mila tifosi israeliani previsti per la rassegna iridata. Ma i “colloqui diretti” si sono arenati attorno alla questione dei palestines

Leggi tutto

Storie

Suora filippina sventola il cartellino rosso al Qatar

La Chiesa tedesca promuove una campagna, rilanciata dalla religiosa e attivista benedettina suor Mary John Mananzan.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano