{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Iran - Teheran minaccia i cristiani

Storie

di Nathan Algren

Iran - Teheran minaccia i cristiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Teheran ha messo nel mirino le minoranze, in particolare quella cristiana. Per arginare una ulteriore deriva delle proteste di piazza giunte al terzo mese in seguito all’uccisione della 22enne curda Mahsa Amini per mano della polizia della morale, funzionari e membri della sicurezza hanno rafforzato il tono delle minacce. Il messaggio, senza troppi giri di parole, è di “stare lontani” dalle manifestazioni e non farsi coinvolgere dall’ondata di dissenso popolare che punta ai vertici della Repubblica islamica, a partire dalla leadership religiosa e le sue norme ispirate alla sharia, di cui l’hijab, il velo obbligatorio, è diventato un tragico simbolo di morte.

L’ultima conferma del clima crescente intimidatorio verso i cristiani arriva da un membro della comunità, che racconta di “pressioni” che riguardano anche altre minoranze perché rimangano “in silenzio e non partecipino alle proteste”. Yonathan Betkolia, leader dell’Assyrian Society of Tehran, citato dall’agenzia semi-ufficiale Isna racconta di “richieste” provenienti da membri dell’intelligence e delle Forze di sicurezza rivolte a “rappresentanti cristiani, vescovi e sacerdoti”.

Dietro gli avvertimenti delle autorità, vi sarebbe una maggiore partecipazione di una parte della comunità cristiana nelle manifestazioni di piazza a differenza di una prima fase in cui una eventuale presenza di cristiani era assai meno significativa. Lo stesso Bektolia, per cinque legislature membro del Parlamento iraniano (Majlis) è finito al centro delle critiche in passato da parte di gruppi cristiani iraniani che lo accusavano di “collusione” con le autorità.

In una nota diffusa di recente, il Consiglio delle Chiese iraniane unite ha condannato la “sistematica repressione delle donne” e “le violazioni dei diritti umani in Iran” rivendicato il diritto e le aspirazioni di tutto il popolo a “libertà, giustizia e parità di diritti”.

“Come molte persone del nostro Paese che hanno protestato per le strade con un coraggio senza pari dopo la morte di Mahsa, ci opponiamo - prosegue la dichiarazione - all’imposizione dell’hijab al popolo iraniano” che è caratterizzato da una diversità sul piano “religioso, etnico, culturale e ideologico”. Queste imposizioni sono una “chiara violazione dei diritti umani”.

Nelle scorse settimane il sito attivista cristiano Article18 aveva raccontato di “avvertimenti” provenienti da esponenti e parlamentari cristiani in Iran, che chiedevano di “non farsi coinvolgere” nelle proteste. Secondo alcune fonti decine di giovani caldei e assiri, presenti a manifestazioni del recente passato e che hanno postato messaggi di sostengo sui social, avrebbero ricevuto telefonate dai capi delle chiese che avvertivano di un “arresto imminente” se non si fossero “fermati”. Per tutta risposta, in molti hanno detto di essere “sì, cristiani, ma siamo anche iraniani e viviamo in questo Paese, questa è la nostra patria” e intendono battersi nella lotta comune per la libertà e i diritti.

In Iran vi sono circa 25mila cristiani, che insieme ai circa 100mila armeni costituiscono la comunità “riconosciuta” dalla Repubblica islamica. A questi si devono aggiungere i musulmani convertiti, che non vengono però contati - e spesso sono perseguitati - da Teheran.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tutto sembrava perduto. E invece

Nel mistero della Resurrezione di Cristo risiede tutta la nostra fede, la forza che ci fa essere vivi e pieni di speranza anche quando ogni cosa sembra impedita e apparentemente per sempre. La gioia della Pasqua è questa

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Politica

Eutanasia: la legge divide i parlamentari e slitta ancora

È slittato di un’altra settimana l’approdo in Aula del disegno di legge sull’Eutanasia. Il testo, dopo il rinvio dal 25 ottobre, era calendarizzato per lunedì prossimo, il 22 novembre, ma i presidenti delle commissioni che lo stanno esaminando, Mario Perantoni della Giustizia e Maria Lucia Lorefice degli Affari costituzionali, hanno dovuto chiedere al presidente Roberto Fico lo spostamento al 29, prendendo atto dell’impossibilità di arrivare a una quadra.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Arrestato per blasfemia un giovane musulmano

La polizia di Lahore ha incriminato per blasfemia Muhammad Bilal, giovane musulmano accusato di aver dissacrato la croce della “One in Christ Church”, chiesa di Lahore, dove si raduna una comunità di denominazione pentecostale.

Leggi tutto

Società

Iran: 5 le vittime durante le proteste per la morte di Masha

In Iran proseguono le proteste per la sorte di Masha Amini, 22 anni, arrestata dalla polizia morale a Teheran per aver indossato in modo inappropriato il velo islamico e poi morta in ospedale tre giorni dopo per i maltrattamenti subiti.

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano