Storie

di Roberto Signori

Vescovo di Manzini: “media usati come armi”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La paura sembra essere un elemento che è diventato parte della nostra vita quotidiana” scrive José Luis Ponce de León, IMC Vescovo di Manzini, nel regno di e Swatini l’ex Swa Mons. Ponce de Léon, ricorda che la crisi iniziata nel giugno 2021, è incentrata sulla mancanza di dialogo tra governo, opposizione e società civile. Questo nonostante vi sia il consenso generale che un dialogo nazionale sia necessario” scrive il Vescovo di Manzini. “Credo che ogni voce che parla dal giugno 2021 (il governo, le organizzazioni politiche, le Chiese, ONG…) ha ripetuto lo stesso appello”. Ma finora questi appelli sono caduti nel vuoto. Un vuoto che viene sempre più riempito dalla violenza. Non solo dell’esercito che si è ormai affiancato alla polizia, quando non si è sostituita ad essa, ma anche del Swaziland Solidarity Forces (SSF), un gruppo di opposizione armato che afferma di “volere liberare il Paese dal Re Mswati”.

“All’SSF si attribuiscono gli attacchi incendiari e le uccisioni” dice Mons. Ponce de León. I loro membri “minacciano di uccidere o di incendiare le proprietà di coloro che non fanno ciò che gli viene detto (di fare dall’SSF). Non so se qualcuno sa chi sono e chi li sta finanziando. Queste domande, per quanto importanti, vengono poste raramente”.
Quindi la popolazione si trova tra due fuochi: le forze dell’ordine e i membri dell’SSF. In questo contesto di paura e d’incertezza il ruolo dei media è fondamentale. “Questa è un’altra area in cui abbiamo assistito a cambiamenti. In passato dicevo che si poteva trovare poco su eSwatini sui social media” afferma il Vescovo. “In molti c’era una sorta di autocensura: “Meglio non parlare”. “Non è così da giugno 2021. Molto di più si può leggere sui social e sulle pagine web. La sfida è essere critici nei confronti di ciò che si legge. L’informazione è difficilmente “indipendente” e “imparziale” come proclamano i media”. “Tutti abbiamo bisogno di interrogarci su ciò che viene detto e ciò che non viene detto. Si può sottolineare che i media statali limitano di riportare le violenze ma la stessa cosa si potrebbe dire su quelli che scelgono di non segnalare nulla di positivo fatto dal governo perché potrebbe non essere confacente alla propria causa. Sembra importante ritrarre l’altro come il nemico”. “Entrambe le parti dicono sui social cose che non sono state provate e che – l’altra parte – nega essere vero: “i mercenari sono entrati nel Paese” e “ci sono degli stranieri tra i soldati nel nostro esercito” sono due esempi familiari”.

“Violenza e media sembrano andare di pari passo” sottolinea il Vescovo. “Le informazioni possono essere utilizzate come arma per instillare rabbia, paura e violenza. Anche qui c’è da chiedersi: chi paga? A volte su Twitter è possibile trovare gli stessi post di diverse “persone” che molto probabilmente non esistono. È tutto impostato con un obiettivo: sostenere una parte o l’altra e influenzare il modo in cui le persone leggono la situazione” afferma Mons. Ponce de León che conclude con una riflessione sui media globali: “In questi giorni è interessante constatare la mancanza di informazioni su eSwatini oltre i nostri confini. I media, che in passato parlavano così tanto dei nostri disordini, ora tacciono. Sembra che non ci sia nessun interesse su ciò che sta accadendo qui”ziland), nell’offrire una testimonianza su una crisi in gran parte ignorata dal resto del mondo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Chiesa

INDIA - I Vescovi si oppongono alla legge anti-conversione

I dieci Vescovi cattolici dello stato del Karnataka, nel Sud dell’India, hanno espresso al Primo ministro dello stato, Basavaraj Bommi, profonda preoccupazione per una proposta di legge che intende vietare le conversioni religiose nello stato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “L’Amore rimane per sempre”

Rimarrà invece solo l’amore “perché il bene non va mai perduto”. Papa Francesco all’Angelus ricorda che le cose terrene, come il denaro, il successo, l’apparenza e il benessere fisico, non sono destinate a durare

Leggi tutto

Società

Germania: cristianesimo in numeri

Attualmente, secondo gli esiti della ricerca, il 28% della popolazione dichiara di aderire alla Chiesa evangelica e il 27% a quella cattolica. Nel 1995 i dati davano il 37% per la prima e il 36% per la seconda. L’allontanamento personale del cristianesimo si è velocizzato negli ultimi anni, con la probabilità che nel giro di breve tempo l’appartenenza alle due grandi Chiese cristiane del paese non coprirà più la maggioranza della popolazione.

Leggi tutto

Chiesa

Il salto di qualità o la speranza di Pirro?

Cercare le vie adeguate per un salto di qualità: il favorire l’autentica maturazione e dunque anche partecipazione delle persone.

Leggi tutto

Storie

Nigeria: rapito sacerdote

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano