Storie

di Nathan Algren

Bahrein: resti di un ‘monastero’ cristiano sotto le rovine di una moschea

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un primo frutto “miracoloso” del viaggio apostolico di papa Francesco nel Paese, ai primi di novembre. Il risultato di un lavoro scrupoloso di un team di esperti che, come avvenuto di recente in un’isola degli Emirati Arabi Uniti (Eau), ha portato alla scoperta di un luogo di culto cristiano in una terra, quella del Golfo, dalla forte componente islamica che ha oscurato le tracce del passato. Da qualsiasi angolo la si voglia guardare, il rinvenimento di un antico “monastero” cristiano in Bahrein, a maggior ragione se emerge dalle fondamenta di una moschea in rovina, rappresenta una scoperta dal carattere eccezionale.

Un team di archeologi ha scoperto quelli che sembrano con tutta probabilità essere parti di un monastero cristiano, o di un vescovado, emerse sotto le rovine di un’antica moschea (nella foto). Il sito sembra risalire a un periodo fra il VI e l’VIII secolo e potrebbe fornire un ulteriore elemento importante per fare chiarezza sul patrimonio cristiano [pre-islamico] dell’area e di tutto il Golfo. Da tre anni, spiega The National, un gruppo congiunto di esperti locali e del Regno Unito sta scavando sotto una moschea antica di circa 300 anni, situata all’interno di un cimitero musulmano realizzato sull’isola di Muharraq.

Salman Al-Mahari, direttore dei Musei e antichità presso l’Autorità del Bahrain per la cultura e le antichità, sottolinea che “sarà molto eccitante per il Paese scoprire prove tangibili di una presenza cristiana” risalente al primo millennio, sotto “una moschea che ha circa 300 anni”. Verso la fine dello scorso anno lo stesso team ha portato alla luce antiche reliquie cristiane, fra le quali spiccavano ceramiche smaltate con il marchio di una piccola croce e manufatti in pietra. Prima del ritrovamento della croce non vi erano altre prove fisiche del passaggio del cristianesimo sull’isola, nonostante i molti attestati storici e i nomi di alcune aree, fra cui un villaggio chiamato Dair, che significa “monastero” in arabo.

“Il cristianesimo - ha proseguito Al-Mahari - è menzionato all’interno della nostra tradizione orale, nella memoria del popolo e nella letteratura”. “Questi sono nomi di luoghi - aggiunge - che i ricercatori ritengono appartenessero al cristianesimo. Ne abbiamo letto al riguardo all’interno di fonti storiche dal V secolo, ma non abbiamo trovato nulla di tangibile prima di questo”. Ecco perché il ritrovamento del “monastero” è la “prima prova fisica nel Paese, si tratta dei primi resti archeologici legati a questo periodo”.

Ai primi del mese era emerso un antico monastero cristiano sull’isola di Al-Sinniyah, appartenente all’emirato di Umm Al-Quwain (Emirati arabi uniti) e che potrebbe risalire all’epoca precedente la diffusione dell’islam nella Penisola arabica. Nell’area sorgevano una chiesa, un refettorio, alcune cisterne per l’approvvigionamento idrico e celle individuali utilizzate dai religiosi. Al riguardo mons. Paolo Martinelli, vicario apostolico dell’Arabia meridionale (Eau, Oman e Yemen) ha parlato di scoperta dal “valore obiettivo” che consente di conoscere meglio la “presenza monastica cristiana”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/11/2022
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Chiesa

L’uomo succube del robot

Lo pseudotecnicismo tende, attraverso varie fasi, a svuotare, omologare, manipolare a piacimento, le persone, a renderle meri individui consumatori persi in una massa anonima. Gli stessi potenti sono in realtà schiavi di questo meccanismo. L’uomo diventa succube del robot da lui creato. Restano il denaro ed il mero potere a guidare le sorti del mondo.

Leggi tutto

Chiesa

Indonesia - Un nuovo monastero nella foresta

Il villaggio in cui sorge il nuovo monastero è un’area remota in mezzo alla foresta indonesiana a tre ore e mezza di macchina da Ketapang e dove le strutture pubbliche sono ancora molto limitate. La proprietà era stata acquistata decenni fa dall’allora vescovo mons. Blasius Pujaraharja.

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi ed il discorso alla Camera di Giorgia Meloni

Non ho sentito neanche una parola che mi abbia causato un minimo di sussulto emotivo o anche solo intellettuale, politico. Tutta ‘sta novità è flat tax e rottamazione saldo e stralcio delle cartelle esattoriali?

Leggi tutto

Storie

Suore di clausura aprono pagina Facebook ma la Santa Sede dice no

Suore di clausura commissariate perché troppo social. E allora, loro, si oppongono all’arrivo di una nuova madre superiora. Succede in Toscana, a Pienza. L’ultimatum è scaduto ma le 13 suore di clausura non ne vogliono sapere di accogliere una nuova donna alla guida del loro convento di clausura, prevista da un decreto della Santa sede. Il monastero coinvolto è quello di “Maria Tempio dello Spirito Santo” a Pienza (in provincia di Siena), come riporta la stampa locale, che ospita 13 suore benedettine di clausura.

Leggi tutto

Storie

Congo: basta guerre

“Si faccia tutto il possibile per porre fine alle sofferenze delle popolazioni dell’Est della Repubblica Democratica del Congo (RDC)” chiedono i membri dell’Associazione delle Conferenze Episcopali dell’Africa Centrale (ACEAC) lanciando un “appello fraterno” ai leader della regione dei Grandi Laghi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano