Storie

di Nathan Algren

Malesia - Leader cristiani chiedono moderazione al nuovo governo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Anwar Ibrahim, storico leader dell’opposizione a capo della coalizione Pakatan Harapan, ha prestato giuramento il 24 novembre in qualità di primo ministro davanti al re della Malaysia, Abdullah Ri’ayatuddin Al-Mustafa Billah Shah, sultano di Pahang.

Ora non lo attende un compito facile: formare un nuovo esecutivo dopo che alle elezioni del 19 novembre nessuna delle tre principali coalizioni del Paese ha raggiunto la maggioranza per governare. Il Pakatan Harapan ha ottenuto 82 seggi, il Perikatan Nasional 73 e il Barisan Nasional, la formazione guidata dall’Umno (United Malays National Organisation), al governo per quasi mezzo secolo dopo l’indipendenza del Paese, solo 30.

Il primo compito dell’esecutivo sarà affrontare il rallentamento della crescita economica e ridurre le tensioni etniche accesesi dopo le votazioni della settimana scorsa. I leader cristiani del Sarawak, Stato del Borneo, hanno chiesto che il Gabungan Parti Sarawak (Gps) esca dalla coalizione del Perikatan Nasional, che ospita anche il Partito islamico della Malaysia (Pas), uno schieramento islamista di estrema destra. Il Gps ha oggi ha poi dichiarato che entrerà a far parte della coalizione Pakatan Harapan.

Ieri nella capitale del Sarawak Kuching almeno cinque veicoli hanno girato per la città intonando slogan di protesta e sventolando striscioni con cui chiedevano ai residenti locali di opporsi alla decisione del Gps di entrare in un governo col Perikatan Nasional.

“La mia posizione è che agli estremisti non può essere permesso di normalizzare il loro odio per altre razze e persone di altre fedi e ancor meno devono essere incoraggiati e sostenuti”, ha dichiarato il vescovo anglicano Danald Jute.

“È importante proteggere l’armonia, il rispetto e l’accettazione reciproca nel Sarawak”, ha detto ad AsiaNews l’arcivescovo di Kuching mons. Simon Poh. “L’estremismo religioso e il fondamentalismo non hanno posto qui a Sarawak né in Malaysia. Dobbiamo tornare ai principi fondanti del Paese, stabiliti dai nostri antenati e sanciti dai Rukun Negara”, l’ideologia e filosofia su cui si basa l’idea di nazione malaysiana, simile alla Pancasila della vicina Indonesia.

I Rukun Negara sono stati redatti nel 1970 in un momento di fragilità sociale e politica del Paese. “Si tratta di far fede a quegli obiettivi che sono: raggiungere e promuovere una migliore unità della società, preservare uno stile di vita democratico, creare una società giusta in cui la prosperità del Paese possa essere goduta insieme in modo equo e corretto, garantire un approccio liberale nei confronti delle ricche e variegate tradizioni culturali, costruire una società progressista che faccia uso della scienza e della tecnologia moderna”, ha spiegato il religioso, presidente dell’Associazione delle Chiese del Sarawak.

“Tutte le nostre Chiese desiderano innanzitutto garantire la convivenza reciproca e rifiutano qualsiasi estremismo o fondamentalismo. Ci appelliamo al nostro governo del Sarawak affinché protegga l’attuale armonia multirazziale dello Stato e della nazione”.

I cristiani in Malaysia sono circa il 9% della popolazione e si concentrano negli Stati di Sabah e Sarawak, spesso marginalizzati dalla politica e dall’economia in passato.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/11/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La grande occasione di crescita

Lo scenario del governo M5S-Lega – l’unico scenario possibile a partire dai risultati del 4 marzo scorso – apre ora una decisa stagione di possibile sviluppo per il Popolo della Famiglia, a patto che si
sappia cogliere quest’occasione di crescita. L’isolamento dei pochi cattolici superstiti in Parlamento dice che è ora di restituire loro una casa comune della politica cristianamente ispirata.

Leggi tutto

Politica

Legge di bilancio; ecco la manovra

Una “legge di Bilancio espansiva”, da 30 miliardi di euro, che “accompagna la ripresa ed è in piena coerenza con gli altri documenti che guidano l’azione economica di questo Governo”, ha detto il Premier. Il Paese, nel 2022, “crescerà oltre il 6%”

Leggi tutto

Società

L’ambiguità come teleguida

L’obbligo vaccinale non dovrebbe comportare l’assunzione di responsabilità per i suoi rischi da parte dello stato?

Leggi tutto

Politica

Buoni e cattivi

Difficile situazione per il governo che come un insegnante che ha perso il controllo della classe, almeno per il momento, sembra promettere premi e comminare punizioni senza più neanche sapere bene perché.

Leggi tutto

Società

Nel nome del Padre

In quest’epoca di pazzi, in cui trionfano disgustosi falsi miti di progresso, continua imperterrito questo insensato attacco alla famiglia come Dio l’ha voluta e vengono avanti nuovi diritti che mascherano vecchie schiavitù

Leggi tutto

Chiesa

Il dono della chiave

Che dono intuire che Gesù, Dio e uomo, è la chiave di ogni cosa. Talora certe spiritualità cercano un cielo senza terra o una terra senza cielo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano