Storie

di Raffaele Dicembrino

“A TU PER TU” CON MARTINA GHEZZI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi per Romanews intervistiamo Martina Ghezzi schiacciatrice classe 2001 che nella stagione in corso di svolgimento veste la maglia dell’Assitec Sant’Elia.

Martina nativa di Milano 184 centimetri di altezza muove i primi passi nel mondo del volley nel settore giovanile del Volleyrò Casal dei Pazzi dove nelle stagioni 2017 2018 ed in quella successiva 2018 2019 vince lo scudetto under 18. Nella stagione 2019 2020 fa il suo esordio nella serie A2 con la maglia di Sassuolo e nella stagione 2020 2021 indossa i colori bianco blu dell’Hermea Olbia. La stagione scorsa 2021 2022 si trasferisce a Macerata e con la formazione arancio nera guidata da coach Luca Paniconi conquista la promozione nella massima serie.

L’intervista di Marco Boldini

1) La stagione è ormai iniziata e la tua squadra purtroppo ha solo quattro punti a tuo parere dove può arrivare Sant’Elia a fine anno?

1. Secondo me Sant’Elia quest’anno aveva un roster che tranquillamente poteva giocarsi i playoff, ma purtroppo per determinate dinamiche risulta ora come ora molto complicato potersi avvicinare a quel traguardo, anche se chi lo sa magari c’è la faremo

2) Come ti trovi in una località come Sant’Elia e come occupi il tuo tempo libero?

2. Sicuramente la città in cui mi trovo (Sant’Elia Fiumerapido) e un piccolo paesino ed è difficile trovare nei momenti liberi qualcosa da poter fare. Sicuramente quando non sono impegnata con gli allenamenti mi concentro sullo studio e quando capita esco con le mie compagne di squadra muovendoci nei dintorni (Roma)

3) Hai giocato anche a Olbia in Sardegna che vantaggi e svantaggi ci sono nel giocare in una formazione isolana?

3. L’esperienza ad Olbia è stata per me molto gratificante. Era il primo anno che giocavo titolare in questa categoria e sicuramente è stata una stagione che porterò sempre con me nonostante gli alti e bassi. Sicuramente giocare su un isola presenta dei grandi svantaggi, infatti mi ricordo che quell’anno pochissime volte sono tornata a casa.

4) La stagione scorsa è stata trionfante per te con la maglia di Macerata hai conquistato la promozione in serie A1 a tuo parere qual è stato il fattore predominante che ha portato a questo risultato inaspettato?

4. Si l’anno scorso è stato forse l’anno migliore da quando gioco a pallavolo. Penso sempre che uno degli aspetti fondamentali non tanto per vincere le partite ma per vincere i campionati sia il gruppo. Noi a macerata non avevamo delle macchine da guerra o dei giocatori che spaccavano il campionato, ma quello che ha fatto davvero la differenza è stato sicuramente il grande gruppo con una grande capacità di aiutarsi, amalgamato sia in campo che fuori.

5) Hai vinto tre scudetti giovanili con la Volleyrò Casal dei Pazzi cosa ti ricordi di quel periodo?

5. Mi ricordo che quel periodo per me è stato davvero molto complicato. Ero tanto lontana da casa e spesso mi chiedevo se quello fosse davvero la mia strada o meno.

In quegli anni tra le ragazze che vivevano con me ho trovato delle compagne di vita e di viaggio stupende che insieme alla mia famiglia mi hanno permesso di arrivare al traguardo finale.

Sicuramente la vittoria dei tre scudetti e un emozione che facilmente si scorda nella vita, però penso sempre che quello sia stato semplicemente il frutto del duro lavoro fatto negli anni.

6) L’esordio in serie A2 con la casacca nero verde di Sassuolo che significato ha avuto per te?

6. Diciamo che ho pochi ricordi di Sassuolo, semplicemente perché quell’anno tra la situazione covid e le numerose partite perse è stato forse l’anno più fallimentare di tutta la mia carriera. L’esordio in A2 è sicuramente stato molto emozionante e lo aggiungo ai tanti ricordi importanti che questo sport mi ha permesso di mettere via.

7) Che rapporto hai con i tuoi tifosi?

7. Con i tifosi non ho tutto questo rapporto, se non se si tratta di mia amiche o della mia famiglia.

8) Una volta finita la carriera agonistica come hai programmato il tuo futuro?

8. Sto studiando ingegneria civile, una facoltà molto dura è molto tosta che spesso mi porta via davvero tante ore di studio. Secondo il mio parere personale è molto importante costruirsi una seconda strada da percorrere perché purtroppo la carriera pallavolista non dura per sempre.

9) Che rapporto hai con la tua famiglia ti seguono durante la stagione come gestisci la lontananza?

9. Con la mia famiglia ho un rapporto unico. Mia sorella è colei che mi aiuta ogni giorno a superare la difficoltà e mi sostiene.

I miei genitori sono coloro che mi hanno permesso al 100% di arrivare dove sono, spronandomi nel superare i miei limite e nell’andare oltre alle difficoltà .per quanto riguarda la lontananza appena riesco torno a casa. I miei genitori cercano sempre di farmi sentire la loro presenza, e appena riescono non si perdono una partita.

10) Sei una ragazza molto carina hai mai pensato di entrare nel mondo della moda ?

10. Diciamo che mi è sempre piaciuta l’idea di sfruttare la mia immagine, ma penso che il mondo dello sport e della moda siano in parte assolutamente incompatibili, però mai dire mai.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/12/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Storie

La Brazzale va incontro ai dipendenti che fanno figli

Di sicuro ci vuole coraggio. E così mentre parliamo della desolante situazione attuale sui temi scottanti degli ultimi tempi tiene a smentire un passaggio erroneamente riportato dal quotidiano La Repubblica in cui avrebbe parlato di Dat ed eutanasia. Il passo riporta: “Il ritardo del nostro parlamento nel regolare il diritto di morire con dignità è uno scandalo”. L’imprenditore senza esitazioni ne respinge l’attribuzione e corregge il tiro: “Nella fattispecie il tema del fine vita si è sovrapposto nella cronaca a quello della crisi delle nascite. Quelli dell’eutanasia o del suicidio assistito sono dilemmi che sbattono la nostra coscienza al muro ed ogni scelta si adotti non ci potrà che lacerare interiormente. Non da una prospettiva religiosa, dalla quale il dubbio non si pone, ma da cittadino, mi sento molto vicino a chi vive questi drammi ma non riesco ad abbandonare l’idea di una difesa ad oltranza della vita anche oltre ogni ragionevole obiezione”.

Leggi tutto

Politica

PDF le cinque cose da fare subito

L’assemblea nazionale ha incaricato due commissioni (presiedute da Nicola Di Matteo e Fabio Torriero) di indicare candidati e programma del Popolo della Famiglia per le prossime elezioni politiche

Leggi tutto

Storie

Vita e conversione, figli ed educazione: intervista a tuttotondo con Francesca Centofanti

Moglie, madre, educatrice per vocazione e per mestiere (è insegnante di scuola primaria), l’attivista romana intesse un denso dialogo con l’omologa viareggina: i segni dei tempi e quelli del tempo, la scuola e lo stato sono al centro di questa conversazione che è al contempo intima e aperta.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Media

“La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”

Il 25 settembre prossimo verrà presentato un libro inerente gli Atti del Convegno che si è svolto a Montecatini Terme il 22 Febbraio del 2020; il libro sarà intitolato: “La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”» e sarà edito dalla Casa editrice Art Florence. Il tragico farmaco, somministrato negli anni “50\60” alle donne in gravidanza (per alleviare nausee e vomito), ha provocato migliaia e migliaia di aborti insieme ad un gran numero di bambini focomelici.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano