Chiesa

di Giuseppe Udinov

Il figlio 15enne vuole cambiare sesso: battaglia legale tra genitori

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sarà un tribunale americano a decidere se Zaya Wade, 15 anni, figlio dell’ex campione di basket Dwyane Wade, può cambiare nome e sesso pur non avendo raggiunto la maggiore età. Intanto lo sportivo è in piena battaglia legale con l’ex moglie, Siohvaughn Funches, che si oppone e lo ha citato in giudizio con accuse precise: “Sostiene la transizione di nostro figlio per scopi di lucro”. Negli Stati Uniti la vicenda che coinvolge il campione di basket Dwyane Wade e suo figlio sta tenendo banco da settimane. Da tempo l’adolescente, 15 anni, ha intrapreso un percorso di transizione per diventare donna dopo avere fatto coming out nel 2020. Sui social, dove è seguito da oltre 600mila follower, si fa chiamare Zaya e lavora come modella. Recentemente è apparso su alcune copertine di moda americane al fianco dell’attuale compagna del padre, Gabrielle Union, per parlare proprio della sua storia di transgender.

Dwyane Wade ha sostenuto sin da subito il desiderio del figlio di diventare donna e nel febbraio 2020, durante una ospitata nello show di Ellen DeGeneres, lo sportivo parlò pubblicamente del suo sostegno all’identità di Zaya dicendosi “orgoglioso di avere un bambino nella comunità Lgbtq+”. Così Wade, che ha l’affidamento esclusivo del ragazzo, ha presentato un atto legale in tribunale per chiedere il cambiamento del nome e del sesso di Zaya.

L’ex moglie di Wade, Siohvaughn Funches, si è però opposta con fermezza alla scelta dello sportivo di non aspettare i 18 anni di Zaya per presentare la richiesta di cambio di nome e sesso. La donna ha fatto sapere di non essere contraria al processo di transizione del figlio, ma di volere attendere la maggiore età di Zaya. Poi ha accusato l’ex coniuge di sostenere la scelta di genere dell’adolescente solo per fini di lucro. “Nell’obiezione Funches afferma di aver avuto un incontro con Wade in aprile - riferisce il sito americano Npr - durante il quale: ‘Wade mi ha detto che intendeva rendere nostro figlio molto famoso a causa del nome e della questione del genere e mi ha anche informato che ci sarebbero state approvazioni/ contratti ad esso collegati’”. Mentre ad altre riviste la donna ha parlato di pressioni: “Temo che Dwyane possa fare pressioni su nostro figlio affinché vada avanti con il nome e il cambio di genere per capitalizzare le opportunità finanziarie che ha ricevuto dalle aziende”.

L’udienza che stabilirà chi tra i due genitori ha ragione è fissata per il 12 dicembre. Fino a quel momento il tribunale non si pronuncerà sul cambio di nome e genere di Zaya Wade. Ma intanto emerge che l’ex star del Nba starebbe negoziando con la Disney un contratto milionario proprio a nome dell’adolescente. Zaya non sarebbe il primo giovane transgender star dei social a firmare contratti multimilionari per trasmissioni, libri e altri progetti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/12/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

GENDER X, FOLLIE DA SUICIDIO

La decisione del consiglio comunale di New York di consentire ai genitori per motivi evidentemente ideologici di inventarsi figli di “gender X” equivale ad aver deciso per quello sfortunato bambino la consegna al tentativo di suicidio entro i vent’anni, con probabilità superiore a uno su due. Frattanto in Italia è morto il primo ragazzo per Fentanyl, per i giochi perversi degli adulti sulla pelle dei figli.

Leggi tutto

Chiesa

Vescovi Usa: approvato il documento sull’Eucaristia

Con 222 voti favorevoli e 8 contrari, la Usccb, riunita in plenaria a Baltimora, dà il placet al testo “Mistero dell’Eucaristia nella vita della Chiesa”.

Leggi tutto

Società

Gli atleti trans sempre in vantaggio

Le proteste non hanno vinto il politicamente corretto: «Più nuotatrici hanno sollevato il problema, più volte», ha raccontata un’atleta al DailyMail. «E’ decisamente imbarazzante perché Lia ha ancora parti del corpo maschili ed è ancora attratta dalle donne. Ma in pratica ci è stato detto che dobbiamo girarci e accettarlo, oppure non possiamo usare il nostro spogliatoio». Solo due o tre atlete supportano Thomas, la maggior parte ha paura di parlare e la scuola vieta agli studenti di parlare con i media.

Leggi tutto

Politica

40 miliardi stanziati dagli Usa per l’Ucraina andranno al sistema delle armi.

La maggior parte dei 40 miliardi di dollari in assistenza stanziati dall’amministrazione Biden all’Ucraina non andrà direttamente all’esercito di Kiev ma agli appaltatori della Difesa degli Stati Uniti.

Leggi tutto

Storie

USA. Abortisti vandalizzano chiese e centri pro life

Non si placa la violenza dei gruppi pro-aborto negli Stati Uniti. Almeno 76 edifici, tra chiese e centri pro-vita, sono stati infatti oggetto di incendi dolosi e atti di vandalismo dal mese di maggio a oggi, ovvero da quando è trapelata la notizia che la Corte Suprema degli Stati Uniti avrebbe ribaltato la sentenza Roe vs. Wade.

Leggi tutto

Storie

Il primo trans eletto nel New Hampshire arrestato per molestie

Il primo trans eletto nel New Hampshire dura una settimana: subito arrestato per molestie.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano