Società

di Nathan Algren

Le donne asiatiche sono le più ricche del mondo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Per la prima volta nella storia le donne asiatiche detengono più ricchezza di qualunque altra regione ad esclusione del Nord America, mentre la previsione di crescita dei loro patrimoni è la più veloce al mondo. Secondo un’analisi condotta dal Boston Consulting Group per il quotidiano Nikkei Asia basata sulla ricchezza finanziaria (fondi di investimento, azioni quotate e non, obbligazioni, eccetera), le donne asiatiche deterranno 27mila miliardi entro il 2026, una cifra pari a 6 trilioni in più rispetto alle donne dell’Europa occidentale. Dal 2019 la loro ricchezza collettiva è aumentata di 2mila miliardi all’anno, una tendenza che si prevede continuerà anche nei prossimi anni con un tasso di crescita di oltre il 10,5%.

Le miliardarie dell’Asia sono passate da essere 13 nel 2010 a 92 nel 2022. Tuttavia il 75% della forza lavoro femminile continua a essere occupata in maniera precaria e a concentrarsi in settori informali, con bassi stipendi e senza protezione sociale. Le disuguaglianze economiche continuano a essere un elemento fondamentale nelle economie asiatiche, dove il 10% della popolazione più ricca possiede oltre il 60% della ricchezza, lasciando circa il 5% al ​​50% più povero. Il divario è ancora più ampio in India e Cina, i due Paesi più popolosi del continente. L’Asia meridionale e la Cina presentano alcuni dei peggiori indicatori indagati dal quotidiano asiatico.

Negli ultimi trent’anni sempre più donne sono entrate a far parte del mercato del lavoro, ma il dato varia da Paese a Paese: si passa infatti dal 7,4% del Pakistan a quasi il 42% del Vietnam. A determinare questa percentuale sono soprattutto fattori sociali e culturali. In India, per esempio, la divisione in caste ha svolto un ruolo importante sulla crescita delle disuguaglianze: una donna dalit (appartenente alla categoria un tempo denominata degli “intoccabili”) ha molte più probabilità di essere povera rispetto a una donna proveniente da caste superiori.

La partecipazione alla forza lavoro è determinata dal livello di istruzione, l’età di matrimonio e il numero di figli. Secondo il Nikkei Asia per tutti i Paesi presi in esame si è registrato un certo progresso (il livello di istruzione si è alzato, le donne si sposano più tardi e fanno meno figli), però non sempre questo si è tradotto in un aumento della partecipazione delle donne nel mercato del lavoro: in Cina, per esempio, la percentuale, che nel 1991 era del 40% è scesa al 33,4%, mentre l’India ha registrato un forte calo a partire dal 2005.

Anche la quantità di lavoro di cura non retribuito incide sulle probabilità di impiego (e quindi sulla possibilità di accumulare ricchezza). In Bangladesh, per esempio, le donne devono dedicare al lavoro di cura fino a 6 ore, mentre gli uomini in media meno di una.

L’accumulazione di ricchezza è infine determinata anche dalla capacità di risparmio e d’investimento e qui sono state rilevate altre grandi differenze: in India e in Bangladesh, la maggior parte delle donne fa affidamento su amici e parenti in caso di emergenza finanziaria, mentre il 60% delle donne pakistane o quasi il 90% delle donne di Singapore conta sui propri risparmi. Non tutte però riescono a risparmiare: in molti Paesi si sono registrati dei cali. In Cina, la percentuale di donne che risparmiano denaro è diminuita, passando dal 70% del 2014 al 45,7% del 2017, ma simili diminuzioni sono state registrate anche in Indonesia, Thailandia e Vietnam. Le donne che fanno affidamento su istituzioni finanziarie infine sono oltre il 60% a Singapore, ma solo l’1,9% in Pakistan.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/12/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

«L’epoca dell’aborto sta passando». Intervista esclusiva con Thérèse Hargot

Esce dopodomani nelle librerie il pamphlet della sessuologa belga che sta infiammando la Francia. L’autrice si è intrattenuta in un’intervista col traduttore italiano

Leggi tutto

Politica

Bruxelles via libera al regime italiano da 4,5 miliardi

La Commissione europea ha approvato un regime italiano da 4,5 miliardi di euro per sostenere le imprese e l’economia nel contesto della pandemia di coronavirus. Il regime è stato approvato nell’ambito del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato.

Leggi tutto

Società

L’uso problematico dei videogiochi in adolescenza

Una ricerca dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr, dell’Università di Padova e della Flinders University ha rivelato come fattori socioeconomici possano influenzare il rischio di gaming problematico negli adolescenti europei. Lo studio riporta che il 20% dei giovani è ad alto rischio e che i ragazzi sono tre volte più esposti rispetto alle coetanee. Danimarca e Romania presentano rispettivamente la percentuale più bassa (12%) e più alta (30%) del fenomeno. L’Italia è al di sopra della media europea con circa il 24%. Positivo il ruolo della famiglia e delle politiche sociali. La ricerca è stata pubblicata su Addiction

Leggi tutto

Società

Filippine - Crisi economica e Covid affossano le scuole cattoliche

Dopo oltre 30 anni di attività il Colegio De San Lorenzo, scuola privata cattolica fondata nel 1987 a Quezon City, ha annunciato la sospensione permanente di tutte le attività a causa della grave crisi finanziaria attraversata dall’istituto, acuita dal Covid.

Leggi tutto

Società

Cina e crisi demografica

Persi 850mila abitanti, vicino il sorpasso dell’India. Nel 2022 il Pil nazionale è cresciuto solo del 3%, seconda peggiore prestazione dal 1976. Con invecchiamento della popolazione le previsioni economiche non sono rosee

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano