Storie

di Roberto Signori

Sudan - Allarme abuso di droghe tra i giovani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un aumento della criminalità che non ha precedenti nella regione di Kassala, a causa dell’abuso e della disponibilità di droghe, è stato denunciato dal capo del dipartimento della National Campaign to Combat Drugs (NCCD) della città. Il fenomeno è particolarmente diffuso tra i giovani ma al momento non c’è una stima ufficiale sul numero di tossicodipendenti.

Kassala si trova al confine con l’Eritrea e l’intera popolazione è in preda al panico, si legge in una nota diffusa dalla NCCD, per il proliferarsi di fenomeni criminali principalmente all’interno delle famiglie.
Osman ha spiegato che l’Afia Centre del Kassala Clinic for Addiction Treatment, che si occupa della cura delle dipendenze, riceve quotidianamente nuovi casi. Per fare fronte a questa ennesima crisi, che si va ad aggiungere all’emergenza alimentare (vedi Agenzia Fides 10/10/2022), ai conflitti tribali che affliggono il Paese, il dipartimento NCCD, in collaborazione con il governo di Kassala, oltre alle forze militari e di polizia e alle agenzie delle Nazioni Unite, stanno promuovendo una campagna per sensibilizzare i giovani sui pericoli. La sostanza che crea maggiore dipendenza è, in particolare. la metanfetamina, nota anche come ‘ice’, “che crea dipendenza fin dalla prima dose, a differenza dell’eroina che di solito deve essere usata più volte”, hanno spiegato i promotori.
L’abuso di droghe, inoltre, alimenta l’animosità tra molti giovani coinvolti in proteste. Si dice, ad esempio, che ultimamente gruppi di manifestanti contro la giunta militare a Khartoum assumano la crystal meth, stimolante che crea dipendenza. In una dichiarazione rilasciata da un attivista si legge che in passato l’abuso di droga era legato a fasce di età tra i 20 ei 30 anni. Al momento, tuttavia, gli abusi iniziano già ad appena 12 anni.
Sebbene negli anni ‘70 comparissero notizie di contrabbando di stupefacenti in Sudan, solo nel 2003 è stato istituito un dipartimento specializzato per la lotta al narcotraffico. La situazione è andata ad aggravarsi nell’ultimo decennio. La cannabis è ancora coltivata in Sudan, in particolare a El Radoom nel Darfur meridionale, ed è opinione diffusa nel Paese che i sudanesi consumino alcol e cannabis per divertirsi e alleviare le difficoltà della vita.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/12/2022
2406/2024
Natività di San Giovanni Battista

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Yann Moix: “non potrei mai amare una cinquantenne”

Yann Moix: “Potrebbe mai amare una donna di 50 anni?“, “Ah no, non esageriamo, è impossibile“. “Ma si rende conto che è orribile?”, domanda allora la giornalista. E lui risponde: “Dico la verità, a 50 anni non potrei mai amare una donna di 50”. “Ma perché?”, continua l’intervistatrice. “Le trovo troppo vecchie, forse quando avrò 60 anni ne sarò capace, allora una donna di 50 mi sembrerà giovane”. A dire queste frasi in un’intervista a Marie Claire è lo scrittore francese Yann Moix, che di anni ne ha proprio 50 e non è certo Brad Pitt. Non contento, poi ha rincarato la dose:  “Le 50enni per me sono invisibili, preferisco i corpi della donne giovani, tutto qua. Punto. Il corpo di una donna di 25 anni è straordinario, quello di una donna di 50 anni non lo è affatto”.

Leggi tutto

Storie

Il Messaggio di libertà di don Emanuele Personeni

Don Emanuele Personeni, parroco di Mapello, scrive una lunga lettera annunciando che venerdì 11 febbraio intraprenderà un cammino per l’Italia per portare una riflessione su come vengono trattate le persone che hanno deciso di non vaccinarsi.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Nominato il nuovo Superiore generale dei Camilliani

“Sono cosciente delle difficoltà e delle sfide che abbiamo ma sono anche cosciente delle nostre opportunità”. Si è rivolto con queste parole alla Consulta dei Ministri degli Infermi, MI, riuniti in occasione del LIX Capitolo generale padre Pedro Tramontin, eletto 61° Superiore generale dell’Ordine.

Leggi tutto

Storie

Il buddhismo e la crisi in Thailandia

Le trasformazioni del Paese ma anche i comportamenti opinabili di diversi esponenti religiosi ha ridotto sensibilmente il numero dei giovani che entrano in monastero entro i 20 anni

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Diritti delle minoranze

Nasira Iqbal, giudice in pensione, ha dichiarato: “Sono passati otto anni dall’emanazione di quel pronunciamento e stiamo ancora aspettando la sua attuazione. È responsabilità del governo attuare gli ordini dei tribunali e affrontare gravi problemi che le minoranze incontrano in Pakistan. La sentenza sottolinea l’uguaglianza dei diritti per tutti i cittadini, indipendentemente dalla fede, pertanto il governo deve sviluppare programmi di studio inclusivi e tolleranti per tutti, come disposto dal tribunale”.

Leggi tutto

Storie

Il nuotatore trans Lia Thomas concorre per essere atleta donna dell’anno

Il nuotatore trans Lia Thomas, già al centro di innumerevoli polemiche per aver partecipato a competizioni femminili (e per averle vinte grazie al vantaggio che gli deriva dal possedere una struttura fisica maschile) e lo spiacevole vizietto di voler dividere gli spogliatoi con le colleghe femmine, è stato proposto come atleta (donna) dell’anno 2022 dall’Università della Pennsylvania.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano