Media

di Roberto Signori

In nome della madre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Fino al 18 dicembre al Teatro 7 Off di Roma si può assistere a In nome della madre, atto unico diretto da Michele La Ginestra. È la storia di Maria, delle sue emozioni e delle sue sensazioni più intime, scaturite dall’annuncio dell’arcangelo Gabriele. Una rivelazione che tocca profondamente anche Giuseppe che, affidandosi completamente a Dio, decide di difendere la sua futura sposa assumendosene i rischi. Un racconto che appartiene a ognuno di noi, a chiunque voglia confrontarsi con gli annunci che la vita gli propone. “Stiamo attenti ai messaggi del Signore che spesso arrivano in modi diversi e inaspettati”, afferma il regista, per il quale “tante volte il nostro è indispensabile per poter dare un senso alla vita che stiamo vivendo”.

In scena soltanto tre personaggi, una Maria narrante, una Maria giovane e Giuseppe. Gli attori a cui è stato affidato l’arduo compito di interpretare figure così intense sono Beatrice Fazi, Ilaria Nestovito e Francesco Stella che, già l’anno scorso, al primo debutto dell’opera, hanno riscosso un grande successo di pubblico. “A me ha interessato molto l’umanità di questi due personaggi e soprattutto il fatto che Giuseppe avesse detto un sì che equivale al sì di Maria - prosegue La Ginestra - cioè questa accettazione di questo regalo magnifico per l’umanità è avvenuta da parte di entrambi”.

Il regista ha anche analizzato come un evento di duemila anni fa possa essere ancora oggi molto attuale. “Mi sono immaginato la fatica di un viaggio con un bimbo in grembo, con le difficoltà di dover comunicare alla comunità ciò che era accaduto senza che questa potesse comprendere - spiega ancora il regista - il fatto di essere così decisi nel far nascere questo bambino assomiglia un po’ alle storie di alcuni profughi che oggi sono costretti ad attraversare mari ostili per portare in salvo la propria famiglia e per poter far nascere dei bambini che magari saranno poco accettati dalle persone che li ospiteranno”. Questo dimostra che la storia di Gesù appartiene a tutti, non bisogna sentirla lontana ma, soprattutto, specifica La Ginestra, vuole essere un invito alla speranza, alla gioia e alla salvezza che è necessario attualizzare. “Stiamo attenti, dunque, ai messaggi del Signore che spesso arrivano in modi diversi e inaspettati. Tante volte - conclude - il nostro sì è indispensabile per poter dare un senso alla vita che stiamo vivendo”

.La particolarità dello spettacolo di Michele la Ginestra, che dopo Roma sarà a Novara e Udine, è la presenza sulla scena di una Maria narrante, che ricorda l’esperienza della sua maternità, attraversando diversi stati d’animo. Questo personaggio è interpretato dalla poliedrica attrice Beatrice Fazi, che racconta di aver rifiutato in passato alcuni lavori in cui avrebbe dovuto incarnare la Madonna perché non si sentiva all’altezza di interpretare questo ruolo. “Questa volta mi è piaciuta l’idea di essere calata in una realtà attuale – afferma l’attrice – il mio personaggio è un po’ l’emblema della precarietà, della maternità non accolta. È una donna che, calata nei giorni nostri giorni, vive il disagio di fuggire da una guerra, di essere ultima tra gli ultimi”. Una situazione, dunque, che può essere molto vicina a tutte le donne in difficoltà e che sottolinea il bisogno di aprirsi a una fiducia che va oltre le possibilità e aspettative. “Mi è piaciuto rappresentare l’umiltà e la predisposizione all’obbedienza che appartiene alla Madonna – sottolinea ancora Fazi - quando riusciamo a viverla anche nella nostra vita, ci fa sentire figli”. È proprio questo il punto di forza dell’opera: riuscire a trasmettere la sensibilità e l’umanità di Maria e Giuseppe. “ In nome della madre - conclude Fazi - è uno spettacolo che credo continuerà ad avere una lunga vita perché racconta una storia bellissima”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/12/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa: “Grazie per l’intensa partecipazione alla preghiera a Maria”

In un tweet sul suo account @Pontifex, Francesco ricorda l’Atto di consacrazione dell’umanità, in particolare di Russia e Ucraina.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Chiesa

L’incoronazione della Vergine

Il 22 agosto, si celebra la solennità della Beata Vergine Maria Regina, che chiude il ciclo annuale delle feste mariane,  nell’ottava dall’Assunzione.

Leggi tutto

Storie

A Ravanusa “tutto è compiuto”

Un funerale amaro. Un funerale difficile. Un funerale partecipato. Un funerale per chi spera nonostante tutto perché la morte improvvisa di dieci persone colpisce tutta la comunità:

Leggi tutto

Chiesa

Sulla Consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria

Il 25 marzo 2022 il Santo Padre ha fatto la consacrazione alla Madonna della Russia e dell’Ucraina.

Leggi tutto

Politica

LA #RIVELAZIONE “VIRTUALMENTE PIENA” DI GESÙ

Rivolgiamo la nostra attenzione pure a Gesù, che si definisce pane della vita e che non respingerà chi va a Lui

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano