Storie

di Giuseppe Udinov

I nomi più usati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Leonardo e Sofia risultano i nomi più gettonati da mamme e papà italiani nel 2021: questo il dato riportato dall’Istat all’interno del suo rapporto su “Natalità e fecondità della popolazione residente”. I neo genitori, quindi, optano per soluzioni in un certo senso più “tradizionaliste”, accantonando quelle esotiche o ispirate da film, serie televisive o personaggi del mondo della musica come accadeva, ad esempio, negli anni ottanta.

Tra i nomi maschili svetta ancora una volta, mantenendo il primato già conseguito nel 2018, quello di Leonardo. Alessandro, che sale di una posizione rispetto alla classifica del precedente anno, arriva al secondo posto e scalza Francesco, che dalla seconda piazza scivola fino alla quarta. Balza invece sul gradino più basso del podio per la prima volta in assoluto il nome Tommaso.

Tra quelli femminili mantiene il primo posto nel gradimento dei neo genitori il nome Sofia. A contendersi ancora una volta la seconda posizione, ma con un’inversione rispetto alla valutazione dello scorso anno sono Aurora (che riconquista il secondo gradino del podio) e Giulia (che quest’anno scende al terzo posto). Ginevra, invece, mantiene la quarta posizione già occupata nelle scorse rilevazioni Istat.

Per quanto concerne nello specifico la distribuzione geografica delle scelte, invece, si può rilevare come Leonardo risulti la soluzione prediletta nelle regioni centro settentrionali dello Stivale, ad eccezione della provincia autonoma di Bolzano, in cui è Noah a primeggiare. Al sud e sulle Isole prevale in Abruzzo e per la prima volta in Sardegna e Sicilia, dove riesce a scavalcare lo storico “Giuseppe”, novità assoluta. Francesco, invece, domina nel meridione solo in Puglia e Calabria, Antonio primeggia in Campania e Basilicata, mentre Lorenzo raggiunge il posto più alto del podio per la prima volta in Molise. Nonostante il terzo posto a livello nazionale, Lorenzo non raggiunge mai il podio in nessuna delle regioni italiane.

Sofia domina incontrastata in tutte le regioni dell’Italia centro-settentrionale: le uniche eccezioni sono rappresentate dalla provincia autonoma di Bolzano (dove si continua a preferire Emma), da Liguria e Umbria (dove prevale Aurora). Al centro sud Sofia diventa la soluzione prediletta di Abruzzo, Basilicata e Calabria. Giulia resta al primo posto nelle regioni di Molise, Puglia e Sicilia, mentre Aurora è la scelta più gettonata dai nuovi genitori in Sardegna e Campania.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/12/2022
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Alfie: se questo (non) è un bimbo

«Alfie non era più e forse non era mai stato un bambino»: tra le tante perle d’insulto mortale sciorinate sui media nelle ultime settimane questa di Laura Zambelli Del Rocino raggiunge una qualche posizione apicale. L’articolista parla della vicenda sanitaria del proprio padre senza vedere che proprio in quella sta la chiave – l’unica – per una sanità che non sia disumana.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Società

Somalia; 1,4 milioni di bambini a rischio di malnutrizione acuta

Secondo l’ultimo Somalia Food Security and Nutrition Assessment della scorsa settimana, di questi 1,4 milioni di bambini, circa un quarto, ovvero 329.500 bambini, soffrirà di malnutrizione acuta grave quest’anno.

Leggi tutto

Società

Filippine: allarme malnutrizione

Sono sempre più le famiglie che non dispongono di cibo sufficiente per periodi lunghi di tempo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Preghiamo per i bambini che vivono povertà e abbandono

Nel videomessaggio con l’intenzione di preghiera di novembre, il Papa rivendica i diritti fondamentali dei più piccoli e chiede di pregare perché possano accedere all’istruzione e ai servizi di base e sperimentare l’amore di una famiglia

Leggi tutto

Società

Emergenza bambini

L’organizzazione rivela i preoccupanti dati che denunciano il peggioramento delle condizioni di bambini e bambine, soprattutto di coloro che vivono in zone toccate da povertà o guerra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano