Storie

di Roberto Signori

Influencer follia sui bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un’altra polemica investe gli eccessi del mondo degli influencer. Da un po’ di tempo in Inghilterra, tra i beniamini dei social, in particolar modo tra le neo mamme, è scoppiata una strana tendenza. Sono infatti sempre di più le influencer che radono la testa dei figli appena nati, per poi postare le foto in rete. Un modo per far parlare di se? Forse, per aumentare i follower? Probabile, cio che è certo, è che nel Paese d’oltre manica si sia alzato un polverone che ha investito molte modelle di Instagram e Tik Tok. Ancora una volta quindi si discute se sia il caso che i genitori, non solo influencer, postino o meno le foto dei figli.

Come riportato dal DailyMail, l’influencer Ruby Tuesday Matthews (236mila follower su Instagram) ha innescato una discussione sulle sue pagine dopo aver ammesso, la scorsa settimana, di aver rasato la testa della figlia Holiday, appena nata. Pubblicando in seguito anche le foto del momento. Da qui è partito un effetto domino per il quale altri influencer hanno cominciato a fare la stesssa cosa. Chloe Szepanowski, 24 anni e gia 621mila follower, ha rasato la testa al figlio di tre mesi per poi mostrarlo sulla sua pagina Instagram. Se da una parte però le donne in questione sono state accusate di usare i propri bimbi come esca per aumentare i follower, dall’altra parte invece sono stati i “seguaci” stessi a prendere le loro parti: «ci sono culture che lo fanno da anni» dice qualcuno, altri sostengono che serva a rafforzare il capello dei bimbi e afferma: «il mio bambino ha i capelli a chiazze, rasarlo gli permette di avere una ricrescita più forte e omogenea». Se il metodo funzioni o meno non è dato sapere, cio’ che è certo è che molto probabilmente le polemiche sono destinate a crescere.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/01/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco benedice le campane “La voce dei non nati”

Sulla campana dei pro life polacchi sono incise le parole del beato Jerzy Popiełuszko, “La vita di un bambino inizia sotto il cuore della madre”, assieme al messaggio esplicito del Quinto Comandamento dato da Dio a Mosè “Non uccidere”.

Leggi tutto

Media

L’inquinamento acustico si misura con lo smartphone

Un esperimento di scienza partecipata ha permesso di misurare il rumore esterno che arriva nelle abitazioni degli italiani, grazie a un protocollo in grado di analizzare l’associazione tra i livelli sonori misurati, il comfort individuale e i fattori sociali e ambientali del contesto sonoro di riferimento. I risultati dello studio, firmato dall’Istituto nanoscienze e dall’Unità comunicazione e relazioni con il pubblico del Consiglio nazionale delle ricerche, dagli Istituti clinici scientifici “Maugeri” e da Arpa Piemonte, sono pubblicati su PlosOne

Leggi tutto

Società

India - Bande criminali vendono neonati di famiglie povere

Alcuni casi venuti alla luce da indagini dei funzionari per la protezione dell’infanzia, coinvolto anche un medico.

Leggi tutto

Politica

LIBANO - Elezioni, padre Zgheib; cercasi compromesso

Dalle urne delle elezioni parlamentari libanesi, svoltesi domenica 15 maggio, esce un quadro politico a rischio paralisi, segnato sia dalla frammentazione delle sigle politiche che dalla polarizzazione dei potenziali assi di alleanza contrapposti.

Leggi tutto

Storie

Atteggiamenti sotto le dittature

Fa riflettere nell’epoca dell’onnipervasivo pensiero unico rilevare le risposte più frequenti di coloro che del pensiero unico si fanno in vario modo strumenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano